HomeRassegna StampaCasa Bianca la Costituzione vieta la candidatura di Trump

Casa Bianca la Costituzione vieta la candidatura di Trump

Pubblichiamo una sintesi del reportage del New York Times sull’interpretazione delle norme della Costituzione degli Stati Uniti che secondo due eminenti giuristi conservatori escludono la candidabilità e l’eleggibilità di Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2024Casa Bianca la Costituzione vieta la candidatura di Trump

Casa Bianca la Costituzione vieta la candidatura di TrumpDue eminenti professori di diritto, entrambi convinti conservatori, hanno concluso che Donald Trump non è idoneo a essere Presidente ai sensi di una disposizione della Costituzione che vieta alle persone che si sono impegnate in un’insurrezione di ricoprire cariche governative.

I professori  William Baude dell’Università di Chicago e Michael Stokes Paulsen dell’Università di St. Thomas sono membri della Federalist Society, un gruppo legale conservatore fautore dell’originalismo, il metodo di interpretazione che cerca di determinare il significato originario della Costituzione.

I due studiosi hanno studiato la questione per più di un anno e hanno dettagliato le loro valutazioni in un lungo articolo che sarà pubblicato su The University of Pennsylvania Law Review .

“Quando abbiamo iniziato, nessuno di noi due era sicuro di quale fosse la risposta”, ha detto il professor Baude. “La gente parlava di questa disposizione della Costituzione. Abbiamo pensato: ‘Siamo studiosi costituzionali, e questa é un’importante questione costituzionale. Dovremmo capire cosa sta realmente succedendo quì. E più ci approfondivamo, più ci rendevamo conto di avere qualcosa da aggiungere”.

Questa la sintesi della disamina costituzionale dei due professori: “Donald Trump non può essere presidente – non può candidarsi alla presidenza, non può essere eletto Presidente, non può ricoprire cariche – a meno che due terzi del Congresso non decidano di concedergli l’amnistia per la sua condotta il 6 gennaio”.Casa Bianca la Costituzione vieta la candidatura di Trump

Un articolo di due studiosi interpretativo della Costituzione, ovviamente, non cambierà la realtà che Trump è il candidato favorito del partito repubblicano e che gli elettori rimangono liberi di valutare se la sua condotta fosse biasimevole. Ma la portata e la profondità dell’analisi dei due docenti possono incoraggiare e sostenere azioni legali da parte di altri candidati ed elettori ordinari sostenendo che la Costituzione lo rende ineleggibile alla carica.

“Ci sono molti modi in cui questa potrebbe diventare una causa che presenta una questione costituzionale vitale che potenzialmente la Corte Suprema vorrebbe ascoltare e decidere”, ha detto il professor Paulsen.

Trump è già stato incriminato due volte dalla corte federale, in relazione ai suoi tentativi per ribaltare le elezioni del 2020 e alla mancata riconsegna di documenti riservati. Sta anche affrontando accuse relative a pagamenti in nero di denaro a New York e potrebbe presto essere incriminato in Georgia per un secondo caso elettorale.

Incriminazioni che potrebbero dar luogo al carcere o ad altre sanzioni penali. La disposizione costituzionale presa in esame riguarda una questione diversa: se cioé Trump sia idoneo a ricoprire la carica di Presidente.

Ci sono, secondo l’articolo, “prove abbondanti” che  Trump si sia impegnato per favorire un’insurrezione, anche proponendosi di ribaltare il risultato delle elezioni presidenziali del 2020, cercando di alterare il conteggio dei voti con frodi e intimidazioni, incoraggiando liste fasulle di elettori concorrenti , facendo pressione sul vicepresidente perché violasse la Costituzione, chiedendo la marcia sul Campidoglio e rimanendo in silenzio per ore durante l’attacco e l’irruzione a Capitol Hill.Trump l’incriminazione più grave: cospirazione contro di Stati Uniti

“È indiscutibilmente giusto affermare che Trump si è ‘impegnato’ nell’insurrezione del 6 gennaio sia attraverso le sue azioni che la sua inazione”, afferma l’articolo.

Steven G. Calabresi , professore di diritto alla Northwestern and Yale e fondatore della Federalist Society, ha definito l’articolo “un tour de force”.

Ma James Bopp Jr., che ha rappresentato i membri della Camera le cui candidature sono state contestate ai sensi del provvedimento, ha affermato invece che gli autori “hanno adottato una visione ridicolmente ampia” al riguardo, aggiungendo che l’analisi dell’articolo “è completamente antistorica”.

La disposizione in questione é la Sezione III del 14° Emendamento. Adottato dopo la Guerra Civile, impedisce a coloro che avevano prestato giuramento “di sostenere la Costituzione degli Stati Uniti” di ricoprire cariche se poi “avranno partecipato a insurrezione o ribellione contro la stessa, o dato aiuto o conforto ai nemici di ciò”.

Il Congresso può rimuovere il divieto, dice la disposizione, ma solo con i due terzi dei voti di ciascuna Camera.

L’ articolo dei due professori esamina dettagliatamente le testimonianze storiche che illuminano il senso della disposizione, utilizzando i metodi dell’originalismo. Ha attinto, tra le altre cose, a definizioni del dizionario contemporanee, altre disposizioni della Costituzione che utilizzano un linguaggio simile, “l’evidenza particolarmente forte dell’uso politico e legale dell’era della guerra civile del 1860 di quasi gli stessi termini esatti” e l’applicazione anticipata della disposizione.Casa Bianca: la Costituzione americana vieta la candidatura di Trump

L’articolo conclude che essenzialmente tutte quelle prove puntavano nella stessa direzione: “verso un’ampia comprensione di ciò che costituisce insurrezione e ribellione e una comprensione straordinariamente, quasi straordinariamente ampia, di quali tipi di condotta costituiscono impegnarsi, assistere o dare aiuto o conforto a tali movimenti.”

La conclusione é che “Donald Trump sia risultato partecipe nel tentativo di insurrezione o ribellione e ha prestato “aiuto o conforto” a coloro che erano impegnati in tale condotta, nel significato originale di quei termini impiegati nella terza sezione del 14esimo Emendamento.”

Sebbene la disposizione sia stata ideata per affrontare le conseguenze della guerra civile, é stata scritta in termini generali e continua ad avere forza, afferma l’articolo.

Il Congresso ha concesso ampie amnistie nel 1872 e nel 1898. Ma quegli atti erano retrospettivi, afferma l’articolo e non limitavano la forza potenziale della Sezione 3.

Il linguaggio della disposizione é automatico, afferma l’articolo, stabilendo un requisito per ricoprire cariche non diverso in linea di principio dal requisito della Costituzione secondo cui solo le persone che hanno almeno 35 anni possono essere eleggibili alla presidenza.L’arresto di Trump forza e impotenza dell’America

“La regola di squalifica della Sezione 3 può e deve essere seguita – applicata, onorata, obbedita, applicata, eseguita – da chiunque abbia il compito di capire se qualcuno è legalmente qualificato per l’ufficio”, hanno scritto gli autori. Ciò include, precisano i due professori, gli amministratori elettorali.

Per il professor Calabresi quegli amministratori devono agire. “Trump non è idoneo a partecipare al ballottaggio e ciascuno dei 50 segretari di Stato ha l’obbligo di stampare schede senza il suo nome”, ha detto, aggiungendo che potrebbero essere citati in giudizio per essersi rifiutati di farlo.

Alcune delle prove considerate dall’articolo si sovrapponevano a quanto descritto nella recente incriminazione di Trump con l’accusa di aver cospirato per sovvertire le elezioni del 2020. Ma la Sezione 3 del 14° Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti affrontano “questioni completamente separate”, ha detto il professor Baude, che ha spiegato come “la questione se Donald Trump debba andare o meno in prigione é affidata al processo penale, mentre la circostanza se gli sia permesso di prestare nuovamente giuramento costituzionale e di ricevere nuovamente il potere costituzionale non è una situazione giudicabile da nessuna giuria”.Casa Bianca la Costituzione vieta la candidatura di Trump

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3497 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS