Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio

0
1139
Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio
Condividi

 

Pubblichiamo la sintesi dell’articolo del Washington Post che rivela che stanno emergendo molteplici prove su come l’ex Presidente Donald Trump abbia tentato in tutti i modi di guidare personalmente l’assalto al Campidoglio coinvolgendo i servizi segreti della Casa Bianca addetti alla sua sicurezzaTrump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio

Trump voleva partecipare all’assalto al CampidoglioSecondo varie testimonianze, poco prima che i rivoltosi pro-Trump prendessero d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti, il ​​6 gennaio 2021, gli agenti dei servizi segreti si sono affrettati a cercare di “coprire” la partecipazione del Presidente uscente al corteo, in modo che potesse accompagnare i suoi sostenitori mentre marciavano verso il Congresso per chiedere che Trump rimanesse al potere.

Gli eventi frenetici di quel giorno sono stati preceduti da quasi due settimane di pressioni persistenti da parte di Trump sui servizi segreti per predisporre un piano che gli consentisse di unirsi ai suoi sostenitori in una marcia verso il Campidoglio, dal parco vicino alla Casa Bianca, dove era prevista una massiccia manifestazione. Una marcia che si prevedeva “selvaggia”.

Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio
Trump aizza la folla e la sospinge verso il campidoglio

Il Secret Service aveva respinto le prime richieste di Trump, ma lo sforzo affrettato del 6 gennaio per “coprire” il Presidente è arrivato quando il personale dei servizi segreti ha sentito Trump esortare il suo pubblico di manifestazione di quasi 30.000 persone a marciare verso il Campidoglio, lasciando intendere che si sarebbe unito a loro. La missione della protesta era chiara: fare pressione sui repubblicani “deboli” affinché rifiutassero di accettare i risultati elettorali che davano Joe Biden Presidente eletto.

“Stiamo andando al Campidoglio”, ha detto Trump alla folla.

Testimoni hanno detto alla Commissione della Camera che sta conducendo un’inchiesta sull’assalto al Campidoglio che, subito dopo che Trump ha fatto quell’osservazione, gli agenti dei servizi segreti hanno contattato la polizia di Washington per bloccare gli incroci. I funzionari di polizia hanno rifiutato, poiché erano a corto di personale perché stavano monitorando numerose proteste e contemporaneamente stavano anche controllando la folla crescente al Campidoglio. Un alto funzionario delle forze dell’ordine ha detto al Washington Post che dirigente della sicurezza del Presidente ha bocciato l’idea di una partecipazione di Trump in quanto insostenibile e pericolosa.

Martedì un funzionario ha confermato che i servizi segreti hanno chiesto aiuto alla polizia della Capitale per un corteo presidenziale il 6 gennaio.

“Ci è stato chiesto e la risposta è stata no”, ha detto Dora Taylor-Lowe, portavoce del vicesindaco di Washington  che sovrintende al dipartimento di polizia.

La testimonianza, che potrebbe essere presentata come parte di una serie di udienze di alto profilo che inizieranno questa settimana dalla commissione della Camera per l’assalto del 6 gennaio al Congresso, indica che diversi giorni prima del suo discorso, Trump era ansioso di unirsi ai sostenitori in una marcia verso il Campidoglio. Non era stato rilasciato alcun permesso per una tale marcia, anche se alcuni sostenitori di Trump promuovevano una marcia sui social media di estrema destra come un modo per fare pressione sul Congresso affinché non certificasse la vittoria elettorale di Biden.

Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio
Trump Biden

Trump in precedenza aveva detto a The Post che i suoi desideri di andare in Campidoglio il 6 gennaio erano stati bloccati dai servizi segreti. Ma la prima insistenza di Trump nell’unirsi a una marcia non è stata precedentemente segnalata, né era noto pubblicamente che i funzionari dei servizi segreti avessero preso in considerazione l’idea di prendere provvedimenti per trasportarlo lì proprio mentre gli eventi caotici stavano per svolgersi.

I nuovi dettagli riflettono anche una crescente attenzione da parte del comitato della Camera sul fatto che la Casa Bianca di Trump possa aver cercato di trascinare il Secret Service nei tentativi di bloccare il trasferimento pacifico del potere. Nell’assalto al Campidoglio morirono cinque persone e più di 100 agenti di polizia sono rimasti feriti mentre i rivoltosi devastavano la sede del Congresso.

Un portavoce dei servizi segreti ha detto che gli agenti responsabili della sicurezza di Trump non hanno mai formalizzato un piano per portare Trump dalla Casa Bianca al Campidoglio.

Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio
Campidoglio devastato dai sostenitori di Trump

“Il 6 gennaio, i servizi segreti non hanno assicurato un percorso per il corteo in auto per il presidente Trump per recarsi in Campidoglio dopo la manifestazione “, ha detto il portavoce Anthony Guglielmi. “Il personale dei Servizi Segreti assegnato alla sicurezza del Presidente ha detto ai funzionari dell’amministrazione che i piani di viaggio proposti per visitare il Campidoglio il 6 gennaio non sarebbero stati fattibili”.

Guglielmi ha affermato che l’agenzia sta collaborando pienamente con la richiesta di informazioni e documenti degli investigatori del Congresso sulla pianificazione dei servizi segreti per i movimenti di Trump quel giorno. Ha detto che l’agenzia ha condotto un’ampia ricerca nei suoi registri interni che ha scoperto che non aveva piani operativi per spostare Trump al Campidoglio. Un portavoce di Trump non ha risposto alle richieste di commento.

Oltre a sondare le ripetute pressioni di Trump affinché i servizi segreti lo lasciassero partecipare alla marcia, il comitato ha indagato se Trump e i suoi aiutanti politici abbiano svolto un ruolo nell’incoraggiare i servizi segreti a rimuovere il vicepresidente Mike Pence dal Campidoglio dopo che l’edificio è stato preso d’assalto dai sostenitori di Trump – e prima che Pence avesse supervisionato la certificazione della vittoria di Joe Biden, secondo le persone informate sull’indagine.Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio

In un’intervista ad aprile con The Post, Trump aveva espresso rammarico per non aver marciato al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​giorno in cui i suoi sostenitori hanno preso d’assalto l’edificio. Ha detto che ha insistito per unirsi alla marcia quel giorno, ma è stato fermato dagli addetti alla sua sicurezza.

“I servizi segreti non me lo avrebbero permesso”, ha detto Trump. “Volevo andare. Ma i servizi segreti mi hanno detto:”non puoi andare. Se no sarei stato lì in un minuto.“

Nell’intervista, Trump ha difeso i suoi commenti incendiari esortando i suoi sostenitori a venire a Washington e poi a marciare sul Campidoglio e “combattere scatenando l’inferno”.

“L’ho detto in modo patriottico e pacifico”, ha specificato. Ha aggiunto di aver offerto fino a 10.000 soldati e membri della Guardia Nazionale al Campidoglio e alla città attraverso il suo Dipartimento della Difesa, ma la portavoce Nancy Pelosi  e il sindaco della Capitale Muriel E. Bowser hanno rifiutato l’offerta. “Se avessi voluto fare qualcosa, non avrei consigliato i soldati”, ha detto nell’intervista di aprile Trump.

Il primo comunicato pubblico di Trump sul 6 gennaio ai suoi fedeli sostenitori è arrivato in un tweet del 19 dicembre. Ha incoraggiato i suoi seguaci a riunirsi a Washington per protestare contro quella che ha definito un’elezione truccata con queste parole: “Sii presente. Sarà selvaggio!”.Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio

Giorni dopo, secondo i resoconti dei testimoni al comitato, Trump stava facendo pressioni sui suoi aiutanti per aiutarlo a d organizzare una protesta direttamente fuori dal Campidoglio.

Secondo i resoconti  dei testimoni e di un alto funzionario delle forze dell’ordine, intorno alla vigilia di Capodanno, gli assistenti di Trump hanno sollevato con Tony Ornato, un funzionario dei servizi segreti che allora prestava servizio temporaneamente come vice capo di stato maggiore alla Casa Bianca, il desiderio del Presidente di mettersi alla testa di un corteo il 6 gennaio insieme ai manifestanti diretti al Campidoglio.

Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio
Pence proclama eletto Presidente Joe Biden

Ornato ha raccomandato agli assistenti di Trump di contattare il dirigente dei servizi segreti addetti alla sicurezza di Trump intorno al 4 gennaio, ha detto il funzionario delle forze dell’ordine. I funzionari dei servizi segreti erano molto scettici sul fatto che potessero portare Trump in sicurezza al Campidoglio sulla base di un’esperienza simile avuta a una manifestazione “Stop the Steal” nel centro di Washington il 14 novembre.

La mattina del 6 gennaio, molti membri dei servizi segreti credevano di fare un “dentro e fuori”, portando Trump sul palco di Ellipse e poi di nuovo alla Casa Bianca, secondo i resoconti dei testimoni. Sono stati colti alla sprovvista quando Trump ha fatto quello che consideravano un annuncio a sorpresa, secondo un alto funzionario delle forze dell’ordine.

“Combattiamo come contro l’inferno, e se non combatti non avrai più un paese”, ha detto, aggiungendo in seguito. “Quindi faremo: cammineremo lungo Pennsylvania Avenue, adoro Pennsylvania Avenue e andremo al Campidoglio”.

Alcuni agenti del corteo hanno iniziato a chiamare rapidamente i loro contatti nella polizia di Washington per vedere se potevano ottenere aiuto per garantire un percorso del corteo, secondo i resoconti dei testimoni. I funzionari di polizia hanno risposto che erano impegnati a fornire rinforzi per la polizia del Campidoglio e presidiare i controlli di sicurezza attorno ai molteplici raduni di quel giorno.

Il capo della sicurezza del presidente è intervenuto per annullare lo sforzo e ha detto allo staff senior della Casa Bianca che trasferire il presidente al Campidoglio sarebbe stato troppo rischioso, ha affermato un alto funzionario delle forze dell’ordine.Trump voleva partecipare all’assalto al Campidoglio

Facebook Comments
Condividi