HomeRisvoltiWar & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata...

War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina

War & chip. La guerra al tempo infinitesimale dei microprocessori. La rapida evoluzione del conflitto in Ucraina segna l’avvento di un inedito tipo di battaglie ad alta intensità ed un mix di tecnologia e strategia.

Intanto mentre si infittiscono gli interrogativi sul destino di Prigozhin, la controffensiva ucraina é ad una svolta.

War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina
Yevgeniy Prigozhin

Evgeny Prigozhin vittima della lupara bianca russa ? La misteriosa scomparsa del fondatore dell’esercito di mercenari della Wagner, segnalato alternativamente a san Pietroburgo, a Mosca o in Bielorussia, apparso virtualmente su alcuni post sui social, ma fisicamente introvabile da diversi giorni, secondo varie fonti non soltanto di intelligence presenterebbe numerose similitudini col sistema usato dalla mafia per eliminare gli avversari senza far ritrovare i loro cadaveri e nel contempo per alimentarne il discredito, con la diffusione di voci di fuga della serie prendi i soldi e scappa.

Fra le varie ipotesi, la peggiore prevede che il protagonista della clamorosa marcia su Mosca e della sfida a Putin, possa essere finito nelle mani dei servizi segreti del Cremlino e venga “torchiato” e costretto a rivelare chi aveva alle spalle. Nonostante la crudezza del termine, torchiare in questo caso é un eufemismo caritatevole.

War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina
Prigozhin e Putin

A 500 giorni dall’inizio della fallita invasione di Putin, mentre il Cremlino é tutto proteso nel tentativo di recuperare la leadership perduta e ad epurare generali e apparati di sicurezza, l’esercito Ucraino avanza lentamente, ma progressivamente soprattutto lungo la direttrice delle città di Makiivka e di Bakhmut e sulla sponda orientale del fiume Dnipro. E’ “un’avanzata tatticamente significativa” l’ha definita il think tank statunitense l’Institute for the Study of War .

In attesa delle bombe a grappolo in arrivo dagli Stati Uniti, che moltiplicheranno la potenza di fuoco, la controffensiva di Kiev segna l’avvio di una manovra a tenaglia destinata a provocare la ritirata dell’armata russa.War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina

Oltre alla guerra, la situazione per Mosca non si mette bene neanche in campo internazionale.  Il continuo scambio di colloqui ad alto livello fra Cina e Stati Uniti a Pechino, dove dopo il Segretario di Stato Blinken si è recata la Segretaria al Tesoro Janet Yellen, e l’ambiguità di alleati come la Turchia e l’India oltre che degli stessi leader cinesi, evidenzia il crescente isolamento del Cremlino.

Pesa soprattutto l’accoglienza riservata da Recep Erdogan al presidente ucraino Volodimir Zelensky che é andato in visita ufficiale a Instabul per parlare di grano, ma dietro le quinte di Nato e di alleanze future col presidente turco considerato finora uno stretto alleato di Putin.

War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina
Zelensky e Erdogan

Un ulteriore slancio della Nato e dell’alleanza occidentale in difesa dell’Ucraina é l’obiettivo del viaggio in Europa ai confini con la Russia del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden che fra il 9 e il 13 luglio sarà in Inghilterra, in Lituania per il 74esimo vertice della Nato e Finlandia.

Alla vigilia del viaggio, il via libera alla fornitura a Kiev di bombe al grappolo di ultima generazione, particolarmente efficaci per disarticolare i campi minati e i trinceramenti russi che rallentano la controffensiva, ha inaugurato una nuova fase di valutazione della Casa Bianca del conflitto. Una fase che si potrebbe definire “a la guerre comme a la guerre”, visto il massiccio uso da parte russa fin dall’inizio dell’invasione delle bombe a grappolo non solo sullla linea del  fronte, ma anche contro i civili.War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina

Il nuovo approccio dell’amministrazione americana nei confronti del conflitto in Ucraina coincide con la recente analisi dell’ Economist sul futuro della guerra.

Quella in corso nel cuore dell’Europa, afferma l’autorevole settimanale britannico, é un inedito tipo di guerra ad alta intensità, che combina tecnologia e strategia. Una  evoluzione inedita dalla quale si possono dedurre tre lezioni.

La prima è che il campo di battaglia é diventato tridimensionale, con satelliti onniveggenti e droni onnipresenti. La priorità é quella di rilevare il nemico, prima che sia lui a individuarti e accecare i tuoi sensori.War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina

La seconda lezione é che l’intelligenza artificiale sta soppiantando la massa, cioé le centinaia di migliaia di soldati. Il Generale Mark Milley, Capo degli stati maggiori riuniti dell’esercito Usa, ha previsto che entro 10 anni un terzo delle forze armate di prima linea sarà costituito da robot combattenti. Ma probabilmente non bisognerà attendere un decennio, vista l’attuale utilizzazione di aerei senza pilota e carri armati senza equipaggio.

La terza e più rilevante lezione é che le guerre non hanno più i confini delimitati degli stati belligeranti. Il software del campo di battaglia dell’Ucraina è custodito sui server cloud di big tech all’estero. Non solo negli Stati Uniti e in Inghilterra, ma per esempio in Finlandia dove varie aziende forniscono dati di puntamento. Il che significa che non esisteranno due guerre uguali.War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina

Un ipotetico scontro fra India e Cina potrebbe aver luogo sul tetto del mondo e a colpi di cyber war, mentre un altrettanto ipotetico, e per fortuna remoto, conflitto armato fra Stati Uniti e Cina potrebbe scatenare l’esordio di attacchi reciproci provenienti dallo spazio.

Resta da vedere se l’escalation tecnologica non determinerà la neutralizzazione o la temporanea disattivazione delle telecomunicazioni dirette, dei  computer e dei satelliti d’allarme rapido, di controllo e di comando che hanno finora scongiurato e impedito l’uso di armi nucleari. In questo caso la guerra fra Mosca e Kiev rappresenterebbe davvero l’ultima vana lezione per l’umanità.War & chip e la lezione della guerra del futuro già iniziata in Ucraina

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3476 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3476 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
35 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
12 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS