HomeRassegna StampaUcraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia

Pubblichiamo una sintesi dell’intervento sul Washington Post con le osservazioni del direttore della CIA, William J. Burns, sul tema “Un mondo trasformato e il ruolo dell’intelligence”. Osservazioni pronunciate il 1° luglio alla conferenza annuale della Ditchley Foundation nell’Oxfordshire, in Inghilterra.Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
William Burns

by William J. Burns

Il mio compito é aiutare il Presidente Biden e gli alti responsabili politici a comprendere e dare forma a un mondo trasformato. E come ci ricorda il Presidente, siamo a un punto di svolta. L’era del dopo Guerra Fredda è finita. Il nostro compito è dare forma a ciò che verrà dopo, investendo nei nostri punti di forza fondamentali e lavorando per una causa comune con la nostra impareggiabile rete di alleanze e partnership, per lasciare alle generazioni future un mondo più libero, aperto, sicuro e prospero.

Questo è un compito molto arduo. Il nostro successo dipenderà dalla nostra capacità di navigare in un mondo con tre caratteristiche distintive.

La prima è la sfida della competizione strategica da parte di una Cina in ascesa e ambiziosa, e di una Russia che ci ricorda costantemente che le potenze in declino possono essere dirompenti almeno quanto quelle in ascesa.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Biden e Burns

In secondo luogo ci sono i problemi senza passaporti, come le pandemie e la crisi climatica, che sono fuori dalla portata di qualsiasi singolo paese da affrontare e stanno diventando sempre più estremi ed esistenziali.

E la terza è la rivoluzione della tecnologia, che sta trasformando il modo in cui viviamo, lavoriamo, combattiamo e competiamo, con possibilità e rischi che non possiamo ancora cogliere appieno.

Queste sfide singolari a volte sono in conflitto tra loro, con la cooperazione su problemi globali condivisi sia più vitali che più difficili, troppo spesso vittima della competizione strategica. E la rivoluzione tecnologica è sia un’arena principale per quella competizione sia un fenomeno in cui alcune partnership di base sono cruciali per stabilire le regole della strada.

La sfida più immediata e acuta all’ordine internazionale oggi è l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

Ho trascorso gran parte degli ultimi due decenni cercando di capire e contrastare la combinazione infiammabile di risentimento, ambizione e insicurezza che Putin incarna.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Vladimir Putin e i vertici dei servizi di sicurezza russi

Una cosa che ho imparato è che è sempre un errore sottovalutare la fissazione di Putin sul controllo dell’Ucraina e le sue scelte, senza le quali crede sia impossibile per la Russia essere una grande potenza o per lui un grande leader russo. Quella fissazione tragica e brutale ha già portato vergogna alla Russia ed esposto le sue debolezze evocando la determinazione e la determinazione mozzafiato del popolo ucraino.

Putin insiste spesso sul fatto che l’Ucraina “non è un vero paese”, che è debole e divisa. Come ha scoperto, i paesi reali reagiscono. Ed è quello che hanno fatto gli ucraini, con notevole coraggio e tenacia. Non cederanno, né lo faremo tutti noi che sosteniamo l’Ucraina.

La guerra di Putin è già stata un fallimento strategico per la Russia,  le sue debolezze militari messe a nudo; la sua economia gravemente danneggiata per gli anni a venire; il suo futuro come partner minore e colonia economica della Cina plasmato dagli errori di Putin; le sue ambizioni revansciste smorzate da una NATO che è solo diventata più grande e più forte.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Yevgeniy Prigozhin e Putin

Meno di un mese fa, siamo rimasti incantati dalle scene della sfida armata di Yevgeniy Prigozhin allo stato russo, con le forze paramilitari del Gruppo Wagner che si sono brevemente impadronite di Rostov sul Don e si sono spostate per due terzi verso Mosca prima di tornare indietro. Come ha chiarito il presidente Biden, si tratta di un affare interno russo, in cui gli Stati Uniti non hanno avuto e non avranno parte.

È sorprendente che Prigozhin abbia preceduto le sue azioni con un aspro atto d’accusa nei confronti della logica mendace del Cremlino per la sua invasione dell’Ucraina e della condotta della guerra da parte della leadership militare russa. L’impatto di quelle parole e di quelle azioni si protrarrà per qualche tempo, un vivido promemoria dell’effetto corrosivo della guerra di Putin sulla sua stessa società e sul suo stesso regime.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Xi Jinping

L’aggressione della Russia pone una formidabile prova. Ma la Cina è l’unico paese con l’intento di rimodellare l’ordine internazionale e, sempre di più, il potere economico, diplomatico, militare e tecnologico per farlo.

Il problema non è l’ascesa della Cina in sé, ma le azioni che l’accompagnano. Il presidente Xi Jinping sta iniziando il suo terzo mandato con più potere di qualsiasi leader cinese dai tempi di Mao. E piuttosto che usare quel potere per rafforzare, rivitalizzare e aggiornare il sistema internazionale che ha consentito la trasformazione della Cina, Xi cerca di riscriverlo.

Nella professione dell’intelligence, studiamo attentamente ciò che dicono i leader. Ma prestiamo particolare attenzione a quello che fanno, e qui la crescente repressione interna e l’aggressione all’estero di Xi – dalla sua partnership senza limiti con Putin alle sue minacce alla pace e alla stabilità nello Stretto di Taiwan – sono impossibili da ignorare.

Ciò che è anche impossibile ignorare è il fatto che, in questa nuova era, la nostra concorrenza si svolge sullo sfondo di una forte interdipendenza economica e legami commerciali. Questi legami hanno servito molto bene i nostri paesi, le nostre economie e il nostro mondo, ma hanno anche creato dipendenze strategiche, vulnerabilità critiche e seri rischi per la nostra sicurezza e prosperità.Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia

Il Covid ha reso chiaro a ogni governo il pericolo di dipendere da un paese qualsiasi per le forniture mediche salvavita, così come l’aggressione di Putin in Ucraina ha reso chiaro a ogni governo il rischio di dipendere da un paese per le forniture energetiche. Nel mondo di oggi, nessun paese vuole trovarsi alla mercé di un cartello per minerali e tecnologie fondamentali, specialmente un paese che ha dimostrato la volontà e la capacità di approfondire e sfruttare come arma queste dipendenze. La risposta a ciò non è separarsi dall’economia cinese, il che sarebbe sciocco, ma ridurre sensibilmente i rischi e diversificare assicurando catene di approvvigionamento resilienti, proteggendo il nostro vantaggio tecnologico e investendo nella capacità industriale.

In un mondo più volatile e incerto, in cui il potere è più diffuso, cresce il peso dell’hedging middle. Democrazie e autocrazie, economie sviluppate e in via di sviluppo e paesi del Sud del mondo e di altre parti del globo sono intenti a diversificare le loro relazioni al fine di espandere la loro autonomia strategica e massimizzare le loro opzioni.

Questi paesi vedono pochi benefici e molti rischi nelle relazioni geopolitiche monogame. È mia opinione che probabilmente vedremo più paesi perseguire relazioni più aperte di quelle a cui eravamo abituati in diversi decenni di unipolarità post Guerra Fredda. E se il passato è un precedente, dovremmo essere attenti alle rivalità tra le cosiddette medie potenze, che spesso sono state la partita che ha acceso gli scontri tra le maggiori potenze.

Inoltre, non abbiamo la possibilità di concentrarci su una singola minaccia di stimolazione geopolitica. Affrontiamo una minaccia uguale per l’ordine internazionale e in effetti per le vite e i mezzi di sussistenza della nostra gente da sfide condivise o transnazionali, di cui la crisi climatica rappresenta il pericolo più chiaro e attuale. Non possiamo più parlare di “punti critici” e di “impatti climatici catastrofici” al futuro. Sono qui e ora, mettendo in pericolo il nostro pianeta, la nostra sicurezza, le nostre economie e la nostra gente.

Il mese scorso a Washington, non si poteva vedere dall’altra parte del fiume Potomac dal quartier generale della CIA a Langley, in Virginia, o prendere fiato senza sottoporre i polmoni a materiali pericolosi a causa del fumo di centinaia di incendi in tutto il Canada. Il cambiamento climatico è la quintessenza del “moltiplicatore di minacce”: alimenta le insicurezze energetiche, sanitarie, idriche e alimentari, rallentando i nostri progressi in termini di sviluppo economico e umano, sovralimentando quello che è già il peggior periodo di sfollamento forzato e migrazione della storia e aggravando ulteriormente l’instabilità e tensioni geopolitiche e punti di infiammabilità.Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia

Queste due minacce, geopolitiche e transnazionali, sono impossibili da districare. La concorrenza rende la cooperazione più difficile. Ma dovremo avere entrambi. E dovremo fare entrambe le cose di fronte a un’altra forza immensamente potente: una rivoluzione tecnologica più profonda della rivoluzione industriale o dell’alba dell’era nucleare.

I progressi nelle tecnologie informatiche stanno portando a scoperte di notevole portata e portata. Nei pochi mesi trascorsi dal debutto della prima versione pubblica di ChatGPT a novembre, abbiamo visto modelli più recenti superare gli umani negli esami di ammissione a livello universitario e nelle valutazioni degli impegni da medico a paziente nei programmi di formazione medica.

Vediamo questa linea di tendenza “bastone da hockey” più e più volte, che supera le nostre aspettative, immaginazione e capacità di governare l’uso di tecnologie enormemente potenti, nel bene e nel male. Da nessuna parte ciò è più evidente che nella biotecnologia e nella bioproduzione, che possono sbloccare straordinarie soluzioni per il clima e la salute e dare impulso alle nostre economie, ma il cui abuso e uso improprio potrebbero portare alla catastrofe.

La leadership nella tecnologia e nell’innovazione ha sostenuto la nostra prosperità economica e la nostra forza militare. È stato anche fondamentale stabilire regole, norme e standard che salvaguardino i nostri interessi e i nostri valori. I nostri rivali cinesi lo capiscono meglio di chiunque altro, e non sorprende quindi che stiano investendo molto nelle tecnologie emergenti come dimensione centrale della nostra competizione strategica.

Come affrontare, allora, il ruolo dell’intelligence in questo mondo che è stato trasformato dalla competizione strategica, dalle sfide che non riconoscono confini e da una rivoluzione tecnologica senza precedenti nella storia umana? Quando il presidente mi ha mandato a Mosca prima della guerra, all’inizio di novembre 2021, ho trovato Putin e i suoi consiglieri senior indifferenti alla chiarezza della nostra comprensione di ciò che stava pianificando, convinti che la finestra si stesse chiudendo per la sua opportunità di dominare l’Ucraina. Sono partito ancora più turbato di quando sono arrivato.

Una buona intelligence ha aiutato il presidente Biden a mobilitare e sostenere una forte coalizione di paesi a sostegno dell’Ucraina. Una buona intelligenza ha aiutato l’Ucraina a difendersi con notevole coraggio e risolutezza, ea lanciare la cruciale controffensiva ora in corso.

E l’attenta declassificazione di alcuni dei nostri segreti, parte di una strategia innovativa ed efficace modellata dal presidente e da alti responsabili politici, ha contribuito a negare a Putin le false narrazioni che l’ho visto inventare così spesso in passato, mettendolo nella scomoda e posizione insolita di essere sul suo piede posteriore.

La disaffezione per la guerra continuerà a rosicchiare la leadership russa, sotto la dieta costante della propaganda di stato e della repressione praticata. Quella disaffezione crea un’opportunità irripetibile per noi della CIA, un servizio di intelligence umano.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Burns

Non lo lasceremo andare sprecato. Di recente abbiamo utilizzato i social media – il nostro primo post video su Telegram, in effetti – per far sapere ai coraggiosi russi come contattarci in sicurezza sul dark web. Abbiamo avuto 2,5 milioni di visualizzazioni nella prima settimana.

Se la guerra di Putin in Ucraina è la sfida più immediata nella competizione strategica, la Cina di Xi è il nostro più grande rivale geopolitico e di intelligence, e la più significativa priorità a lungo termine.

Ci siamo organizzati alla CIA negli ultimi due anni per riflettere questa priorità. Abbiamo istituito un nuovo centro missionario, uno dei circa dodici blocchi organizzativi dell’agenzia, incentrato esclusivamente sulla Cina. È l’unico centro missionario nazionale che abbiamo alla CIA e fornisce un meccanismo centrale per coordinare il lavoro sulla missione cinese, che oggi si estende a ogni parte dell’agenzia.

Stiamo assumendo e formando altri parlanti mandarino. E stiamo intensificando gli sforzi in tutto il mondo per competere con la Cina, dall’America Latina all’Africa all’Indo-Pacifico.

Abbiamo anche cercato di rafforzare silenziosamente i canali di intelligence con la Cina. Questi canali discreti sono un mezzo importante per proteggersi da inutili malintesi e collisioni involontarie e integrare e supportare i canali politici, come la recente visita del Segretario di Stato Antony Blinken a Pechino.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Blinken e Xi Jinping

Anche se la Russia e la Cina consumano gran parte della nostra attenzione, non possiamo permetterci di trascurare altre sfide urgenti nel nuovo e complicato panorama odierno.

Il successo dell’attacco statunitense della scorsa estate contro Ayman al-Zawahiri, co-fondatore ed ex leader di al-Qaeda, ha ricordato la capacità e la determinazione ancora focalizzate sulle minacce terroristiche. Per molti anni a venire, dovremo compiere un delicato atto di equilibrio, destreggiandoci tra la rinnovata rivalità tra le maggiori potenze e ogni sorta di altre sfide.

Siamo anche nel bel mezzo della più profonda trasformazione del mestiere dello spionaggio dai tempi della Guerra Fredda. In un’era di città intelligenti e sorveglianza tecnica onnipresente, lo spionaggio è una sfida formidabile. Per un ufficiale della CIA che lavora all’estero in un paese ostile, incontrando fonti che stanno mettendo a rischio la propria incolumità per fornirci informazioni, la sorveglianza costante è un affare molto rischioso. Ma la stessa tecnologia che a volte funziona contro di noi, sia che si tratti di estrarre big data per esporre schemi nelle nostre attività o enormi reti di telecamere, può anche essere fatta funzionare per noi e contro i nostri rivali.

Le piattaforme di raccolta tecnica sono estremamente importanti nel mondo dell’intelligence di oggi. Ma ci saranno sempre segreti che dobbiamo raccogliere da un essere umano e operazioni clandestine che solo un essere umano può eseguire. I nostri ufficiali stanno facendo lavori duri in luoghi difficili in tutto il mondo, spesso operando nell’ombra, lontano dagli occhi e dalla mente, i rischi che corrono e i sacrifici che fanno raramente sono ben compresi.

Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia
Burns

Per i nostri analisti, la rivoluzione dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico e la valanga di informazioni open source creano nuove opportunità. Se sfruttata correttamente, l’intelligenza artificiale può trovare modelli e tendenze in grandi quantità di dati open source e acquisiti clandestinamente che la mente umana non può, liberando i nostri ufficiali per concentrarsi su ciò che sanno fare meglio: fornire giudizi ragionati e approfondimenti su ciò che conta di più ai responsabili politici e cosa significa di più per i nostri interessi.

Un’altra priorità fondamentale in questa nuova era è approfondire le nostre partnership di intelligence in tutto il mondo e rinnovare il nostro impegno per la diplomazia dell’intelligence.

Fondamentalmente, la professione dell’intelligence riguarda le interazioni umane e non c’è alcun sostituto per il contatto diretto per approfondire i legami con i nostri più stretti alleati, comunicare con i nostri più feroci avversari e coltivare tutti nel mezzo.Ucraina Putin e Cina l’analisi del Direttore della Cia

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS