Bottas e la Mercedes convincono in Spagna

0
288
Bottas e la Mercedes convincono in Spagna
Condividi

by  Vincenzo Bajardi

I test pre campionato di Formula 1 si sono conclusi oggi, dopo la seconda sessione, sulla pista spagnola di Montmelò a Barcellona.

Ora tutti i team sono concentrati per la prima gara a Melbourne in Australia in programma il 15 marzo. La Mercedes è apparsa in piena salute anche se Toto Wolff ha preferito predicare prudenza sull’esito dei test e sottolineando che “la verità la si toccherà con mano solo a Melbourne”.

Il finlandese Bottas con la Mercedes con una monoposto che rasenta la perfezione ha sciorinato un eloquente tempo di 1.16.169 siglato con il compound C5, il più morbido a disposizione.

Bottas e la Mercedes convincono in Spagna

Bottas ha preceduto nettamente Verstappen con la Red Bull (+ 0.073, molti scommettono che l’olandese non abbia voluto fare il tempone per non scoprirsi), Ricciardo (Renault, + 0.080) con gomme soft, il francese LeClerc (Ferrari, + 0.164), Hamilton (Mercedes, + 0.214), Ocon (Renault, + 0.237), Perez (Racing Point, + 0.438), Sainz (McLaren, + 0.624), quindi Russell e Kvyat.

Bottas è dunque uscito allo scoperto dopo aver un pò giocherellato. Verstappen e Ricciardo sono apparsi in grande forma. LeClerc ha chiuso al quarto posto ma si è fatto ammirare per uno spedito passo gara.Bottas e la Mercedes convincono in Spagna

Segnali positivi comunque arrivano dal Cavallino dopo il miglior crono firmato da Vettel nel Day 5.

Un dato è certo: Mercedes e Ferrari si sono divertite a giocare a nascondino.

Mercedes comunque a vele spiegate con Ferrari e Red Bull in zona disturbo.  Vettel aveva concluso il suo turno ben presto alle 10.38 perchè tradito dal motore della sua SF1000.Bottas e la Mercedes convincono in Spagna

Nella prima parte dei test si era messo in luce Ricciardo con la Renault (1.16.276) su LeClerc (Ferrari, 1.16.360) e su Hamilton (Mercedes, 1.16.410) autore di 90 giri. Ma vanno segnalati anche gli ottimi riferimenti di Ocon sceso a 1.16.433, di Verstappen (1.16.384).

Nella penultima giornata di test, Vettel con la Ferrari aveva firmato il miglior tempo in 1.16.841 utilizzando la mescola più morbida della Pirelli, nonostante il forte vento. Il tedesco precedeva Pierre Gasly con l’Alpha Tauri (1.17.066) e via via Stroll (Racing Point, 1.17.118), Latifi (Williams, 1.17.313), Norris (McLaren, 1.17.573), Verstappen (Red Bull, 1.17.738), Bottas (Mercedes, 1.17.985), Ocon (Renault, 1.18.03), Magnussen (Haas, 1.18.225), Albon (Red Bull, 1.18.393), Ricciardo (Renault, 1.18.935), Giovinazzi (Alfa Romeo, 1.19.670, poi andato a muro senza conseguenze e danni alla C39), Hamilton (Mercedes, 1.22.425).Bottas e la Mercedes convincono in Spagna

Quest’ultimo è stato costretto ad accostare la sua monoposto dopo 14 giri per un nuovo problema alla pressione dell’olio. Nella prima giornata dell’ultimo test prestagionale si era registrato l’acuto del terzo pilota dell’Alfa Romeo Racing: il polacco Robert Kubica aveva stampato in mattinata il tempo di 1.16.942, quindi Verstappen (1.17.347) con la Red Bull e terzo Perez su Racing Point (1.17.428), quindi Kvyat (1.17.456) con l’Alpha Tauri, Gasly (1.17.540) con l’Alpha Tauri, Albon con la Red Bull (1.17.550).

Hamilton con la Mercedes settimo (1.17.787), Stroll, Bottas nono (1.18.100), Vettel decimo (1.18.113), Ricciardo (1.18.214), Sainz (1.18.221) e LeClerc tredicesimo (1.18.244).

Per Mattia Binotto, il team principal della Casa di Maranello, “La stagione sarà impegnativa al massimo, ma non siamo abbastanza competitivi per affermarci nelle prime gare. Non escludo che la Racing Point, possa fornire la sorpresa della stagione”.Bottas e la Mercedes convincono in Spagna

Facebook Comments
Condividi