Canada beffa per Vettel vince ma viene retrocesso

0
235
Canada beffa per Vettel vince ma viene retrocesso
Condividi

 

Canada beffa per Vettel vince ma viene retrocesso

by Vincenzo Bajardi

E’ successo di tutto nel GP del Canada, dai contrattempi avuti dalla Mercedes sino a pochi minuti dal via con lo spurgo del sistema frenante, alla penalizzazione di 5″ inflitta dai Commissari a Vettel.

Tutto accadeva al 48° giro: il tedesco che stava filando come un missile, sotto la pressione di Hamilton ha sbagliato in curva 4 per poi rientrare in pista in modo deciso e per i commissari non c’è stato nessun dubbio.

Il tedesco aveva commesso un errore finendo con le ruote sull’erba. Quando rientrava in pista allargava la traiettoria e costringeva Hamilton ad alzare il piede dall’acceleratore. E per Vettel arrivava il cartellino rosso in termini di secondi: Sebastian tagliava per primo il traguardo, ma il vantaggio su Hamilton è stato inferiore ad un secondo.

Non mancheranno le polemiche. Via radio Vettel ha urlato che non aveva alternative e non ha ostacolato volutamente l’avversario.Canada beffa per Vettel vince ma viene retrocesso

Così Lewis ha firmato la quinta vittoria nella stagione e la Mercedes conquista la settima vittoria consecutiva davanti alle due Ferrari, a Bottas e a Verstappen.

Il Cavallino piazzava LeClerc al terzo posto, ma a questo punto deve rinviare l’appuntamento con il primo successo in un campionato che ormai appare già largamente definito.

E così a vincere a tavolino è stata la Mercedes di Hamilton quanto mai fortunato. Una beffa per Vettel che all’arrivo è corso via furibondo evitando le interviste del post gara.

Tante polemiche e tanta rabbia proprio nel giorno in cui tutto era filato per il meglio.

Dopo la penalizzazione della Ferrari N5, l’inglese precedeva Vettel (+ 3.972), LeClerc (+ 4.696) e via via Bottas (+ 51.043), Verstappen (+ 57.655), Ricciardo, Hulkenberg, Gasly, Stroll, Kvyat, Sainz, Perez, Giovinazzi, Grosjean tutti ad un giro, Russel e Magnussen a 2 giri, Kubica a 3 giri.

Hamilton,  al 78 successo della carriera è così salito sul podio più alto grazie alla sanzione che ha privato Vettel della vittoria.

Vettel avviatosi dalla pole position aveva condotto la gara dal primo all’ultimo metro, ma il vantaggio su Hamilton è stato inferiore ad un secondo.Canada beffa per Vettel vince ma viene retrocesso

Teneva la posizione Vettel davanti ad Hamilton e LeClerc e dopo sei giri Sebastian iniziava a firmare giri veloci. Al 25° giro, in vista della sosta ai box, dal muretto Ferrari invitavano Vettel a spingere ancora di più e due giri dopo si registrava il cambio gomme con Hamilton che passava leader.

Ma anche gli altri piloti sostavano ai box per sostituire gli pneumatici. Al 38° giro si assisteva al forcing di Hamilton che girava con un passo superiore a quello della Ferrari ma un bloccaggio costringeva l’inglese a rimandare i propositi di prendere il comando delle operazioni. Poi il finale dai muretti Ferrari e Mercedes era tutto incentrato sui 5″ di penalizzazione con calcoli e sottrazioni….

Sabato si era frantumato un incantesimo e Vettel con la Ferrari aveva firmato una super pole in 1’10″240 a 223,513 kmh

Purtroppo un’altra occasione sciupata e il GP del Canada è finito in modo amaro.

Nella Classifica Piloti, Hamilton ha ulteriormente incrementato il suo vantaggio (162 punti) su Bottas (133), Vettel (100), Verstappen (88), LeClerc (72), Gasly (36).

In quella Costruttori Mercedes guida con 287 su Ferrari (179), Red Bull (124), McLaren (30), Renault (28).Canada beffa per Vettel vince ma viene retrocesso

Facebook Comments
Condividi