15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

360
15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata
Condividi

Pubblichiamo l’articolo del Washington Post sull’esperimento agricolo in corso per rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera trasformandola in molecole organiche da disperdere nei campi

15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminataIl mese scorso, i livelli di anidride carbonica nell’atmosfera hanno superato le 415 parti per milione,  il più alto nella storia umana. Gli esperti dicono che il mondo è sempre più sulla strada di una crisi climatica.

Gli sforzi più importanti per prevenire tale crisi riguardano la riduzione delle emissioni di carbonio. Ma un’altra idea sta  iniziando a guadagnare terreno: risucchiare tutto il carbonio dall’atmosfera e immagazzinarlo sottoterra.

Sembra un’idea presa dalla fantascienza, ma la realtà è che gli alberi e le piante lo fanno già, respirando anidride carbonica e depositandola attraverso le radici nel terreno. Ecco perché i consumatori e le aziende spesso “compensano” le loro emissioni di carbonio piantando alberi che aspirano il carbonio in altre parti del mondo.

Una nuova società, con sede a Boston, ora vuole trasformare l’industria agricola in maniera che l’agricoltura diventi esattamente l’opposto di ciò che è oggi: una delle principali fonti di emissione dei gas serra.

Promuovendo tecniche che aumentano il potenziale del terreno agricolo per aspirare il carbonio si spera cioé di arginare i cambiamenti climatici.15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

La  società di Boston ha già lanciato una prima  iniziativa con l’ambizioso obiettivo di rimuovere dall’atmosfera 1 trilione di tonnellate di anidride carbonica, pagando gli agricoltori per modificare le loro pratiche.

Denominato Terraton Initiative (un “teraton” è un trilione di tonnellate), l’intervento prevede che il coinvolgimento nel 2019 di tre mila agricoltori a livello globale con oltre 1 milione di ettari.

David Perry, l’amministratore delegato della società, afferma di aver schierato un gruppo di acquirenti che acquisteranno crediti di carbonio. Si tratta di gruppi non profit e aziende alimentari focalizzate sul consumatore, che poi potranno pubblicitariamente affermare che i loro prodotti non sono solo neutrali dal punto di vista del carbonio, ma anzi  contribuiscono ad abbattere i livelli del carbonio.15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

Agli agricoltori verranno dati addestramento e strumenti per istituire quelle che sono conosciute come pratiche “rigenerative”. Gli scienziati testeranno i campioni di suolo per il contenuto di carbonio e gli agricoltori saranno pagati di conseguenza.

“È completamente basato sui risultati”, ha detto Perry. “A noi non interessa davvero come ci si arriva. Non è necessario essere grandi o piccoli, organici o convenzionali. ”

L’idea centrale é che le piante respirino e attraverso il processo della fotosintesi trasformino l’anidride carbonica dall’atmosfera in zuccheri che diventano foglie, steli e radici. Quando una pianta muore, la decomposizione porta materiale organico e gli acidi umici li legano alle molecole del terreno. In questo modo il carbonio viene “catturato” sottoterra. Più sano e fertile è il terreno, più carbonio può immagazzinare.15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

Il Rodale Institute, un importante think tank agricolo, prevede che oltre il 100% delle attuali emissioni globali annue di carbonio potrebbe essere catturato con il passaggio a pratiche agricole largamente disponibili e poco costose da attuare durante l’aratura, reimpiantando colture di copertura dopo il raccolto una coltura principale oppure ruotando diverse colture per accelerare l’afflusso di sostanze nutritive nel terreno.

Piantare alberi in modo semplice non porterà molto lontano il mondo. Alberi di grandi dimensioni e possono sequestrare più carbonio delle piante più piccole, ma il mondo affronta una deforestazione drammatica e ha enormi esigenze agricole. L’agricoltura sembra un focus pratico e immediato per  bloccare la crescita del carbonio atmosferico.

Non è noto se i tre mila agricolotori già “arruolati” possano arrivare a 1 trilione di tonnellate di carbonio, dice Perry, ma questo rappresenta uno dei più grandi esperimenti agricoli che viene monitorato con software e rilevamenti satellitari disponibili per ogni agricoltore. L’obiettivo è scoprire quali colture, pratiche e posizioni geografiche hanno la capacità di dirottare più carbonio nel suolo.15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

Per iniziare verranno pagati agli agricoltori 15 dollari  per tonnellata di carbonio.

Alcuni agricoltori hanno già adottato le tecniche. Russell Hedrick, un coltivatore rigeneratore che coltiva mais, caglio, soia, orzo, avena e triticale a Hickory, Carolina del Nord, ha misurato il carbonio nei suoi 1.000 acri e il migliore che abbia mai fatto è di 1,5 tonnellate per acro.

Gli incentivi potrebbero rivelarsi decuisivi, specialmente in un momento in cui i fallimenti delle aziende agricole sono elevati ei prezzi delle colture sono in calo.

Hedrick dice che nel 2018, un agricoltore americano in media ha perso circa $ 60 per acro prima delle sovvenzioni e ha guadagnato solo $ 20 per acro dopo sussidi federali. Quindi, se un agricoltore può mettere una tonnellata e mezza di carbonio in ogni acro di terreno ed essere pagato, potrebbe raddoppiare i propri profitti.

“Per me, sarebbe di $ 22 per acro, e coltiviamo vicino a 1.000 acri”, ha detto. “Questo è $ 22.000 per fare quello che sto già facendo. Per me è molto grande come agricoltore. “15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

Hedrick, un agricoltore di prima generazione, ha imparato queste pratiche da libri e video online di agricoltori rigenerativi. Non lavora o ara il terreno e pianta un raccolto di copertura entro 10 giorni dalla raccolta peincipale di mais o soia. Per lo più piccoli grani con radici che possono scendere da sei piedi e ridurre la compattazione del suolo e aiutare a trattenere l’umidità.

La società di Boston non è la prima organizzazione a incoraggiare gli agricoltori a dare priorità alla rimessa del carbonio nel terreno. Gli agricoltori dell’Iowa lo hanno provato negli anni ’90 e la California Healthy Soils Initiative ha un programma di incentivi che finanzia gli agricoltori che usano pratiche come l’applicazione del compost, la pacciamatura, la non-lavorazione e la copertura.

Ciò che distingue l’iniziativa di Boston è la portata del progetto e il suo approccio multiforme, ha dichiarato Mark Bradford, esperto in scienze del suolo e dell’ecosistema presso la Yale School of Forestry & Environmental Studies.

“Nella scienza del suolo, ci sono tutte queste iniziative per immettere il carbonio nel suolo. Il problema è la misurazione e la verifica: come possiamo renderlo economicamente e logisticamente fattibile? “, Ha affermato. “Quello che mi ha colpito è come agronomi e esperti di informatica stiano sperimentando procedure e protocolli peer-reviewable, riesaminabili, rivedibili”.15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

Detto questo, Bradford ha ammesso che la comunità scientifica non è affatto d’accordo sul fatto che questo sia l’approccio giusto. Alcuni si domandano se sia fattibile cambiare le pratiche degli agricoltori in misura così grande e se gli sforzi si tradurranno in significative riduzioni di carbonio nell’atmosfera. Altri scienziati temono che l’attenzione al carbonio nel suolo attenuerà l’attenzione sulle emissioni di gas serra. E altri ancora pensano che la formazione di carbonio potrebbe produrre più gas di ossido di azoto, che è ancora più caldo del biossido di carbonio.

“Nessuno ha i modelli o i dati per determinare chi ha ragione ancora”, ha detto Bradford. “Abbiamo una mancanza di misurazioni. Ma stiamo verificando se gli interventi sui terreni sono fattibili ed incidono realmente”

Perry ha detto che mentre la maggior parte degli agricoltori ha una mentalità sostenibile, è difficile chiedere loro di fare sacrifici per sequestrare il carbonio per il bene del pianeta, specialmente di fronte a così tante altre sfide finanziarie e climatiche. Pagarli per rendere l’intervento sul carbonio una priorità, ha detto, è la risposta.

“È l’unica azione che possiamo intraprendere oggi. E l’ impatto corrisponde alla scala del problema”, ha affermato. “Ridurre la velocità con cui ci avviciniamo alla scogliera climatica ci permette di iniziare a fare retromarcia ed evitare il precipizio del clima. “15 dollari a tonnellata di anidride carbonica eliminata

Facebook Comments
Condividi