Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina?

650
Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina
Condividi

Pubblichiano una sintesi dell’analisi delle tensioni fra Pechino e Washington che lo storico Stephen Wertheim ha delineato per il New York TimesCome fermare una nuova guerra fredda con la Cina

George Orwell ha celebrato la vittoria nella seconda guerra mondiale avvertendo che presto sarebbe iniziata una “guerra fredda“.

Una guerra fredda, scrisse nel 1945  nel suo saggio intitolato “Tu e la bomba atomica”, che era una “pace che non ha pace”.

Le armi nucleari impediscono le invasioni dirette, ma le superpotenze avranno sempre interessi inconciliabili, ognuna alla ricerca della possibilità di colpire senza essere colpita. Nel giro di pochi anni, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica si fronteggiarono esattamente come previsto da Orwell.

Il diplomatico americano Kennan (l’Ambasciatore George Frost Kennan, considerato il padre della politica del “containment” fu una figura chiave durante gli anni ‘50. ndr)  ha forgiato il consenso dell’America nei confronti della Guerra Fredda, sottolineando che era essenziale contenere il potere sovietico fino alla sua caduta.Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina

L’Unione Sovietica è crollata, alla fine. Orwell, tuttavia, aveva previsto che una guerra fredda potesse coinvolgere una terza parte: “Asia orientale, dominata dalla Cina“. Fino a poco tempo fa, sembrava in errore. Dagli anni ’70, gli Stati Uniti e una Cina in crescita hanno perseguito l’intreccio economico e in certa misura una collaborazione diplomatica.

Dal passato al presente. Ora il Presidente Trump sta intensificando una guerra commerciale con la Cina, in quanto politici, politici e esperti di entrambe le parti lo spingono a non fermarsi qui.

La senatrice Elizabeth Warren rifiuta la politica della Cina “faccia felice” e il senatore Marco Rubio denuncia via twitter i “piani globali della Cina per ottenere il dominio del mondo”.

Washington si sta preparando per una competizione a tutto campo con la seconda potenza mondiale, tanto da far prefigurare l’avvio di una guerra fredda sino-americana.

Se è così, Trump potrebbe rivelarsi il prossimo Harry Truman, che ha definito i termini della prima guerra fredda alla fine degli anni ’40 promettendo di “sostenere i popoli liberi” e creare istituzioni per integrarli.

Ma Trump è più severo: promette vendetta a coloro che “tentano di violentare l’America” e lo dimostra applicando dazi e sanzioni. Il fatto che stia mobilitando il paese è di cattivo auspicio per il conflitto in arrivo. Anche se rispetto ad un nuovo minaccioso confronto nucleare, alle guerre per procura e alla repressione interna della guerra fredda originale, gli americani responsabili preferirebbero un futuro diverso.

Se è così ora è il momento di dirlo.Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina

Alla fine dell’amministrazione Obama, Washington temeva che la Cina si stesse allontanando dal sentiero di liberalizzazione e cooperazione. Hanno condannato l’accumulo militare legalmente discutibile della Cina nei mari vicini. Hanno criticato le pratiche economiche della Cina, che hanno limitato l’accesso al mercato per le imprese americane e le hanno costrette a divulgare il know-how. E si sono lamentati per l’inasprimento autoritario del Paese sotto la Presidenza di Xi Jinping.

A dire il vero, queste preoccupazioni – alle quali vanno aggiunte anche la documentazione sulle violazioni dei diritti umani in Cina, in particolare il trattamento degli Uiguri – sono legittime, così come le obiezioni americane all’espansione e all’oppressione sovietica negli anni ’40.

Tuttavia, come il Presidente Franklin Roosevelt aveva fatto verso i sovietici, il presidente Barack Obama cercò di sfidare la condotta cinese più della potenza cinese, e sottolineò i benefici della cooperazione.

Solo da quando Trump è entrato in carica, e specialmente nell’ultimo anno, un panico simile a quello della guerra fredda ha colto Washington, moltiplicando le denunce delle violazioni cinesi e trasformandole in una un’opposizione totale della Cina.

Mentre il Presidente fissa le tariffe , la sua amministrazione sta disegnando una ” cortina di ferro economica”  in tutto il mondo, come ha detto l’ex segretario al Tesoro Hank Paulson.Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina

L’America sta paralizzando il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, sia per prevenire lo spionaggio, che per negare la leadership cinese nei settori dell’alta tecnologia . Ogni problema – sicurezza, economia, tecnologia, diritti umani – si sta fondendo insieme.

Se scoppia una guerra fredda, perché adesso? Sebbene gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica avessero sistemi politici ed economici diversi, il loro antagonismo era incentrato su una specifica controversia: il futuro della Germania del dopoguerra.

Nessun singolo punto critico spiazza America e Cina oggi. Né le differenze ideologiche sono acute. La Cina non cerca più il trionfo universale del comunismo e gli Stati Uniti si stanno allontanando dall’esportazione della democrazia. Forse questo dovrebbe rassicurarci sul fatto che le tensioni non trascenderanno in aperto conflitto. O forse la misura in cui hanno già indica che una logica più oscura è al lavoro.

La svolta anti-Cina dello scorso anno è stata innescata più dalle ansie americane che dalle azioni cinesi. Questi ultimi, in generale, non sono nuovi. Quello che è nuovo è il presidente Trump, che ha introdotto una particolare animosità nei confronti della Cina e ha provocato la classe politica americana a cercare un nuovo obiettivo per la leadership globale americana.

Da xenofobo Trump, attribuisce da decenni la colpa dei problemi dell’America alle potenze non occidentali, prima al Giappone negli anni ’80 e poi alla Cina.

La sua amministrazione riflette questa visione del mondo. La signora Kiron Skinner, direttrice della pianificazione politica del Dipartimento di Stato, ha definito quella cinese  “una civiltà davvero diversa “.

Il suo punto di vista è comunque significativo: se l’originale guerra fredda fece lottare la democrazia capitalista liberale contro il comunismo di stato, una nuova versione della guerra fredda potrebbe consentire, mimetizzata da scontro di civiltà, di contrastare una spietata politica di potere.Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina

Non c’è da stupirsi che Steve Bannon, decano dell’ultra-destra e ex consigliere di Trump, tuoni che la Cina rappresenti  “la più grande minaccia esistenziale mai affrontata dagli Stati Uniti”.

L’attuale Amminstrazione Usa ha avuto un duplice ruolo. L’elezione di Trump ha spinto i mandarini di politica estera a temere “l’isolazionismo” e a lottare per salvare il potere americano. Dopo aver unito le forze per difendere l’ordine mondiale liberale , sono arrivati ​​a una soluzione più sicura: contenere la Cina.

Pechino rappresenta un obiettivo ideale: un avversario importante che giustifica le risposte a livello mondiale, ma non rappresenta una minaccia immediata di guerra.

A Capitol Hill, diventare duri contro la Cina è tra le poche cause che uniscono democratici e repubblicani. I nazionalisti economici immaginano che il lavoro ritorni in America, i liberi commercianti pensano che la pressione aprirà la Cina, e tutti avranno una solida difesa in difesa.

Il clima di oggi ricorda al senatore Chris Coons “degli anni ’50, quando non c’era nessun aspetto negativo, politicamente, dell’antisovietismo”.

Ciò non vuol dire che i falchi della Cina siano insinceri o irrazionali. Hanno ragione che l’ascesa della Cina minaccia intrinsecamente gli interessi americani, finché l’America definisce i suoi interessi come il mantenimento del dominio globale ovunque e per sempre.

Per i sostenitori dell’ “ordine liberale guidato dagli Stati Uniti”, ciò che conta davvero è la leadership americana, anche se fornita da Mr. Trump.

Al momento, il confronto con la Cina potrebbe sembrare offrire qualcosa per tutti, proprio come inizialmente promesso la crociata antisovietica. Alla fine degli anni ’40, le imprese videro un’opportunità per espandere il commercio e proteggere il capitalismo. Sembrava un buon affare, almeno fino a quando la crescita non si è arrestata e la Guerra Fredda si è rivelata voler dire morire in Vietnam.

I costi erano immensi allora e ora potrebbero essere più pesanti. Non è una coincidenza che un Presidente che nega i cambiamenti climatici sta guidando l’accusa contro la Cina, il principale emettitore di gas serra.

Arrestare il cambiamento climatico richiede che l’America e la Cina cooperino e incanalino la loro competizione per salvare il pianeta piuttosto che impossessarsi delle sue risorse. Il popolo americano può vivere con una Cina autoritaria. Non possono vivere su una Terra inabitabile.Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina

Né il popolo americano dovrebbe temere un attacco militare cinese. Anche in Asia orientale, le forze cinesi non stanno per sostituire quelle americane. Gli Stati Uniti hanno il tempo di valutare le ambizioni della Cina e incoraggiare i propri vicini a difendersi. L’ostilità incessante potrebbe rivelarsi auto-avverante, inducendo la Cina a cercare di estromettere gli Stati Uniti. Anche se alcuni pensano che la Cina offra una ragione per lasciare il Medio Oriente, dovrebbero pensare al futuro: una nuova guerra fredda potrebbe far precipitare gli Stati Uniti in raccapriccianti guerre per procura in tutto il mondo e rischiare una guerra ancora più mortale tra le grandi potenze.

I falchi liberali diranno che la sopravvivenza della libertà è in gioco. Dimostratisi impotenti a fermare l’ascesa di Trump, sperano ora in escalation antincinese per  controllare la situazione.

È più probabile invece che una guerra fredda spinga piuttosto che diminuire le forze di illiberalismo. Demagoghi come Trump troveranno facile scambiare lo “spavento rosso” per il “pericolo giallo” e accumulare potere per mantenere la nazione al sicuro.

Nel 1946, Henry Wallace, segretario al commercio del presidente Truman, avvertì che l’America avrebbe dovuto smettere di riarmarsi e acquisire basi in tutto il mondo. Queste azioni renderebbero insicuri i sovietici, assicurando il conflitto che intendevano prevenire. “Alle altre nazioni”, ha suggerito, “la nostra politica estera consiste non solo dei principi che sosteniamo, ma delle azioni che intraprendiamo”.

Truman chiese a Wallace di dimettersi e le superpotenze lanciarono la prima guerra fredda. Eviteremo la seconda?

Come fermare una nuova guerra fredda con la Cina

Facebook Comments
Condividi