Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

0
125
Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio
Condividi

Pubblichiamo le sintesi dei commenti spesso critici con Trump dei due principali quotidiani americani, Washington Post e New York Times, sull’accusa di spionaggio sistematico che gli Stati Uniti contestano alla Cina e che ha determinato la chiusura del consolato cinese ad Houston, considerato una centrale dell’intelligence di Pechino per depredare brevetti industriali e scientifici ed informazioni sensibili nel cuore degli Stati Uniti.  “Se il mondo libero non cambia la Cina comunista, la Cina comunista ci cambierà” ha affermato il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo.

Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

La politica cinese di Trump non ha strategia, se non quella di rafforzare la sua campagna di rielezione

Gli Stati Uniti dovrebbero guidare le nazioni democratiche a resistere contro il totalitarismo cinese. Invece, il Presidente Trump sta perseguendo un’offensiva sconsiderata, incoerente e unilaterale contro Pechino, che sembra progettata per rilanciare la sua campagna di rielezione, non per gestire la complicata sfida posta dal regime di Xi Jinping.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

L’ordine brusco del Dipartimento di Stato che ha chiuso il consolato cinese a Houston questa settimana è un caso di studio sulla controproduttività della politica di Trump. Mentre non fa quasi nulla per affrontare le attività offensive del regime di Xi, dal suo giro di vite a Hong Kong ai suoi tentativi di spiare gli americani e rubare la tecnologia degli Stati Uniti.

I funzionari statunitensi descrivono il consolato di Houston come un nido di attività di spionaggio.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Questa è una buona retorica della campagna, ma la chiusura di un consolato di chiusura non raggiungerà tali obiettivi. La maggior parte dell’hacking e dello spionaggio cinesi è diretta dalla Cina, non da Houston. Molte delle altre misure prese da Trump, dall’imposizione di tariffe sul commercio tra Stati Uniti e Cina alla limitazione dei visti per studenti, hanno danneggiato l’economia degli Stati Uniti e fatto perdere  posti di lavoro senza cambiare il comportamento cinese.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

La crociata di Trump – compresi i riferimenti razzisti al “virus cinese” e “influenza kung” – sarebbe più plausibile se non rappresentasse una brusca inversione a U durante la stagione delle elezioni. Fino a marzo, Trump lodava pubblicamente il Presidente Xi come un grande leader, anche nella sua risposta al coronavirus. In privato, secondo quanto riferito, Trump ha chiesto aiuto al sovrano cinese per la sua campagna di rielezione, mentre approvava le repressioni del signor Xi a Hong Kong e nella provincia di Uiguri dello Xinjiang. Nell’accordo commerciale che ha siglato con Xi a gennaio, Trump ha rinunciato alla richiesta di riforme significative nelle pratiche commerciali della Cina nel perseguimento degli acquisti di soia pre-elettorali da agricoltori del Midwest.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Da allora il presidente ha intravisto un maggiore beneficio elettorale incolpare Pechino per la diffusione del covid-19 descrivendo inoltre l’avversario Joe Biden come un burattino cinese.

Soltanto sotto la forte pressione del Congresso, l’amministrazione ha infine imposto sanzioni ai funzionari e alle società coinvolte nelle repressioni dello Xinjiang e di Hong Kong.

Tuttavia, ciò non rappresenta in alcun modo una strategia convincente per contrastare l’ambizione del Presidente  Xi di diffondere il modello dittatoriale cinese in tutto il mondo e di forzare il silenzio dei critici in patria e all’estero.

Ciò richiederebbe un coordinamento con gli alleati degli Stati Uniti che Trump invece minaccia di guerre commerciali o il ritiro delle truppe statunitensi. Significherebbe rilanciare il partenariato trans-pacifico sul commercio. E richiederebbe di lasciare canali aperti per la diplomazia con Pechino per affrontare questioni come il crescente arsenale nucleare della Corea del Nord e il riscaldamento globale. La chiusura dei consolati non determinerà nulla di tutto ciò.

Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Le chiusure dei consolati tit-for-tat , occhi per occhio, segnano l’ennesimo giro di crescenti tensioni tra Washington e Pechino. Chiudendo le missioni diplomatiche i due paesi sembrano muoversi inesorabilmente verso una divisione più profonda.

“Dobbiamo ammettere una dura verità che dovrebbe guidarci negli anni e nei decenni a venire, che se vogliamo avere un 21 ° secolo libero, e non il secolo cinese di cui Xi Jinping sogna” ha affermato il Segretario di Stato Mike Pompeo parlando in California nella biblioteca del presidente Richard M. Nixon, la cui visita in Cina nel 1972 ha dato il via a una nuova era di relazioni che, ha detto Pompeo, la Cina ha sfruttato a svantaggio degli Stati Uniti.

Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio
Mike Pompeo

La replica di Pechino è l’ordine di chiudere il consolato americano a Chengdu, il più occidentale dei cinque consolati americani nella Cina continentale, priva gli Stati Uniti del suo avamposto diplomatico più prezioso per la raccolta di informazioni sullo Xinjiang e sul Tibet, le due regioni a volte restanti nell’estremo ovest della Cina.

Entrambe le regioni sono state le sedi di ampie repressioni alla sicurezza che hanno suscitato critiche internazionali per gli abusi dei diritti umani. I funzionari cinesi insistono sul rispetto delle norme internazionali.

In un tweet, Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri, ha fortemente criticato le osservazioni di Pompeo. Il segretario di stato sta “lanciando una nuova crociata contro la Cina in un mondo globalizzato”, ha scritto. “Quello che sta facendo è inutile come una formica che cerca di scuotere un albero.”Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Questa settimana i funzionari dell’amministrazione hanno accusato i diplomatici cinesi di Houston di aiutare lo spionaggio economico e il tentativo di furto della ricerca scientifica in numerosi casi negli Stati Uniti. Gli agenti di intelligence di tutti i paesi operano al di fuori delle loro ambasciate e consolati, ma con le sue azioni l’amministrazione sta accusando i cinesi di andare troppo lontano, violando la legge americana mentendo sulle loro identità al fine di operare sotto copertura.

Un riassunto delle attività di contrasto contro i cinesi negli Stati Uniti, fornito dai funzionari di Washington al The New York Times, raffigurava una rete di attività segrete da parte del consolato per reclutare ricercatori e altri per raccogliere tecnologia e ricerca, anche presso diversi i migliori centri medici nella grande regione di Houston.

Il rapporto descrive inoltre una serie di indagini dell’FBI in tutto il paese, rivelando che l’ufficio aveva condotto interrogatori in 25 stati di persone che si pensava fossero membri dell’esercito cinese, l’Esercito popolare di liberazione, inviati a studiare o condurre ricerche nelle università senza rivelare la loro affiliazione.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Il documento afferma che quattro di loro sono stati accusati e tre arrestati. Uno, identificato come Tang Juan, studiò all’Università della California, a Davis, e fuggì al consolato cinese a San Francisco per sfuggire all’arresto, secondo il documento. Ciò ha creato l’ennesima crisi diplomatica da districare.

La decisione della Cina era attesa. La Cina aveva avvertito all’inizio della settimana che si sarebbe vendicata in natura. Allo stesso tempo, il governo sembra poco propenso ad un’escalation .

L’effetto immediato della chiusura dei due consolati dovrebbe essere minimo a breve termine, soprattutto perché i visti che normalmente elaborano sono diventati discutibili in un momento in cui il viaggio è stato fortemente limitato dalla pandemia di coronavirus.

Una difficoltà per la Cina nella chiusura dei consolati americani è la necessità di molte famiglie cinesi. I consolati degli Stati Uniti in Cina hanno rilasciato 1,26 milioni di visti nell’ultimo anno fiscale.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

La città di Chengdu, nella provincia del Sichuan, è anche emersa come un hub per l’espansione della Cina attraverso i vasti deserti e le steppe dell’Asia centrale, attraverso la Belt and Road Initiative avviata dal principale leader cinese, Xi Jinping. I treni merci di Chengdu trasportano l’elettronica di consumo e altre merci attraverso l’Asia e l’Europa orientale sui mercati dell’Europa occidentale per sette anni.

Chengdu è anche il consolato americano più vicino a Chongqing, una vasta metropoli e centro di produzione. Chongqing è stato periodicamente un centro di intrighi politici cinesi, in particolare nel 2012, quando il suo leader, Bo Xilai e sua moglie sono stati arrestati e successivamente condannati per una serie di reati.

Il capo della polizia a Chongqing, Wang Lijun, è fuggito al consolato americano a Chengdu e si è rifugiato lì nel 2012 quando è diventato chiaro che il signor Bo sarebbe stato arrestato. L’amministrazione Obama ha successivamente consegnato il signor Wang alle autorità cinesi dopo aver stabilito che non era ammissibile concedergli l’asilo politico.Cina regime e economia che si reggono sullo spionaggio

Facebook Comments
Condividi