HomeRisvoltiSpagna i popolari vincono ma la maggioranza é in bilico

Spagna i popolari vincono ma la maggioranza é in bilico

Dal miraggio della remuntada all’incertezza del fracaso. Alle venti della sera Pedro Sanchez é comunque definitivamente l’ex Premier della Spagna.

Spagna i popolari vincono ma la maggioranza é in bilico
Pedro Sanchez

Il leader del partito socialista é passato dalla speranza della rimonta alla constatazione di minimo incremento, ma che é pur sempre un insuccesso.

Delineati dalle prime proiezioni i risultati elettorali evidenziano la netta affermazione del leader del Partito Popolare di Alberto Núñez Feijóo, 62, anni fino al 2020 Presidente del Governo regionale della Galizia.

Spagna i popolari vincono ma la maggioranza é in bilico
Alberto Núñez Feijóo

Resta da vedere in che misura lo spoglio ufficiale delle schede confermerà la vittoria dei popolari attestatisi secondo gli exit pool a 136/140 seggi, contro i 120/122 del Psoe e i 30/31 di Vox il partito di estrema destra che però quasi dimezza i seggi.

Ottiene invece fra i 28 e i 31 seggi Sunar la neo formazione di sinistra guidata da Yolanda Díaz, vicepremier e ministra del Lavoro uscente.

Pedro Sanchez, Alberto Núñez Feijóo, Yolanda Diaz, Santiago Abascal

Appare fin da ora impossibile comunque che i popolari possano raggiungere, anche con una coalizione, i 176 seggi necessari per la maggioranza parlamentare assoluta.

Per la Spagna di apre una fase politica di incertezze e di mediazioni fra le forze politiche. Núñez Feijóo potrà  formare un governo di coalizione o puntare all’astensione dei socialisti, motivando la richiesta con lo sbarramento della maggioranza alla formazione di estrema destra degli eredi del franchismo, capeggiata da Santiago  Abascal.

Ma se Sanchez dovesse rifiutare e tentare a sua volta l’improbabile riedizione di una coalizione di minoranza con Sunar e i voti sparsi degli indipendentisti, allora si apriranno le trattative per un esecutivo a maggioranza fra Pp e Vox, il primo governo spagnolo dalla fine della dittatura del generale Francisco Franco nel 1975 ad includere l’estrema destra.

“Come candidato del partito più votato – ha affermato il leader del Partito Popolare Alberto Núñez Feijóo – credo che il mio dovere sia aprire il dialogo, guidare questo dialogo e cercare di governare il nostro Paese. Il nostro dovere è evitare un periodo di incertezze”, ha aggiunto.

Certo della vittoria elettorale, in un articolo per il settimanale inglese The Economist  Núñez Feijóo aveva scritto nei giorni scorsi che “ la missione del mio governo sarà quella di rilanciare l’economia spagnola. Appena entrati in carica avvieremo misure che produrranno immediatamente dividendi per la crescita. Semplificheremo l’amministrazione dei fondi Next Generation Eu per aiutare le piccole e medie imprese, eliminando la burocrazia e faremo confluire quanto più denaro possibile dai sussidi alle detrazioni fiscali, che aumenteranno gli investimenti nel settore manifatturiero. Ribalteremo anche la decisione di disattivare tutte le nostre centrali nucleari. Facendo leva sulla nostra posizione strategica di hub energetico, garantiremo prezzi dell’energia bassi e stabili, invitando gli investimenti esteri.”

Deluso per la mancata rimonta, Pedro Sanchez tuttavia rilancia: “credo in una Spagna che vuole guidare la transizione e che non é disposta a fare marcia indietro” ha affermato.

Spagna i popolari vincono ma la maggioranza é in bilico
Santiago Abascal

Per Santiago Abascal, in attesa di verificare esattamente l’entità della pesante sconfitta che ha comportato la perdita di una ventina di seggi ed in pratica dimezzato la rappresentanza parlamentare, l’eventuale partecipazione ad una coalizione di governo con i popolari si prospetta in termini che non consentono richieste di ministeri chiave e di provvedimenti radicali contro gli indipendentisti e i burocrati europei contro i quali Vox si è scagliata in campagna elettorale.

L’arriba España degli elettori lascia intravedere insomma la scelta di proseguire l’alternanza o l’alleanza democratica fra i due storici partiti tradizionali del Paese del prima e del dopo franchismo.Spagna i popolari vincono ma la maggioranza é in bilico

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS