Cina nemesi economica degli Stati Uniti

0
Condividi
Pubblichiamo una sintesi dell’analisi del New York Times sulle prospettive in velocissima  evoluzione della guerra fredda economica fra Cina e WashingtonCina nemesi economica degli Stati Uniti

 

by Erica Berenstein

Le relazioni economiche tra Cina e Stati Uniti hanno in pratica avviato la globalizzazione e alleviato le condizioni di vita di centinaia di milioni di cinesi.

La Cina ha fornito iPhone e altri gadget a prezzi accessibili ai consumatori americani e consentito grandi profitti alle aziende Usa, ma contemporaneamente col grano e le derrate alimentari americane ha sfamato un miliardo e 300 milioni di cinesi.

Ad un certo punto però lo sviluppo esponenziale dell’economia cinese ha rappresentato uno shock per il sistema commerciale globale e la concorrenza si è trasformata in minaccia.

Cina nemesi economica degli Stati Uniti

Shangai

Mentre sono in corso trattative fra  Pechino e l’amministrazione Trump per scongiurare una potenziale guerra commerciale, entrambi i paesi stanno tuttavia pianificando la reciproca autosufficienza. Un modo per sfruttare  all’interno dei rispettivi sistemi economici gli  oltre 700 miliardi di dollari dell’interscambio annuo di beni e servizi fra Stati Uniti e Cina.

Nonostante gli economisti riconoscano che un disimpegno totale è attualmente impossibile, Pechino e Washington pianificano lo sganciamento e l’indipendenza industriale, in particolare per quello che riguarda l’alta tecnologia.Cina nemesi economica degli Stati Uniti

“Sul piano tecnologico dobbiamo mettere da parte le illusioni e fare affidamento su noi stessi”, ha detto il Presidente Xi Jinping della Cina durante la visita, il mese scorso, ad una nuova fabbrica di microchip per computer nel centro del paese.

Pechino ha già avviato , un piano che richiede che il paese diventi ampiamente autosufficiente e globalmente competitivo in 10 settori manifatturieri avanzati ora dominati dall’Occidente. Settori che  includono l’aeronautica commerciale, robotica, comunicazioni di telefonia mobile 5G e microchip per computer.Cina nemesi economica degli Stati Uniti

La Cina attualmente dipende dagli Stati Uniti e dai suoi alleati per l’high-tech. Washington ha dimostrato che basta negare componenti di fabbricazione americana all’industria ZTE, per bloccare la produzione delle fabbriche della compagnia cinese.

Ma Washington è anche preoccupata per gli sforzi della Cina di rendersi autosufficiente nel settore strategico dell’high-tech. L’amministrazione Trump ha bloccato la proposta dell’acquisizione di Qualcomm, concorrente di Broadcom. Acquisizione che avrebbe conferito alla cinese  Huawei un vantaggio nella tecnologia 5G.Cina nemesi economica degli Stati Uniti

I dazi doganali e le tariffe proposte dal Presidente Trump sono in parte rivolte alle industrie americane che potrebbero passare più facilmente a un fornitore con sede negli Stati Uniti o presso un alleato come Germania, Giappone, Taiwan, Corea del Sud, Messico o India. Nella maggior parte si tratta di  industrie che producono merci e prodotti  con componenti importati a costi concorrenziali dalla Cina.

Le tariffe sono anche orientate verso i prodotti che daranno forma al futuro. La Cina non esporta quasi nulla in alcune categorie che l’amministrazione Trump ha incluso con cura nella sua lista per le tariffe pianificate, come le auto elettriche e i satelliti. Ma i cinesi sperano che queste industrie diventeranno presto grandi esportatrici.

Le leggi americane e le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio consentono ai paesi di imporre tariffe doganali sulle merci sovvenzionate all’estero che danneggiano le industrie nazionali. Ma l’amministrazione Trump sta cercando di anticipare le esportazioni cinesi di prodotti high-tech sovvenzionati negli Stati Uniti imponendo in anticipo dei dazi.

La politica commerciale americana “risponderà a concorrenti economici ostili, riconoscerà l’importanza della tecnologia e cercherà opportunità di lavorare con altri paesi che condividono i nostri obiettivi“, ha recentemente dichiarato alla Commissione finanziaria del Senato Robert E. Lighthizer, rappresentante commerciale degli Stati Uniti.

L’attenzione al disimpegno riflette una più ampia realtà politica e non solo. Sul piano militare, per esempio, la Cina sta rapidamente costruendo una flotta di livello mondiale. Conduce esercitazioni militari in Africa e al largo delle coste del nord Europa e sviluppa  alcuni dei caccia stealth e missili balistici più avanzati del mondo. La flessione dei muscoli militari ha causato allarme a Washington e ha direttamente influenzato la politica commerciale.

La Cina deve anche affrontare l’aumento del costo del lavoro. Il che significa che la produzione a basso costo non fornirà più tanti posti di lavoro. Ed ha una crescente classe di giovani istruiti per i quali ha bisogno di trovare posti di lavoro ben remunerati e ad alta tecnologia. Mentre molte aziende americane ed europee vedono Made in China 2025 come un aperto sostegno governativo alla concorrenza, i leader cinesi considerano il piano essenziale per la futura prosperità del paese.Cina nemesi economica degli Stati Uniti

A prima vista, la Cina potrebbe avere migliori possibilità di successo. Il sistema bancario controllato dallo stato del paese può condurre enormi prestiti a tassi di interesse molto bassi a qualsiasi industria scelta dal governo centrale. I governi locali sono stati anche invitati a promuovere industrie mirate, che possono fare attraverso sussidi a zero costi, come la fornitura di terreni in città. In tutta la Cina fabbriche di semiconduttori stanno infatti proliferando nelle principali città, ponendo una sfida formidabile agli attori globali del settore.

Ma l’ex Celeste Impero ha ancora  una lunga strada da percorrere. Traccia gli Stati Uniti in modo significativo in aree cruciali come i microchip, il design del software e la produzione di precisione di alta gamma. Ad esempio, i semiconduttori progettati negli Stati Uniti rappresentano la metà delle chips che la Cina acquista ogni anno. Le aziende americane possono già progettare e presto produrranno semiconduttori con circuiti che rappresentano solo un quinto delle dimensioni dei circuiti cinesi.

Ma anche gli Stati Uniti devono affrontare delle sfide. Washington potrebbe trovare estremamente difficile attirare le fabbriche che si sono trasferite in Cina nel corso degli anni. I lavoratori cinesi possono essere più costosi da impiegare di quanto non fossero una volta, ma sono ancora pagati un quarto o meno dei lavoratori americani.

La Cina è diventata un vasto nuovo mercato a sé stante, un mercato che le aziende sono riluttanti a lasciare, e ha investito enormi somme in autostrade, treni super veloci e altri sistemi che rendono i contatti tra compratori e venditori economici e facili.

E alcune industrie semplicemente potrebbero non tornare mai più. Ad esempio, le tariffe proposte da Trump non toccheranno l’industria dell’elettronica di consumo, in un riconoscimento del fatto che il business della realizzazione di iPhone e Xbox rimarrà in Cina nel prossimo futuro.Cina nemesi economica degli Stati Uniti

Foxconn, una società taiwanese che produce iPhone e altri dispositivi, ha tuttavia iniziato a costruire strutture in India e si sta preparando a costruirne una anche negli Stati Uniti. Devendra Fadnavis, il primo ministro dello stato del Maharashtra in India, che comprende Mumbai, ha dichiarato in un’intervista di aver recentemente incontrato un gruppo di amministratori delegati di società americane che desideravano fare investimenti per realizzare nuove fabbriche nel paese.

Jie Zhao, esperto di geo politica presso la Fudan University, ha predetto che una maggiore autosufficienza economica negli Stati Uniti e in Cina non arriverà rapidamente, ma che comunque si realizzerà.

“Né la Cina né gli Stati Uniti possono eliminare l’interdipendenza economica reciproca in questo momento storico”, ha detto. “Ma ridurre la loro dipendenza potrebbe essere un’opzione per andare avanti nella competizione tecnologica e nella riorganizzazione del potere mondialeCina nemesi economica degli Stati Uniti

Condividi