HomeRisvoltiTrame cinesi: Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev ?

Trame cinesi: Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev ?

Miraggi e presagi si inseguono fra Kiev e Taiwan, mentre in Ucraina ogni città presenta lo sky line della distruzione. Come Canne, Verdun, Stalingrado e Iwo Jima, la città ormai fantasma di Bakhmut è già entrata nel novero delle battaglie più sanguinose e cruente della storia.

Un buco nero che sta divorando le vite di decine di migliaia di soldati russi e ucraini, ma che strategicamente rappresenta le contraddizioni di entrambi i fronti.

Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev
Bakhmut

Per i russi che da 8 mesi hanno riversato e immolato in una serie continua di ondate di attacchi, tutti respinti, una cospicua parte delle truppe arruolate con la mobilitazione cosiddetta parziale decisa da Putin e per gli ucraini che nonostante l’accerchiamento da tre lati continuano a resistere e a decimare i mercenari del gruppo Wagner e i reparti regolari di Mosca. Un massacro accentuato dalla potenza di fuoco dei due schieramenti.

Paradossalmente nelle ultime ore è la “pausa tattica”, come viene definita dall’intelligence occidentale, la sospensione degli attacchi da parte dei mercenari della Wagner, il cui capo Yevgeny Prigozhin  accusa il Cremlino di non sostenerlo abbastanza e di avere interrotto le comunicazioni,  a rafforzare la resistenza delle forze di Kiev che comunque avrebbero già apprestato una ulteriore linea di contenimento fra Kostiantynivka e Kramatorsk.

Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev
Prigozhin

I think tank dell’ Institute for the Study of War americano ritengono che il gruppo Wagner stia aspettando l’arrivo di munizioni e di rinforzi sufficienti delle truppe russe convenzionali prima di scatenare l’assalto finale della feroce battaglia, la più violenta della guerra.

Al di là dell’eroismo dei soldati di Kiev, esaminando le fasi della battaglia di Bakhmut gli analisti di strategie militari ritengono che i russi stiano combattendo una guerra fortemente scoordinata. Se concentrate sulle linee di difesa ucraine le decine di missili convenzionali e ipersonici che nelle ultime ore hanno colpito obiettivi civili nella capitale e in varie città del paese invaso avrebbero potuto scardinare il fronte e consentire a Mosca se non altro di chiudere l’accerchiamento di Bakhmut.

Invece il comando strategico dei reparti missilistici dell’armata e della marina russa continua a programmare e attuare quasi esclusivamente il bombardamento a tappeto delle infrastrutture civili, lasciando all’artiglieria il compito di martellare le linee ucraine. Ma senza riuscire a colpire in profondità. Come dimostra il forte contro-attacco dell’esercito di Kiev contro siti e centri logistici dove sono concentrate le truppe , gli arsenali e i depositi  dell’esercito russo in territorio ucraino. Un’ attacco di alleggerimento che preannuncia la controffensiva di primavera.Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev

Un’altra grave lacuna strategica russa é la sostanziale rinuncia ad impegnare i caccia bombardieri. Un mistero non spiegabile soltanto col timore di perdere i costosissimi jet di ultima generazione. Secondo gli esperti britannici dell’ Institute for Strategic Studies, rispetto alla distruzione del  40% di tutti i suoi carri armati, la Russia ha perso solo il 6-8% della sua forza aerea attiva prima della guerra, perché raramente i caccia con la stella rossa operano oltre le linee del fronte. Una prudenza accentuata dalla consegna a Kiev delle prime batterie del sistema di difesa aerea Patriot da parte di Usa e Germania.

Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev
Sukhoi_russo

Bakhmut o meno, intanto, sembra proprio che per il momento la guerra attraversi una situazione di stallo. Un’impasse che fa trasparite come dal Cremlino alle trincee ucraine, la strategia e la gestione dell’invasione scatenata da Putin presenti numerose falle e stia mettendo a nudo i punti deboli di Mosca.

La Russia si sta dimostrando ancora più debole di quanto si pensasse. Secondo John Foreman, già addetto militare della Gran Bretagna all’ambasciata di Mosca   nonostante i timori degli anni scorsi da parte dell’Occidente, “l’esercito russo non solo é lontano dalla parità con l’America, ma non ha nemmeno raggiunto la parità con le forze armate dell’Ucraina.” In un reportage su The Economist, Foreman afferma che “il conflitto ha dimostrato la debolezza intellettuale, fisica e morale delle forze armate russe e dello stesso generale Gerasimov.”

Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev
John Foreman

L’esperto ex addetto militare inglese a Mosca non nasconde le difficoltà della situazione complessiva. ”Anche se in deficit d’approvvigionamento, l’esercito russo gode ancora della superiorità dell’artiglieria e può infliggere pesanti perdite alle truppe ucraine prima che Kiev possa lanciare l’ offensiva primaverile.”

L’artiglieria e la disponibilità di munizioni sono decisivi anche per Ben Hodges, ex comandante generale dell’esercito americano in Europa.  Sul The Guardian, Hodges ha osservato che i russi hanno usato l’artiglieria come arma di guerra totale per radere al suolo i centri abitati come Mariupol, Sievierodonetsk e ora Bakhmut, anche a costo di esaurire le scorte o quasi e quindi rivelando un letale tallone d’Achille. Per i comandanti ucraini le loro due armi chiave sono invece i lanciamissili Himars, a lungo raggio, più precisi, ed i droni da ricognizione che aiutano a correggere la mira dei cannonieri.

Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev
Ben Hodges

Il generale Hodges si dice sicuro che “la precisione può sconfiggere la massa” e ha affermato di ritenere possibile costringere la Russia ad abbandonare la Crimea, così come è stata costretta ad abbandonare l’isolata Kherson lo scorso novembre, colpendo ripetutamente le due strade principali che corrono a sud nella penisola occupata, così come la base aerea di Saky e il porto navale di Sebastopoli. Se così fosse a Mosca non resterebbe che sperare nel sostegno concreto dell’appena riconfermato per la terza volta alla Presidenza della Repubblica popolare Xi Jinping.

Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev
Biden Xi Jinping e Putin

Ma a Pechino si starebbe facendo strada l’idea di provare a mettere Taiwan sul piatto della bilancia con Stati Uniti e occidente. L’isola che storicamente e geograficamente é pur sempre parte integrante del territorio cinese, in cambio di un’Ucraina indipendente e territorialmente integra, liberata dalle grinfie di Putin. Taipei conserverebbe con la garanzia dell’Onu una sostanziale autonomia economica e finanziaria, come una sorta di Svizzera asiatica, ma sotto la sovranità cinese.

La realpolitik del dragone non conosce limiti e anche se allo stato si tratta soltanto di un miraggio,  il solo ipotizzarlo  consentirebbe alla leadership cinese di  mettere a segno un clamoroso successo diplomatico da Nobel della pace e rilancerebbe come non mai l’intera economia mondiale. In questo caso per  il Presidente russo la prospettiva più ottimistica sarebbe quella di un futuro senza prospettive…Trame cinesi Taiwan sul piatto della bilancia per Kiev

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3431 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3431 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS