Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

0
143
Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola
Condividi

Pubblichiamo una sintesi dell’analisi del Washington Post sulla imminente commercializzazione della carne artificiale prodotta moltiplicando in laboratorio le cellule animali

Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Dal laboratorio alla tavola: la carne artificiale conquisterà i consumatori?  E’ l’inizio della fine della carne?

Ci sono almeno nove aziende negli Stati Uniti che producono carni coltivate in cellule, e alcune di loro prevedono di immettere il loro prodotto sul mercato entro la fine di quest’anno.

Una delle più grandi aziende al mondo a base di carne, con sede in California, questa settimana ha avuto il più forte debutto annuale nel mercato azionario di qualsiasi altra azienda. Ikea ha annunciato una versione senza carne delle sue polpette svedesi. E Burger King ha detto che distribuirà un suo prodotto analogo entro la fine dell’anno.

Ma l’agricoltura animale convenzionale si trova di fronte a una minaccia ancora più grande delle polpette a base vegetale. Una minaccia proveniente dalle piastre di Petri.

Le aziende negli Stati Uniti e all’estero si stanno muovendo rapidamente per portare sul mercato hamburger e altri prodotti a base di carne, pollame e frutti di mare derivati ​​da tessuto muscolare cresciuto in un laboratorio con cellule raccolte da un animale vivente.

La Food and Drug Administration, l’Agenzia federale per gli alimenti e i medicinali introdurrà le regole per tali prodotti entro dicembre, e le aziende affermano di essere pronti a lanciare i loro primi prodotti commerciali entro lo stesso termine.

Come l’introduzione di alimenti geneticamente modificati prima di esso, la carne coltivata con la cellula ha il potenziale per trasformare il modo in cui il mondo mangia. E come per gli alimenti geneticamente modificati, probabilmente ci sarà un pushback.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

La carne a base vegetale, mentre cresce in popolarità, attira ancora in gran parte la piccola percentuale di americani vegetariani e vegani. Se le carni da laboratorio possono replicare il gusto e la consistenza della carne tradizionale – a un costo inferiore e con meno svantaggi – sarebbe un punto di svolta per la nutrizione globale.

“Se la carne artificiale messa in commercio venisse consumata anche parzialmente, questo rappresenterebbe uno dei progressi più importanti del secolo”, ha detto Kristopher Gasteratos, fondatore della Cellular Agriculture Society, un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro che utilizza le donazioni per promuovere l’agricoltura cellulare.

Questa prospettiva sta provocando una battaglia a tre sul futuro della carne, con le fazioni che manovrano per modellare la regolamentazione del governo, i gusti dei consumatori e il dibattito sulle implicazioni sociali e ambientali dell’adozione diffusa di carni alternative.

L’agricoltura animale americana tradizionale, un business da 176 miliardi di dollari nel 2017, vuole preservare il suo business fondamentale mentre.

Le aziende di carne di origine vegetale devono convincere il mondo che non sono solo per vegani e vegetariani.

E le aziende di carne futuristiche basate sul laboratorio, che forse hanno più promesse di distruggere l’industria alimentare, devono disfare la scienza per i consumatori e spingere le persone oltre il fattore ick, cioè la sensazione dello schifo.

La recente esplosione di entusiasmo per i prodotti a base di carne alternative è sorprendente perché gli esperti del settore per anni sono stati scettici sul fatto che sarebbero state accettate dai consuimatori.

“Quando hanno introdotto i prodotti a base vegetale, i ristoratori hanno detto che sembrava molto promettente, ma il tasso di riordino è molto lento”, ha detto in un’intervista telefonica Don Close, analista senior di proteine ​​animali in Nord America per Rabo AgriFinance. “È una percentuale trascurabile delle vendite complessive e la quantità di trazione che ricevono dal pubblico è minima rispetto all’attenzione dei media”.

Le alternative di carne a base vegetale sono esplose in seguito a due tendenze contrastanti: la crescente domanda di carne e i crescenti timori sulla carne.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

L’agricoltura animale è una potenza economica in espansione in tutto il mondo guidata dalla crescente domanda nei paesi sviluppati e in via di sviluppo. Ma è anche una fonte di grande preoccupazione per la salute pubblica, la sicurezza dei lavoratori, la crudeltà sugli animali e il cambiamento climatico.

L’ Organizzazione mondiale della sanità e la rivista medica britannica The Lancet quest’anno hanno messo in guardia contro i pericoli della carne rossa. Venerdì, il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha dichiarato che, per ragioni ambientali, voleva eliminare gradualmente le carni trasformate e rosse servite dagli ospedali cittadini, dalle scuole e dalle strutture correzionali.

I primi hamburger vegetariani risalgono agli anni ’80. Ma il concetto è balzato in avanti nell’ultimo decennio con innovazioni come l’introduzione di “heme”, un complesso chimico di composti di una proteina dalle radici delle piante di soia che offre un gusto sostanzioso.

Il risultato è gustoso e molto più soddisfacente di quanto i primi hamburger a base vegetale potevano assicurare

Le modifiche alla carne potrebbero essere ancora più radicali una volta che la carne a base cellulare arriva sul mercato, ma come per gli hamburger vegetali, ci vorrà del tempo.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Gasteratos parla di una rivoluzione e prevede che la carne coltivata in laboratorio sostituirà il 50% del consumo globale di carne entro la metà di questo secolo.

Entro la fine del secolo, Gasteratos prevede inoltre che l’agricoltura animale intensiva verrà gradualmente eliminata e tutta la carne verrà coltivata nelle fabbriche.

Parlando a una recente conferenza di allevatori e esperti di carne a College Station, Texas, Gasteratos ha citato proiezioni di crescita della popolazione globale e aumento del consumo di carne pro capite tra paesi con classi medie in crescita in un contesto di cambiamenti climatici che potrebbero spostare o ridurre la terra arabile .

“Non credo che le basi delle piante abbiano capacità rivoluzionarie”, ha affermato. “Io non lo sostengo, le persone amano mangiare carne animale, hanno un disinteresse psicologico nel mangiare a base di piante e devo ancora incontrare qualcuno che possa fabbricare una cellula di un altro regno che possa assaggiare come una cellula animale”.

Secondo Gasteratos, la produzione basata su cellule utilizza le cellule staminali muscolari adulte di un animale vivo, sollevandole in un ambiente ricco di sostanze nutritive fino a quando non assumono l’aspetto e la forma della carne desiderata.

Il primo hamburger prodotto in laboratorio è stato presentato in una conferenza stampa a Londra nel 2013, il suo tessuto coltivato in un laboratorio presso l’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, con un costo stimato di $ 1,2 milioni per libbra. Ora gli Stati Uniti hanno almeno nove aziende che coltivano le cellule, tra le 26 in tutto il mondo e potenzialmente con altre compagnie ombra che si stanno preparando in Cina.

Quest’anno, la società israeliana Aleph Farms ha dichiarato di aver ridotto i costi fino a $ 100 per libbra, e gli addetti ai lavori del settore dicono che le società americane ottengono il costo a $ 50 per libbra.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Le principali società americane ora dicono di pianificare il lancio dei loro prodotti entro la fine del 2019, leggermente in anticipo sui tempi previsti. Si prevede che la Food and Drug Administration e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti finalizzeranno le norme in materia di ispezione ed etichettatura questo autunno.

L’ottanta per cento dei primi prodotti sarà “carne non strutturata”: carne macinata e l’interno di una pepita di pollo in contrapposizione a un’osso a tibia o ala di pollo. E per gli Stati Uniti paese spediscono annualmente 50 miliardi di hamburger, strapparne soltanto un miliardo all’agricoltura tradizionale, o da aziende di origine vegetale, sarebbe un grande affare.

La cosiddetta lobby del cortile – che rappresenta le industrie della carne, del bestiame e del pollame – si è mossa rapidamente, avviando azioni legali in 20 stati per limitare l’uso del termine “carne bovina”.

Le azioni legali promosse dall’Associazione Nazionale Bovini da Carne chiedono che “ai fabbricanti di carne coltivati ​​con la cellula non deve essere permesso di usare il termine ‘carne di manzo’ o qualsiasi nomenclatura associata alla produzione di bestiame tradizionale”.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Danielle Beck, direttrice degli affari governativi per l’Associazione nazionale dei bovini da carne, ha dichiarato che Big Beef è desiderosa di evitare il kerfuffle, la confusione, in corso nel settore lattiero-caseario per il latte. La FDA ha scelto di non prendere provvedimenti per contrastare la proliferazione di latte di noci, latte di soia, latte di avena, tra gli altri, usando il termine latte sulle loro etichette. Dal punto di vista di Beck, questi prodotti dovrebbero essere etichettati come “latte artificiale”.

“I nostri produttori stanno guardando alle lotte dell’industria lattiero-casearia e sono proattivi perché non vogliamo finire allo stesso modo. “Ogni singolo prodotto deve essere identificato distintamente sul mercato”, ha detto.

Anche i produttori di carne basati sulle cellule potrebbero trovarsi di fronte alle resistenze dei consumatori – sebbene Erlinde Cornelis, professore di marketing presso la business school della San Diego State University che studia psicologia del consumatore, sostenga che è improbabile che i più giovani siano nauseati riguardo alla fabbricazione delle proteine ​​artificiali.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Per le persone che sono cresciute con lo spettro del cambiamento climatico, l’adozione di carne a base vegetale o cellulare rispetto all’agricoltura animale tradizionale è facile. Sebbene siano scettici, prelave l’appello generale a passare dall’agricoltura di animali terrestri al laboratorio .

“Le piante e le cellule si appelleranno a mercati diversi”, ha detto Cornelis. “La carne reale è una vecchia tecnologia. È quasi ignorante, se sai quanta delle nostre risorse ci vuole; è come digitare su una macchina da scrivere quando si dispone della tecnologia speech-to-text “.Carne addio bistecca artificiale dal laboratorio alla tavola

Facebook Comments
Condividi