HomeRisvoltiUcraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

Crocifissione senza resurrezione per l’Ucraina. Le cronache pasquali degli oltre 420 giorni di invasione russa mostrano soprattutto gli scenari di disperazione della quotidiana macelleria di militari e civili sul fronte di Bakhmut.Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

Il miraggio della pax cinese è alimentato dall’attivismo diplomatico di una Cina che però dalla millenaria grande muraglia é passata al muro di gomma di Pechino, sul quale rimbalzano tutte le richieste di mediazione fra Russia e Ucraina rivolte a Xi Jinping.

Senza dire no a nessuno, il nuovo grande timoniere cinese si limita ad infiocchettare repliche diplomatiche destinate a infrangersi sui bagliori dei bombardamenti continui ai quali Mosca sottopone le città ucraine.

Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese
Pechino: Macron, Xi Jinping, Von der Lyen

Inframezzata dalla visita a Mosca e dai colloqui con Putin, l’imperturbabile Presidente cinese ha inanellato alla vigilia della seconda Pasqua di guerra e sangue in Ucraina, un record di incontri che hanno conferito a Pechino il ruolo di capitale diplomatica del mondo: dal Cancelliere tedesco Scholz al Premier Spagnolo Sanchez, dal Presidente francese Macron, alla Presidente della Commissione europea Von Der Lyen, fino al vertice congiunto con i Ministri degli esteri dell’Iran e dell’Arabia Saudita.

A tutti Xi Jinping ha assicurato aperture e auspicato una soluzione diplomatica della guerra scatenata dalla Russia di Putin, per lasciare poi tutto sospeso nell’aria a volteggiare sul tentativo di allineare vari paesi europei a Riyadh e Teheran su posizioni filocinesi in relazione al braccio di ferro economico e militare in corso fra Washington e Pechino.

Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese
Mosca: Xi Jinping e Putin

Il baricentro dei tentativi di appeasement con Putin rimane per la Cina lo sbilanciamento dell’alleanza e dell’appoggio dell’Europa nei confronti degli Stati Uniti nell’area dell’indo pacifico.

Area nell’ambito della quale l’Europa attraverso la Nato spalleggia l’alleanza fra Usa, Australia, Gran Bretagna e Giappone che si contrappone all’espansionismo economico e militare cinese.

Evidente il gioco delle parti nel vertice fra Macron, Von De Lyen  e Xi Jinping: se la Francia e l’Europa “frenano” gli Usa in Asia,  la Cina é pronta a fare la sua parte per “convincere” Putin a avviare trattative di pace con l’Ucraina.Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

In una dichiarazione congiunta, sia Parigi che Pechino si sono impegnate a “sostenere tutti gli sforzi per riportare la pace in Ucraina”. Una dichiarazione generica che non nomina la Russia né condanna l’invasione e che si limita ad invitare le parti a rispettare il diritto internazionale.

Intenti subito spazzati via dalla minacciosa mobilitazione delle esercitazioni anti Taiwan delle forze armate cinesi. Una esercitazione della serie “sbarco in Normandia” che rappresenta l’anticipazione dell’invasione dell’isola.Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

In attesa di conferma, a parole l’unica concessione al presidente francese e alla presidente della commissione europea del presidente Xi Jinping riguarda la disponibilità a chiamare il presidente ucraino Zelensky. Colloquio già promesso dal leader cinese all’indomani dell’incontro di Mosca.

Sul fronte di guerra, secondo una valutazione dell’intelligence britannica, é probabile che le forze russe abbiano conquistato il centro della città di Bakhmut  ferocemente contesa nell’Ucraina orientale e stiano minacciando una via di rifornimento chiave per le forze ucraine verso ovest.Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

Un’avanzata costata finora all’armata russa circa 20 mila caduti, cifra impressionante comprendente anche i mercenari del gruppo Wagner uccisi.  Un costo di vite umane che sommato allo stratosferico numero di perdite complessive, valutate intorno alle 150 mila vittime alle quali vanno aggiunti altrettanti feriti,  rende problematiche ulteriori offensive di Mosca.

Il Cremlino intanto ha vietato ai funzionari governativi di lasciare la Russia senza un permesso speciale, che può essere rilasciato dal Primo Ministro, Mikhail Mishustin, solo per i viaggi ufficiali.

La notizia conferma le indiscrezioni pubblicate dal Financial Times sul sequestro da parte dei servizi di sicurezza russi dei passaporti di alti funzionari e dirigenti di aziende statali per impedire i viaggi all’estero.Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

Il marasma burocratico russo riguarda anche la gestione delle forniture energetiche di gas e petrolio che in parte continuano a transitare attraverso gasdotti e oleodotti che attraversano l’Ucraina. Il greggio infatti continua a fluire dall’oleodotto Druzhba verso la Polonia e la Germania fino a raggiungere  attraverso l’Ucraina le raffinerie nella Repubblica ceca, in Slovacchia e in Ungheria. Paesi che successivamente con camion e treni merci riforniscono di carburante gli ucraini.

A completare il quadro, sui mercati finanziari internazionali,  si aggiunge il crollo pre pasquale del rublo. A causa dei ridotti afflussi di valuta estera e della ripresa della domanda in Russia il rublo è scivolato ai minimi toccati da un anno su dollaro ed euro. La valuta russa è infatti sprofondata a 82,4 rubli per dollaro e 90 per euro. Come ironicamente sostiene l’opposizione a Putin, “l’unica cosa su cui a Mosca si può fare sempre affidamento è la Vodka”.Ucraina: crocifissione russa senza resurrezione cinese

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS