Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto

0
299
Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto
Condividi

by Vincenzo Bajardi

Molto più di qualunque considerazione una notizia appena battuta dalle agenzie fotografa la disastrosa situazione dell’intero settore mondiale dell’auto: il Presidente degli  Stati Uniti Donald Trump ha ordinato alla General Motors di riconvertire gli impianti e di costruire al posto delle auto dei ventilatori polmonari per i pazienti contagiati dal coronavirus.Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto

Il coronavirus irrompe nel mondo dell’auto mettendolo dunque ulteriormente in ginocchio. Rinviati il Salone di Pechino (era in calendario dal 21 al 30 aprile), di Ginevra (dal 5 al 15 marzo), quello di New York viene spostato sulla carta in agosto, mentre Detroit rimane attualmente confermato per giugno.

In Cina, come riportato dal The Guardian, le vendite di auto sono scese del 96% nella prima settimana di febbraio e del 92% nella prima metà del mese.

Ma in prospettiva qualche segnale incoraggiante si intravede, dopo il ritorno alla normalità fuori della provincia dello Hubei.

FCA ha riaperto la sua fabbrica a Guangzhou. Anche General Motors, Toyota e Honda hanno deciso si ripartire nei siti produttivi in Cina.Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto

Ma il peggioramento della situazione globale si riverbera sul settore dell’auto i cui bilanci hanno già risentito, sin dal 2019, degli elevati investimenti tecnologici richiesti per l’elettrificazione, la guida autonoma e la riduzione delle emissioni.

L’ industria dell’auto rischia quindio di implodere perchè i produttori, da anni, dipendono dall’industria cinese che fornisce svariati componenti.Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto

In Inghilterra, Jaguar Land Rover teme che per i ritardi nelle consegne dalla Cina la produzione in Uk potrebbe essere  a rischio, come ha evidenziato nei giorni scorsi il Ceo, Ralf Speth.

Anche Mercedes Benz che nel 2019 ha venduto in Cina 700 mila auto lamenta il blocco delle vendite nella Repubblica popolare. Dall’industria cinese dei ricambi auto dipende in ogni caso l’intera produzione di veicoli.

Dai chip per i computer di bordo, ai sistemi elettronici fino alla più svariata componentistica, si è messa in moto  una reazione a catena negativa.

Hyundai e Kia hanno deciso di chiudere la fabbrica di Asan in Corea del Sud per mancanza di parti vitali delle carrozzerie.

A Wuhan, epicentro dell’epidemia,si trova il quartiere generale della Dongfeng Motor Corporation che fornisce Honda, Gruppo Psa e Renault ed ancora Bosch, Valeo. Per non parlare del Gruppo Volkswagen che include diversi marchi (Audi, Seat e Skoda) e che nell’area di Shangai ha divere fabbriche.Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto

Scendendo in dettaglio General Motors assembla il 18,5% della sua produzione in Cina, Nissan nel suo stabilimento giapponese di Kyushu sta apportando variazioni alla produzione. Nentre la Suzuki vuole adesso rifornirsi di componenti fuori dalla Cina.

Tesla, dopo lo stop alla produzione imposto dalle autorità cinesi, ha ripreso ad operare a Shangai con il Model3.

A livello di auto elettriche la Cina produce il 65% delle batterie agli ioni di litio.

Per la Ceo di GM, Mary Barra la situazione non è delle migliori.          L’ Aston Martin non riaprirà le  fabbriche fino al 20 aprile. Bmw ha fermato i suoi 12 stabilimenti in Europa il 18 marzo, con riapertura ipotizzata per il 19 aprile. Daimler prolungherà la chiusura degli impianti in Europa alneno fino al 17 aprile.

Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto
Mary Barra

Fiat Chrysler e Ferrari hanno chiuso gli impianti in Italia (con una riapertura attualmente programmata per il 6 aprile a Melfi per la produzione della sola Jeep Compass) e negli Stati Uniti, dove per 14 aprile è ipotizzata la ripresa della produzione.

Ford cobnta di riprendere la produzione ad Hermosillo in Messico, a Dearborn, a Sharonville, in Kentucky, ed a Kansas City. Chiusi gli impianti in India, Sud Africa,Thailandia e Vietnam e riduzione degli stipendi del 50% per i top manager.

General Motors dovrebbe  tornare al lavoro il 30 marzo, con una riduzione del 20% per gli amministrativi. Honda fino al 7 aprile terrà chiuse le tre fabbriche americane e quella in Ontario. Mazda, Mitsubishi, Nissan, Renault, Toyota, Volkswagen, Volvo: chi sospenderà la produzione per 13 giorni chi fino al 1° maggio.

L’auto arranca insomma lungo tutta la trincea del coronavirus che attraversa il pianeta.Chi è fermo e chi ci marcia il coronavirus stronca l’auto

Facebook Comments
Condividi