HomeMotoriAutogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

Autogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

 Vettel manca la vittoria da dedicare a Marchionne   

Autogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

by Vincenzo Bajardi

Dalla potenziale doppietta Ferrari a quella inattesa Mercedes nel Gran Premio di Germania con Hamilton e Bottas in parata sulla pista amica. Alle lacrime di Hamilton, costretto ad avviarsi in quattordicesima posizione a causa della rottura del servosterzo nelle qualifiche, sono sequite le lacrime molto più amare di  Vettel che ha buttato al vento l’occasione di involarsi nel Mondiale finendo sul muretto a 60 orari a causa della pioggia. Autogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

Un errore pesantissimo, un autogol, quello del tedesco della Ferrari sulla pista di casa a pochi km dalla sua città natia diHeppennheim. Nrl giorno in cui Seb doveva infliggere una nuova batosta al rivale inglese ha visto non solo azzerato il suo vantaggio ma ha sprecato l’occasione per dedicare la vittoria a Marchionne come aveva promesso alla vigilia.

Bisogna ammettere che la gara di Hamilton è stata splendida, autore di una vittoria fondamentale per la casa tedesca.

A spianargli la strada sul podio più alto l’inattesa uscita di pista di Vettel, xge ga perduto  punti importantissimi per il Mondiale.

Adesso Hamilton è balzato in testa alla classifica iridata con 188 punti (ne aveva 163)  con un vantaggio di 17 punti, precedendo Vettel fermo a quota 171, quindi Raikkonen a quota 131, terzo sul traguardo. Quindi Bottas, Ricciardo (ritirato) e Verstappen (105). Autogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

In classifica Costruttori, altro sorpasso: infatti la Mercedes adesso è leader con 310 punti davanti alla Ferrari con 302 e via via Red Bull (211), Renault (81), Force India (60), Haas (57). Hamilton ha concluso a gara in 1h32’29″845 precedendo Bottas (+ 4″535), Raikkonen (+6″732), Verstappen (+ 7″564), Hulkenberg (+ 26″609), Grosjean (+ 28″871).

Hamilton dopo la corsa è stato investigato dai commissari. ma per lui solo una reprimenda. Il pilota aveva attraversato la linea che separa la pista dall’ingresso  in corsia box. Il regolamento proibisce l’attraversamento esclusi casi di forza maggiore. Infrazione avvenuta al 35 giro. Lui aveva imboccato la corsia box per cambiare le gomme, ma su indicazione del team ha cambiato idea tagliando sull’erba per rientrare in pista. Ma tutto è finito in una bolla di sapone.

Occorre risalire al 52° giro quando Vettel ha buttato al vento una facile vittoria con quel maledetto errore. Entrava la safety car con Raikkonen primo, Hamilton secondo ma ben presto quest’ultimo s’involava leader e ne approfittava anche il compagno di scuderia Bottas.Autogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

Al 58° giro si ripartiva e decisivo appariva lo sprint dell’inglese nonostante il compagno di squadra tentasse uno sgambetto tanto da essere ripreso via radio dal team al muretto. Ma Lewis collezionava giri veloci e si rendeva inavvicinabile. Giova pure evidenziare che Hamilton è baciato spesso dalla dea bendata nei  momenti più critici anche se le sue ultime tre gare, dopo l’exploit al Paul Ricard, si sono rivelate molto ostiche come confermano il ritiro in Austria quando era al comando per un guasto alla power unit. Poi lo speronamento in Gran Bretagna da parte della Ferrari di Raikkonen e l’inconveniente nelle prove. In una pista in cui era difficile il sorpasso di fatto si è registrato un clamoroso sorpasso in entrambe le Classifiche iridate. E meno male che a Maranello abbiano deciso di confermare Raikkonen per la prossima stagione rimandando l’arrivo del giovane LeClerc.

“La scelta di privilegiare Raikkonen – ha scritto Giorgio Terruzzi sul Corsera – in luogo di un talento fresco è quanto mai opportuna”.

Toccherà ad Arrivabene, team principal, a ricaricare le batterie di Vettel ma anche al neo presidente di Ferrari Elkann edall’ad Louis Camilleri, in vista del prossimo  il 29 luglio a Budapest per il GP Ungheria.Autogol di Vettel e per le Ferrari il dopo Marchionne comincia male

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3470 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3470 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS