HomeRisvoltiUcraina: incubo nucleare e guerra globale

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale

Ben oltre le trincee di Backmunt ed il fronte di Zaporizhzhia, la guerra in Ucraina sta assumendo dimensioni sempre più globali.

Rivelatrici di possibili strategie nucleari segrete da parte di Putin, le parole del presidente bielorusso Lukashenko, rilanciate dalle agenzie russe, (“Se non si raggiunge una tregua e l’Ucraina contrattacca, la Russia userà armi spaventose”), vengono continuamente incrociate dalle intelligence occidentali con i rilevamenti satellitari e tutti i dati delle fonti humint, sigint e techint.

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale
Putin e Lukashenko

Alla ricerca di un nesso, fra le ipotesi esaminate, la più allarmante riguarda la necessità per Mosca di trasferire quanto più vicino al confine con l’Ucraina degli ordigni nucleari tattici. Fra gli obiettivi di una loro eventuale utilizzazione, secondo quella che é al momento una ipotesi analitica preventiva, potrebbe rientrare anche Kiev. Tappa di continue visite di leader internazionali, la capitale é abbastanza distante dal territorio russo e dalle truppe d’invasione impegnate nel Donbass per scongiurare nell’immediatezza il fallout, la ricaduta radioattiva di una esplosione atomica di dimensioni ridotte.

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale
Bomba nucleare tattica

Ipotesi di per sé terrificante e che non considera l’effetto dei venti per la dispersione nell’atmosfera, e quindi a grandi distanze, dei micidiali effetti delle radiazioni nucleari. Inutilmente il Direttore Generale dell’Aiea, l’Agenzia per l’energia atomica delle Nazioni Unite, Rafael Grossi, chiede da mesi di elaborare un accordo di cessate il fuoco “locale” per la specifica area della maxi centrale atomica di Zaporizhzhia.

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale
Rafael Grossi

Anche l’insolita ammissione del Presidente russo della crisi economica provocata dalle sanzioni occidentali, viene letta come la precostituzione di un’alibi per tentare di spacciare come legittima difesa il ricorso ad un’atomica tattica.

Che a Mosca stiano venendo al pettine molti nodi é evidenziato, secondo l’ultimo aggiornamento dell’intelligence del Ministero della Difesa britannico, dalla nuova campagna di reclutamento militare per arruolare quattrocentomila soldati. A Londra prevedono che l’impatto sociale dell’ingaggio di altre truppe da inviare a combattere in Ucraina possa ulteriormente incrinare l’instabilità del regime.

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale
Evan Gershkovich

Con l’arresto del corrispondente del Wall Street Journal Evan Gershkovich, il Cremlino invia un messaggio molto netto alla comunità internazionale, e agli Stati Uniti in particolare: la Russia non è compatibile col giornalismo e i corrispondenti stranieri rischiano di trasformarsi tutti in ostaggi.

Il conflitto in Ucraina sta intanto sviluppando molteplici nuove tecnologie, a cominciare dai droni e dai sofisticati sistemi di guerra elettronica. Kiev ha in particolare completato una grande ristrutturazione delle forze armate, istituendo 60 nuovi squadroni di droni d’attacco, almeno uno in ogni brigata, con personale e comandi separati. La dottrina militare ucraina è stata aggiornata con linee guida top secret sull’uso dei droni.Ucraina: incubo nucleare e guerra globale

La Russia ha perso almeno sei radar controbatteria, in grado cioè di localizzare lanci di missili e colpi di artiglieria nemici, e – afferma il ministero della Difesa britannico – farà fatica a rigenerarli a causa delle sanzioni .

La neutralizzazione dei radar di controbatteria é una caratteristica  costante del conflitto. Perché, consentendo di localizzare e colpire le postazioni nemiche, sono in grado di moltiplicare le forze.

Ma i russi non stanno a guardare ed avrebbero fatto notevoli progressi nell’ambito della difesa elettromagnetica, riuscendo a disturbare le frequenze ed alterare il gps.Ucraina: incubo nucleare e guerra globale

Fra Mosca e Kiev é in corso una escalation produttiva per la costruzione dei droni. Determinanti sono soprattutto i motori a benzina che al contrario dei motori elettrici sono essenziali per i droni d’attacco su grandi distanze. I generali russi sono preoccupati per la capacità delle forze ucraine di attaccare le loro retrovie. Le tecnologie in rapida evoluzione della produzione di droni sono il motivo per cui molti scommettono su una svolta della guerra.

Vladimir Putin ha varato con grande enfasi propagandistica  una nuova strategia di politica estera russa volta a ridurre il “dominio” occidentale e identificare Cina e India come partner chiave per il futuro.

Un futuro tutt’altro che roseo. Sulla carta la Russia ha cinque alleati militari nel Collective Security Treaty Organisation, l’ Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (Csto):  Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. Tutti vincolati ad intervenire a sostegno l’uno dell’altro. Eppure nessun membro della Csto ha sostenuto la guerra della Russia in Ucraina con le truppe, anche se la Bielorussia si è lasciata usare come base militare. Oltre a Minsk,  solo l’Iran e la Corea del Nord hanno inviato armi alla Russia.

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale
Putin e Erdogan

Più complesso il rapporto della Turchia con la Russia. Ankara fa parte della Nato e trae vantaggio dallo scontro fra Putin e l’Occidente.

Erdogan fa l’amico del Presidente russo, ma ha venduto droni all’Ucraina e si ritiene che abbia inviato a Kiev anche artiglieria di precisione e razzi.

Amica di tutti e di nessuno, la Turchia ha tamponato la devastante crisi economica e finanziaria aggravata dalla pandemia con il gas e il petrolio forniti dalla Russia, ma tutti ritengono sarà la prima ad abbandonarla in caso di sconfitta.

Ucraina: incubo nucleare e guerra globale
Xi Jinping e Putin

Più complesso e interessato, l’atteggiamento della Cina che sfrutta al massimo le forniture a prezzi stracciati delle risorse energetiche ma non sostiene militarmente Mosca, ed espone Putin a un progressivo logoramento che, con i tempi e i modi delle tradizionali congiure del Cremlino, determinerà un cambio di regime.

Un conto alla rovescia che le capitali occidentali si augurano cancelli definitivamente la folle, ma persistente, tentazione di scatenare con un ordigno tattico l’apocalisse nucleare in Ucraina.Ucraina: incubo nucleare e guerra globale

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3472 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS