HomeRisvoltiColosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni

Colosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni

A Palazzo Chigi studiano il sirtaki. L’uno due elettorale del Premier greco Kyriakos Mitsotakis, che col quasi 41% di voti si è liberato dei condizionamenti e dei ricatti di alleati ed opposizioni e governa da solo ad Atene con una maggioranza assoluta, ha nuovamente fatto balenare la prospettiva, delineata dai sondaggi e confermata dal consenso popolare e politico di Giorgia Meloni, di imprimere un’accelerazione in direzione di una “sintesi di maggioranza e di governo”.

Colosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni
Kyriakos Mitsotakis e Giorgia Meloni

Le numerose analogie politiche fra Fratelli d’Italia e Nea Dimokratia, il partito di Mitsotakis, pur rafforzate dall’eredità politica di Silvio Berlusconi riconosciuta a Giorgia Meloni, per il momento si infrangono tuttavia sugli scogli dell’alleanza con la Lega di Matteo Salvini.

I rilevamenti demoscopici e gli indicativi risultati delle regionali in Molise  – con l’ennesima perdita di voti della Lega che dall’8,23 del 2018 è scesa al 5% del 25 giugno, mentre Forza Italia dal 4,45 ha raggiunto il 12% e Fratelli d’Italia dal 9,78 balza al 18,85%  –  evidenziano l’ulteriore impennata della spinta elettorale di Giorgia Meloni.La Premier fa il pieno di Colosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni

Un trend che sulla base del feeling fra la Premier, Papa Francesco, Ursula von der Lyen, il Premier inglese Sunak, il Primo Ministro olandese Rutte, il cancelliere tedesco Scholz, dell’apprezzamento del Presidente americano Biden e del reciproco rispetto con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e l’ex Presidente del Consiglio Mario Draghi, conferiscono all’azione di Governo un positivo e riconosciuto ruolo euro atlantico e rappresentano una notevole opportunità per un’exploit elettorale unilaterale.

Dalle nomine dei vertici delle grandi aziende e degli apparati istituzionali, caparbiamente decise dalla Premier col criterio dell’interesse nazionale, alle scelte di politica estera, la leadership di Giorgia Meloni ha assunto una dimensione e una potenzialità politica aggregativa molto superiore all’iniziale dimensione di Presidente di Fratelli d’Italia e leader del centrodestra vincitrice delle politiche del 2022.

Come nelle note crescenti del sirtaki, la possibile svolta che già si scorge sottotraccia a Palazzo Chigi prevede una duplice evoluzione, per così dire, di lotta e di governo.

Panetta & Figliuolo gColosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni
Consiglio dei Ministri del Governo Meloni

Svolta politica e partitica che, in caso di mancato adeguamento o peggio di improvvisa impennata stile Papete, potrebbe riservare uno scacco matto a Matteo Salvini.

La scomparsa di Berlusconi conferisce alla Presidente del Consiglio l’opportunità ma anche l’esigenza di ridisegnare la maggioranza di centrodestra, inserendola in un progetto più ampio di aggregazione e fondazione di un partito conservatore democratico, con o senza Salvini.

Dal Mes al ponte sullo stretto, dalla deriva putiniana all’isolamento europeo e soprattutto alla continua emorragia di voti, per l’attuale vice Premier e segretario della Lega si preannuncia un autunno caldo sul duplice fronte del governo e di via Bellerio.

Venuta meno la sponda, e l’alibi, di Berlusconi, il Ministro delle infrastrutture si trova stretto fra l’onnipresenza politica della Premier, che monopolizza il consenso del Governo, ed il timore dei vertici della Lega di essere trascinati per effetto dell’avvitamernto del segretario a percentuali ad una cifra, al limite della soglia dello sbarramento elettorale.Colosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni

L’eventuale travaso nelle file leghiste di parlamentari di Forza Italia in dissenso con i nuovi equilibri interni post berlusconiani, non apporterebbe voti ma anzi costituirebbe un aggravio per le candidature nei collegi sicuri.

Invece che un orizzonte in vista delle prossime politiche, le europee dell’anno prossimo potrebbero trasformarsi in un banco di prova. Più ampio dell’attuale centrodestra il perimetro dell’ipotetico neo partito conservatore targato Meloni potrebbe comprendere, oltre a Forza Italia e ad eventuali esponenti della Lega, i gruppi di Noi Moderati di Lupi, Toti e Brugnaro ed esponenti indipendenti dei gruppi misti di Camera e Senato.

Non è escluso che nei prossimi mesi, l’esito del confronto interno della Lega e le eventuali scelte di Matteo Salvini, possano determinare una verifica di governo e la formazione di un nuovo esecutivo presieduto da Giorgia Meloni con una maggioranza di centrodestra probabilmente allargata ad Azione . Sull’onda degli equilibri internazionali, la situazione politica itliana è in rapida evoluzione.

Se Atene prende il volo, Roma non sta ferma. Sulle sponde del Tevere questa volta sono decisi a sfatare la cattiva fama dei leader e dei governi che arrivano dalla direzione giusta e vanno nella direzione sbagliata. Colosseo con vista Partenone, insomma.Colosseo con vista Partenone il sirtaki di Giorgia Meloni

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS