Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

0
781
Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici
Condividi

Pubblichiamo una sintesi dell’articolo del Washington Post  “Inside the secret U.S. stockpile meant to save us all in a bioterror attack”  by Lena H. Sun sui depositi segreti di farmaci degli Stati Uniti per la salvaguardia dagli attacchi nucleari o di bioterrorismoDepositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristiciDepositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

Dall’esterno sembra un normale magazzino commerciale, solo molto più grande, delle dimensioni di due super Walmarts. All’interno è buio, tranne quando vengono attivati ​​i sensori di movimento. Quando le luci si accendono, centinaia di migliaia di scatole di medicine avvolte in termoretraibili escono dall’oscurità, ammassate su scaffali alti quasi cinque piani.

Questo è un tipo piuttosto diverso di magazzino, in un luogo segreto nei pressi di Washington. Ve ne sono molti altri in tutto il paese e custodiscono parte dei 7 miliardi di dollari di scorte farmaceutiche e sanitarie strategiche. Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

E’ un deposito governativo di farmaci e forniture sanitarie pronte per il dispiegamento immediato in caso di attacchi nucleari o di  bioterrorismo, o ancora di  epidemie di malattie infettive, di attacchi di agenti patogeni o di qualche minaccia sconosciuta con potenziale pandemico, che i funzionari della sanità mondiale chiamano “Disease X” ( cioè l’ultima, misteriosa e terrificante  malattia che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha introdotto nella classifica dei patogeni più temibili che potrebbero causare un’epidemia globale). Ci sono antibiotici, tra cui il potente farmaco Ciprofloxacina, i vaccini contro il vaiolo e l’antrace e gli antivirali per una pandemia di influenza mortale.

Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

La necessità della biodifesa è diventata più chiara a seguito delle epidemie di Ebola nell’Africa occidentale, di Zika nelle Americhe, dei devastanti incendi e uragani, e degli avvelenamenti del fratellastro del leader nordcoreano in Malesia e delle ex spie russe in Inghilterra con gas nervini  e elementi radioattivi.

L’anno scorso, il Governo federale ha aggiunto tre nuove sostanze chimiche alla lunga lista di minacce ad alta priorità, tra cui cloro e agenti blister, come il gas mostarda, che sono stati utilizzati in attacchi letali di armi chimiche in Siria. Nei giorni scorsi inoltre i funzionari hanno annunciato piani per aggiungere più antitossine per l’antrace.

Per quasi due decenni, il deposito è stato gestito quasi esclusivamente dai Centers for Disease Control and Prevention ( i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie sono un importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti).  Ora è prevista una modifica, nell’ambito di un piano amministrativo del Presidente Donald Trump,  riguardante la supervisione del programma. Un’adeguamento che nelle intenzioni dell’Amministrazione Trump snellirà il processo decisionale e creerà “efficienze”.

Ma alcuni funzionari della sanità pubblica e membri del Congresso sia Repubblicani che del Partito Democratico temono che la mossa possa interrompere un complesso processo che si basa su relazioni di lunga data tra il programma federale, i singoli Stati e gli enti locali responsabili della distribuzione dei farmaci.

Durante un’audizione del Congresso, i legislatori hanno espresso preoccupazione per il fatto che un cambiamento potrebbe rischiare la capacità consegnare rapidamente forniture mediche salvavita nell’ambito di quelloche i funzionari della sanità pubblica chiamano “l’ultimo miglio”,  alle persone bisognose durante un eventuale disastro.

Le scorte dovrebbero contenere “le cose essenziali in caso di disastri, come guanti, siringhe, Ciprofloxacina, penicillina, antibiotici e vaccini contro l’influenza e contro l’antrace”, ha detto Georges Benjamin, direttore esecutivo della American Public Health Association, che era segretario sanitario del Maryland durante gli attacchi terroristici e con l’antrace del 2001.Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

I funzionari non divulgano il numero dei magazzini di scorte esistenti. Ma ce ne sono almeno sei, secondo un rapporto indipendente del 2016. Tutte le località sono segrete. All’interno dei magazzini delle scorta strategiche nazionali sono custodite forniture mediche pronte per la spedizione in caso di un incidente di salute pubblica su larga scala. Queste forniture possono essere inviate entro 12 ore dalla decisione federale di dispiegamento.

Nelle prime ore di una crisi, il magazzino può inviare a una città o regione un “pacchetto di 12 ore di spinta”, una cache preconfigurata di 130 contenitori di antibiotici, siringhe e tubi di ossigeno, sufficiente a un rapido trasporto aereo. “Circa 50 tonnellate di materiale”, ha detto Shirley Mabry, responsabile della logistica principale delle scorte.Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

Nella sezione del magazzino in cui i farmaci biologici come l’antitossina da botulismo sono conservati a meno 4 gradi Fahrenheit gli addetti indossano tute isolanti e possono restare solo 20 minuti all’interno dei due enormi congelatori, giusto il tempo di guidare un carrello elevatore e posizionare o recuperare un carico di medicinali.

A livello nazionale, il deposito contiene sufficienti contromisure mediche per sommare oltre 133.995 carichi di farmaci, già predisposti in pallet.  Contengono abbastanza vaccino per proteggere ogni persona in America dal vaiolo.Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

Il programma delle scorte è stato creato nel 1999 sotto la presidenza di Bill Clinton per rispondere agli eventi terroristici, tra cui il primo attentato al World Trade Center, l’attacco del gas sarin alla metropolitana di Tokyo e l’attentato di Oklahoma City. L’obiettivo originale era quello di essere pronti per minacce chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari. Il repository comprende quasi 2000 cache di antidoti di agente nervino, noti come Chempacks, che vengono archiviati e mantenuti separati dai magazzini in più di 1.300 località in tutto il paese in cui è possibile accedervi rapidamente. L’inventario supera le 1.000 categorie di farmaci e altri articoli

Nel corso del tempo, la missione dello stock si è espansa per includere disastri naturali e minacce emergenti di malattie infettive. Le scorte hanno distribuito medicine antivirali durante la pandemia di influenza suina del 2009-2010, e vaccini, lettini portatili e altre forniture durante gli uragani che hanno devastato Houston e Puerto Rico l’anno scorso. Come unica fonte di antitossina da botulismo negli Stati Uniti, invia anche medicinali per circa 100 casi all’anno di grave intossicazione alimentare.Depositi segreti di farmaci negli USA per fronteggiare attacchi nucleari e bioterroristici

 

Facebook Comments
Condividi