Russiagate Siria Maduro: intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

0
Condividi

Pubblichiamo la sintesi della dettaglia intervista rilasciata dal Presidente Donald Trump al New York TimesRussiagate Siria Maduro: intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

Un Presidente ribelle. Donald Trump dichiara che ha quasi rinunciato a negoziare con il Congresso sul suo muro di confine e lo costruirà da solo. Il Presidente respinge  poi qualsiasi ipotesi di coinvolgimento nelle irregolarità che in merito alle indagini sul russiagate riguardano i suoi associati.

Nell’intervista rilasciata nello Studio ovale, Trump ha definito “una perdita di tempo” i colloqui con l’opposizione per il finanziamento del muro col Messico e ha indicato che molto probabilmente agirà da solo quando fra due settimane riprenderanno le limitazioni dello Shoutdown. Allo stesso tempo, ha espresso ottimismo riguardo al raggiungimento di un accordo commerciale con la Cina e ha negato di essere in disaccordo con i capi dei servizi segreti.

“Penso che Nancy Pelosi stia danneggiando molto il nostro paese facendo quello che sta facendo e, alla fine, penso di aver impostato il tavolo molto bene”, ha detto Trump che non ha accennato alla nuova chiusura dell’attività del Governo federale, ma ha invece anticipato che intende dichiarare lo stato d’emergenza nazionale per costruire il muro. “Ho preparato il tavolo”-  ha detto. “Ho preparato il terreno per fare quello che ho intenzione di fare”.

Russiagate Siria Maduro: intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

Affrontando una vasta gamma di argomenti, Trump ha poi  tentato di liquidare le domande sulle indagini relative alla russiagate, che stanno condizionando notevolmente l’andamento della presidenza, dicendo che i suoi avvocati sono stati rassicurati dal vice Procuratore generale uscente, Rod J. Rosenstein, che il Presidente stesso non era un bersaglio dell’inchiesta. “Ha detto agli avvocati che non sono un soggetto delle indagini, non sono un bersaglio”, ha sottolineato Trump.

Ma anche se così fosse, non si sa ancora se l’intera questione verrà o meno  sottoposta al Congresso per possibili udienze di impeachment.

Trump ha aggiunto che non ha mai parlato con Roger J. Stone Jr., il suo socio di lunga data che è stato incriminato la scorsa settimana, su Wikileaks e le mail democratiche rubate che ha postato durante le elezioni del 2016.

Ha mai istruito qualcuno a mettersi in contatto con Mr. Stone su Wikileaks? “No, non l’ho fatto. Non l’ho mai fatto “, ha affermato e ripetuto Trump.Russiagate Siria Maduro intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

Il presidente ha poi respinto l’importanza della proposta sulla Trump Tower che la sua  impresa stava cercando di costruire a Mosca nel pieno della campagna del 2016, e ha negato il resoconto del suo attuale avvocato se durante la campagna elettorale si stesse ancora discutendo del progetto. Ha anche negato che i suoi messaggi su Twitter riguardanti ex collaboratori che collaborano con i pubblici ministeri ammettano di essere testimoni della manomissione.

Trump ha detto di non aver avuto alcun ruolo nel dirigere i funzionari della Casa Bianca affinché Jared Kushner, suo genero e consigliere, ricevesse un’abilitazione top-secret. La domanda del sig. Kushner è stata respinta almeno una volta dopo che l’ F.B.I. ha verificato i suoi contatti stranieri. Anche la C.I.A. che ha  sollevato analoghe preoccupazioni, ha continuato a negare al genero di Trump  l’accesso a “informazioni sensibili suddivise in compartimenti”.

Trump ha rilasciato l’intervista nel bel mezzo di una giornata intensa alla Casa Bianca mentre contemporaneamente  cercava di procastinare la nuova chiusura del governo nel vano tentativo di convincere i democratici a finanziare il muro col Messico e scongiurare la perdita di consensi nei sondaggi.

Con la maggior parte degli americani che lo ritengono responsabile della situazione di stallo, Trump ha espresso la propria frustrazione di non aver ottenuto credito per ciò che considera i suoi successi, tra cui la deregolamentazione, l’aumento delle spese militari e i colloqui con la Corea del Nord.

Nonostante ciò, reduce dal vertice sul commercio con il vice premier cinese, il Presidente  sembrava rilassato e fiducioso mentre cercava di elaborare la situazione, distribuendo dispense incluse, a un certo punto, le copie stampate di due tweet inviati mentre stava rilasciando l’intervista.

L’intervista è stata organizzata dopo che Trump ha contattato A. G. Sulzberger, l’editore del New York Times, e lo ha invitato  a cena.

Sulzberger ha rifiutato, dicendo che preferiva un’intervista “on-the-record” con due reporter del New York Times ed il Presidente ha accettato.Russiagate Siria Maduro intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

“Amo questo lavoro” ha così esordito  Trump seduto dietro la scrivania sello studio ovale, sorseggiando un bicchiere di Diet Coke con ghiaccio. Presenti all’intervista il capo di stato maggiore, Mick Mulvaney,  il consulente senior per le comunicazioni della Casa Bianca, Bill Shine, la  segretaria stampa, Sarah Huckabee Sanders, l’editore Sulzberger e i due giornalisti del New York Times.

Tono della voce basso e braccia incrociate Trump ha risposto pacato alle domande sull’inchiesta sul russiagate mentre accanto a lui cresceva l’irrequietazza dei collaboratori presidenziali. Ma Trump è rimasto per lo più di buon umore. Si è infervorato soltanto quando ha condannato il comportamento dei media che considera ingiusto. Ad un certo punto ha deriso la critica che stava facendo soldi con la  presidenza, definendo il lavoro alla Casa Bianca  “perdente” dal punto di vista finanziario.

“Ho perso enormi quantità di denaro facendo questo lavoro”, ha detto. “Questo non è il denaro. Questo è l’impegno più perdente di tutti i tempi. Ma per fortuna non ho bisogno di soldi. ”

Trump ha poi respinto le ipotesi secondo cui potrebbe non candidarsi per la rielezione l’anno prossimo. “Adoro questo lavoro”, ha ripetuto. E ha detto che non pensava che avrebbe affrontato uno sfidante per la nomina presidenziale del suo partito, anche se diversi repubblicani stanno pensando di correre. “Io non vedo candidati repubblicani”, ha detto. “Ho un grande sostegno alla festa.”

Osservando il campo democratico emergente, Trump ha invece affermato che il partito di opposizione si è “davvero abbandonato alla sinistra” e ha deriso la senatrice Elizabeth Warren del Massachusetts considerandola  danneggiata dalla deriva sinistrorsa, mentre ha espresso ammirazione per il calcio d’inizio della campagna della senatrice Kamala Harris della California, che ha attirato migliaia di sostenitori .

“Direi che l’apertura migliore finora sarebbe quella di  Kamala Harris”, ha detto, pronunciandolo “Kameela“. “Direi che in termini di apertura, direi, ha ottenuto una migliore folla e un  migliore entusiasmo. ”

“Alcuni degli altri erano molto piatti”, ha aggiunto. “Penso che Elizabeth Warren sia stata ferita molto gravemente con la trappola di Pocahontas“, ha aggiunto, usando un appellativo preferito per riferirsi allo sforzo della senatrice di dimostrare di avere un’eredità dei nativi americani. “Penso che sia stata acciaccata gravemente. Potrei sbagliarmi, ma penso che fosse una parte importante della sua credibilità, e ora tutto ad un tratto è sparito. “Russiagate Siria Maduro intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

Il Presidente ha avuto parole dure anche per Nancy Pelosi, che ha categoricamente rifiutato di approvare anche un dollaro dei $ 5,7 miliardi necessari  per il muro di confine, che lei ha denunciato come “immorale”. Trump aveva scommesso che l’avrebbe costretta a fare marcia indietro e non nasconde l’irritazione per l’insuccesso.

“In realtà sono sempre andato d’accordo con lei, ma ora non penso che lo farò più”, dice ora Trump. “Penso che se non approva un muro farà un terribile disservizio al paese. Il resto è solo uno spreco di denaro, tempo ed energia perché il muro è disperatamente necessario. ”

Trump ha affermato che sta prendendo in considerazione una dichiarazione di emergenza per spendere soldi sul muro, anche senza l’approvazione del Congresso. Un’azione che vede crescere le  perplessità anche da parte di  alcuni repubblicani che hanno sollevato obiezioni. “Continuerò a costruire il muro fino a quando avremo finito il muro”, ha tagliato corto Trump , aggiungendo:  “Ora vedrete se dichiarerò o meno un’emergenza nazionale “.

Per quanto riguarda la politica estera, il Presidente ha difeso le decisioni di ritirare le truppe dalla Siria e di ridurre le forze in Afghanistan. “Sono stato eletto sulla base della promessa di uscire da queste guerre senza fine”, ha ricordato .

Trump però non ha spiegato perché ha preso una posizione così decisa nel tentativo di costringere il presidente del Venezuela Nicolás Maduro, anche lasciando aperta l’opzione militare, e inoltre non ha criticato  altri paesi altrettanto dittatoriali come l’Arabia Saudita. “Sto solo dicendo: stanno accadendo cose terribili”, ha replicato il Presidente, che ha aggiunto: “In Venezuela stanno accadendo cose terribili mentre  in Arabia Saudita sono stati fatti molti miglioramenti ” aggiungendo comunque  che l’assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi è “un crimine terribile”.Russiagate Siria Maduro intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

Su un altro punto controverso il Presidente ha osservato che egli ha richiamato i capi dell’intelligence, tra cui Dan Coats, il direttore dell’intelligence nazionale, perché aveva sentito che avevano contraddetto la sua politica estera durante gli interventi al Congresso. Mr. Coats e gli altri hanno detto ai legislatori che la Corea del Nord non avrebbe rinunciato al suo arsenale nucleare, che l’Iran non aveva riavviato il programma per la realizzazione dell’atomica e che lo Stato islamico non è stato ancora sconfitto. Tutte valutazioni che si scontrano con la visione del mondo del Presidente.

Trump ha replicato invece  che i capi dei servizi segreti gli hanno assicurato che la loro relazione  era stata male interpretata e mal riferita dai media.

Tornando a rispondere alle domande sul Russigate, Trump ha offerto un vago resoconto del suo coinvolgimento nel progetto di costruire una Trump Tower a Mosca.  Progetto riguardo al quale Michael D. Cohen, il suo ex avvocato personale, si è dichiarato colpevole di aver mentito al Congresso e ha detto alle autorità che i colloqui sul progetto  moscovita sono proseguiti nell’estate 2016, anche se Trump era pienamente impegnato nella campagna per le presidenziali.

Russiagate Siria Maduro intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

L’Avv. Cohen e Trump

Rudolph W. Giuliani, l’attuale avvocato del Presidente, ha dichiarato di recente che i colloqui sono durati fino alle elezioni di novembre, solo per poi affermare che si sbagliava e che parlava solo ipoteticamente.

“Ha sbagliato”, ha confermato  Trump. “Rudy ha sbagliato un po’.  Ma quello che è successo è questo: non mi importava. Quel patto non era importante. Era essenzialmente una lettera di intenti o un’opzione. ”

Alla domanda a quando quando nel 2016 risale l’ultima conversazione sul progetto Trump ha risposto: “Direi che era presto, a metà dell’anno. Ora, non so che Cohen non è andato un pò più a lungo. Non penso che sia stato molto più lungo. Ero candidato alla presidenza. Stavo andando molto bene. L’ultima cosa a cui tenevo era costruire un edificio. ”

L’avvocato Cohen è stato al centro delle ire di Trump di recente, compresi dei tweet ostili che il suo ex avvocato e altri hanno interpretato come minacce. Tra le altre cose, il Presidente ha scritto che le autorità dovrebbero esaminare il suocero di Cohen.

“Non è la manomissione dei testimoni”, ribadisce Trump. “Non è affatto una manomissione del testimone.”

E alla domanda su quale fosse allora il punto, il Presidente risponde: “Penso che le persone abbiano il diritto di dire la loro opinione. Come parlando fra te e te. La stessa cosa sul suocero di Cohen l’ho sentita anche altre persone. Voglio dire, molte persone l’hanno detto. ” Russiagate Siria Maduro intervista a tutto campo del New York Times a Donald Trump

 

 

Condividi