HomeRisvoltiCina senza vaccino il comunismo barcolla

Cina senza vaccino il comunismo barcolla

Notte di proteste, scontri e arresti in Cina. Ingenti forze di polizia in tenuta antisommossa hanno attaccato e disperso migliaia di manifestanti a Guangzhou, Canton, un distretto con milioni di persone, epicentro della maggior parte dei casi di Covid-19 ed in quarantena dalla fine di ottobre.Cina senza vaccino il comunismo barcolla

Le manifestazioni di protesta dilagano in molte città, dalla capitale Pechino a Shanghai ad Haizhu, ma il regime regge ed anzi, secondo gli esperti di strategie geopolitiche il Presidente Xi Jinping, si rafforzerà. Il vertice del partito comunista cinese sta già soffocando il malcontento contro la rigorosa strategia di prevenzione del Covid che a tre anni dall’inizio della pandemia e i molti errori commessi, a cominciare dall’inefficacia del vaccino cinese, il Sinovac, ha scatenato la più grande ondata di disobbedienza civile dalle proteste studentesche del 1989 in piazza Tiananmen.

Pechino ha infinitamente molti più mezzi per sopprimere le proteste di quanti ne disponesse contro gli studenti, massacrati a migliaia dai carri armati a Tienanmen, o nel 1999, quando venne letteralmente eradicata la setta religiosa Falun Gong con decine di milioni di adepti in tutto l’ex celeste impero. La Repubblica popolare ha via via realizzato un panopticon digitale, in grado di incrociare e analizzare simultaneamente miliardi di dati, ed un sistema di controllo sociale superiori perfino alle fantasiose e profetiche rappresentazioni di realtà immaginarie del futuro di romanzieri del calibro di George Orwell o Aldous Huxley.Cina senza vaccino il comunismo barcolla

L’ultimo esempio riguarda le nuove restrizioni annunciate dalla Cyberspace Administration of China che trasformano in reato penale anche i like o gli emoji cliccati su un post. L’apparato di sicurezza interna della Cina, finanziato con un budget che supera persino quello militare, monitora centinaia di milioni di telecamere pubbliche abilitate all’intelligenza artificiale in tutto il paese. Eserciti di censori umani e algoritmici possono accedere alle app per smartphone su cui i cittadini cinesi fanno affidamento per comunicare, viaggiare e acquistare ogni necessità.

In uno sforzo apparente per dare risposte alla rabbia per le politiche zero-Covid che hanno scatenato le proteste, il regime ha annunciato piani per intensificare la vaccinazione degli anziani. Una mossa destinata ad allentare i controlli di massa e a preservare il sistema economico e quello sanitario in un paese in cui dopo quasi tre anni di tentativi di eliminare il virus non esiste o quasi alcuna immunità al Covid.Cina senza vaccino il comunismo barcolla

Il vero dramma della Cina riguarda infatti la sostanziale inefficacia del vaccino Sinovac. Gli studi di Fase III, condotti su operatori sanitari in Brasile, dove é attiva una variante del virus ritenuta particolarmente contagiosa e difficile da sradicare, hanno prodotto un tasso di efficacia del 50,7%, appena al di sopra della soglia del 50% fissata dall’Oms per i vaccini Covid-19. I risultati di uno studio pubblicati antecedentemente erano anche peggiori: il vaccino era stimato essere efficace solo al 49,6% contro i casi di Covid-19 sintomatici. Quando sono state incluse le infezioni asintomatiche, l’efficacia è scesa addirittura al 35,1%.

Cina senza vaccino il comunismo barcolla
Gao Fu

Il capo del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, Gao Fu, considerato anche in occidente uno dei più importanti virologi e immunologi a livello mondiale, ha ammesso in una conferenza che gli attuali vaccini “non hanno tassi di protezione molto elevati” e ha suggerito che i vaccini dovessero essere “miscelati” per migliorare l’efficacia. Qualche giorno dopo Gao ha però fatto marcia indietro spiegando che le sue parole erano state strumentalizzate e si trattava di un “totale malinteso”.

Più che la democrazia, gli ideali di libertà, la cultura e il consumismo il  paradossale problema del regime comunista cinese é che per la prima volta deve fronteggiare un nemico altrettanto subdolo e soprattutto ancora più comunista come il virus del Covid… Cina senza vaccino il comunismo barcolla

 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS