Trump incastrato: tentò davvero il colpo di stato

0
483
Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato
Condividi

Pubblichiamo la sintesi dell’articolo del Washington Post sugli sviluppi dell’inchiesta avviata dal Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti su quello che si sta rivelando essere stato con prove certe e testimonianze concordanti il pervicace tentativo di golpe di  Donald Trump che tentò personalmente in tutti i modi di ribaltare l’esito della legittima vittoria elettorale di Joe Biden alle presidenziali.Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato

Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato
Il Procuratore Generale Merrick Garland

Il Dipartimento di Giustizia sta indagando sulle azioni del presidente Donald Trump nell’ambito dell’inchiesta sui tentativi di ribaltare i risultati delle elezioni del 2020. Due le testimonianze che sotto anonimato confermano gli sviluppi dell’inchiesta in corso.

I pubblici ministeri che stanno interrogando i testimoni davanti a un gran giurì – inclusi due importanti aiutanti del vicepresidente Mike Pence – hanno chiesto nei giorni scorsi di acquisire le registrazioni delle conversazioni fra Trump, i suoi avvocati e altri della cerchia ristretta dell’allora Presidente. Conversazioni riguardanti le “pressioni” e le richieste esplicite di Donald Trump per manipolare i certificati elettorali e smentire la vittoria di Joe Biden.Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato

I pubblici ministeri hanno posto ore di domande dettagliate sugli incontri e i colloqui con Trump nel dicembre 2020 e gennaio 2021; la sua campagna di pressione sul vice Presidente Mike Pence per ribaltare le elezioni; e su quali istruzioni Trump abbia dato ai suoi avvocati e consiglieri in merito a falsi elettori e al rimpatrio degli elettori negli Stati Uniti. Alcune delle domande si sono concentrate direttamente sull’entità del coinvolgimento di Trump nello sforzo di individuare falsi elettori con l’ausilio dei suoi avvocati, tra cui John Eastman e Rudy Giuliani.

Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato
Mike Pence

Inoltre, gli investigatori del Dipartimento di Giustizia ad aprile hanno ricevuto tabulati telefonici di funzionari chiave e assistenti dell’amministrazione Trump, incluso il suo ex capo di stato maggiore, Mark Meadows. Un dato che indica quanto sia estesa l’indagine sugli avvenimenti del 6 gennaio, ben prima delle udienze televisive di alto profilo della Camera di giugno e luglio sull’argomento.

Il comitato della Camera che indaga sull’insurrezione del 6 gennaio al Campidoglio ha finora istruito il caso nel corso di otto udienze pubbliche.

Il Washington Post e altre testate giornalistiche hanno precedentemente scritto che il Dipartimento di Giustizia sta esaminando la condotta di Eastman, Giuliani e altri nell’orbita di Trump. Ma il grado di interesse dei pubblici ministeri per le azioni di Trump non è stato riportato in precedenza, né l’acquisizione dei tabulati telefonici degli assistenti di Trump. Come evidenzierebbero nuovi video, Trump non voleva neanche chiedere l’accusa per i rivoltosi del 6 gennaio

Un portavoce di Trump non ha voluto commentare. Nessun commento anche da parte di un portavoce del Dipartimento di Giustizia e dell’ avvocato di Meadows.

Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato
L’ex sindaco e Procuratore distrettuale di New York Rudolph Giuliani coordina il team dei legali di Trump

Le rivelazioni alzano il livello di un’indagine già politicamente tesa che coinvolge un ex Presidente, con un ruolo ancora centrale per le fortune del suo partito. Un Presidente sopravvissuto a precedenti indagini e due impeachment. Molto prima dell’indagine del 6 gennaio, Trump ha passato anni a inveire contro il Dipartimento di Giustizia e l’FBI; l’indagine che si avvicina a lui probabilmente intensificherà quell’antagonismo.

Le indagini penali federali sono per definizione indefinite e le indagini che coinvolgono personaggi politici sono tra i segreti più nascosti al Dipartimento di Giustizia. Molte finiscono senza accuse penali. La mancanza di attività investigativa osservabile che coinvolga Trump e la sua Casa Bianca per più di un anno dopo l’attacco del 6 gennaio ha alimentato le critiche, in particolare da sinistra, sul fatto che il Dipartimento di Giustizia non stesse portando avanti il ​​caso in modo abbastanza aggressivo.

Nel tentativo di capire come e perché i seguaci e gli avvocati di Trump hanno cercato di cambiare l’esito delle elezioni, ha affermato, gli investigatori vogliono anche capire, come minimo, cosa Trump ha detto ai suoi avvocati e alti funzionari di fare. Qualsiasi indagine che circonda lo sforzo di annullare i risultati delle elezioni deve affrontare questioni complesse dell’attività politica protetta dal Primo Emendamento e quando o se il discorso di una persona potrebbe diventare parte di una presunta cospirazione a sostegno di un colpo di stato.Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato

Molti elementi della tentacolare indagine penale del 6 gennaio sono rimasti nascosti. Ma nelle ultime settimane il ritmo pubblico dei lavori è aumentato, con una nuova tornata di citazioni, mandati di perquisizione e interviste. L’ex capo dello staff di Pence, Marc Short, e l’avvocato, Greg Jacob, sono comparsi davanti al gran giurì nel centro di Washington nei giorni scorsi. Ma entrambi si sono rifiutati di commentare pubblicamente.

L’inchiesta del Dipartimento di Giustizia é separata dall’indagine in corso da parte della Commissione della Camera, che sta cercando di circoscrivere le responsabilità di Trump, il suo incitamento alla rivolta del Campidoglio e la negligenza evidenziata rifiutandosi di fermarla. Sia Short che Jacob hanno testimoniato davanti al comitato, dicendo ai legislatori che Pence ha resistito ai tentativi di Trump di coinvolgerlo e farlo schierare dalla sua parte.

A differenza del Dipartimento di Giustizia, l’inchiesta della Camera non ha il potere di avviare indagini penali o accusare nessuno di illeciti.

L’indagine del Dipartimento di Giustizia è iniziata tra il fumo, il sangue e il caos al Campidoglio e ha portato ad accuse penali contro più di 840 persone, ampliandosi per includere un esame di eventi accaduti altrove nei giorni e nelle settimane prima dell’attacco, inclusa la casa Bianca e in un hotel di Washington.

Ci sono due tracce principali dell’indagine che potrebbero portare a un ulteriore coinvolgimento di Trump: il primo è incentrato sull’ipotesi di cospirazione sediziosa e cospirazione per ostacolare un procedimento governativo. Accuse già presentate contro coloro che hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio e nei confronti di due leader di gruppi di estrema destra, Stewart Rhodes e Henry ” Enrique” Tarrio , che non ha violato il Campidoglio ma sarebbe stato coinvolto nella pianificazione degli eventi della giornata.Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato

Il secondo elemento riguarda la potenziale frode associata allo schema dei falsi elettori o alla pressione che Trump e i suoi alleati avrebbero esercitato sul Dipartimento di Giustizia e altri per affermare falsamente che le elezioni erano state truccate e che i voti erano stati espressi in modo fraudolento.

Recenti citazioni ottenute da The Post mostrano che a due legislatori dello stato dell’Arizona è stato ordinato di consegnare le comunicazioni con “qualsiasi membro, dipendente o agente di Donald J. Trump o qualsiasi organizzazione che sostenesse a favore della rielezione del 2020 di Donald J. Trump, tra cui “Donald J. Trump for President, Inc.”

Nessun ex presidente è mai stato accusato di un crimine nella storia del Paese. Nei casi in cui gli investigatori hanno trovato prove che suggerivano un Presidente impegnato in una condotta criminale, come con Richard M. Nixon e Bill Clinton, gli investigatori e le amministrazioni successive hanno concluso che era meglio concedere l’immunità o rinunciare all’azione penale. Uno degli obiettivi era evitare di dare l’impressione di usare il potere governativo per punire gli avversari politici e assicurare la tradizione di un trasferimento pacifico del potere.

Il procuratore generale Merrick Garland ha promesso che l’indagine del 6 gennaio seguirà i fatti ovunque conducano e ha affermato che nessuno è esente o al di sopra del controllo, rifiutandosi di divulgare informazioni al di fuori dei documenti del tribunale.

In una intervista a NBC News, Garland ha detto che il dipartimento persegue la giustizia <<senza paura o favore. Intendiamo ritenere responsabili tutti, chiunque sia stato penalmente responsabile per gli eventi che circondano il 6 gennaio, per qualsiasi tentativo di interferire con il legittimo trasferimento di poteri da un’amministrazione all’altra: è quello che facciamo. Non prestiamo alcuna attenzione ad altre questioni rispetto a questo”>>.

L’indagine del 6 gennaio è per alcune misure la più grande mai intrapresa dal Dipartimento di Giustizia. Sebbene siano stati coinvolti investigatori in quasi ogni parte del paese, la parte principale del lavoro viene svolta da tre uffici: l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti nel Distretto di Columbia e le divisioni criminali e di sicurezza nazionale presso il quartier generale del dipartimento.

Nel primo anno dell’indagine, i pubblici ministeri si sono concentrati principalmente sulle centinaia di persone che hanno violato il Campidoglio, alcune delle quali violentemente, accusandole di interferire o aggredire la polizia o ostacolare un procedimento ufficiale.

Successivamente lo schema dei falsi elettori è diventato uno degli obiettivi principali dell’inchiesta del Dipartimento di Giustizia. Dopo che Trump ha perso le elezioni, avvocati e altri a lui vicini hanno esortato i funzionari del Partito Repubblicano negli stati chiave a presentare liste di elettori alternative e illegittime per rifiutare i risultati dei totali dei voti statali. Quegli aspiranti elettori sono stati aiutati nei loro sforzi dai funzionari della campagna elettorale di Trump e da Giuliani, che hanno affermato pubblicamente che le liste rivali erano necessarie e appropriate ed è stato descritto come supervisore della strategia.

Il mese scorso, gli agenti federali si sono aperti a ventaglio in più stati per consegnare le citazioni in giudizio del gran giurì, eseguire mandati di perquisizione e intervistare testimoni: una significativa escalation dell’attività investigativa aperta. Come parte di questo sforzo, gli agenti hanno perquisito i dispositivi elettronici di Eastman e hanno condotto una perquisizione a casa di Jeffrey Clark, un ex funzionario del Dipartimento di Giustizia che ha abbracciato con entusiasmo alcuni degli ultimi sforzi di Trump per impedire a Biden di diventare presidente. A molti di coloro che hanno ricevuto citazioni in giudizio è stato detto specificamente di consegnare le loro comunicazioni con Giuliani.

Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato
Jeffrey Rosen

In una telefonata del 27 dicembre 2020,  Trump ha detto al procuratore generale ad interim Jeffrey Rosen che voleva che il suo Dipartimento di Giustizia dicesse che c’era una significativa frode elettorale e ha detto che era pronto a cacciare Rosen e sostituirlo con Clark, che era disposto a fare tale affermazione.

Come conferma la trascrizione della conversazione, Rosen ha detto a Trump che il Dipartimento di Giustizia non poteva “premere un interruttore e cambiare le elezioni”. “Non mi aspetto che tu lo faccia”, ha risposto Trump. “Dì solo che le elezioni sono state corrotte e lascia il resto a me e ai membri del Congresso repubblicano”.

Il presidente ha esortato Rosen a “tenere solo una conferenza stampa”. Rosen ha rifiutato. “Non lo vediamo”, ha detto a Trump. “Non terremo una conferenza stampa”.Trump incastrato tentò davvero il colpo di stato

Facebook Comments
Condividi