Draghi ieri oggi e domani proiettato già all’autunno

0
700
Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno
Condividi

Draghi ieri, oggi e domani. Titoli, editoriali e retroscena distillano miele di Premier e contemplano il vuoto politico attorno all’azione di Governo.

A Palazzo Chigi pur nel silenzio per i ripetuti successi e l’incisività di Mario Draghi, un silenzio che è diventato cifra distintiva di serietà e credibilità, non sfugge la differenza fra lodi e critiche costruttive e gli attacchi malevoli. Ma l’orizzonte resta sempre quello di programmare silenziosamente le soluzioni e le decisioni di domani.Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno

Incardinate come essenziali scadenze la riforma della giustizia e le nomine dei vertici Rai, due svolte che continuano a scuotere in direzioni opposte i partiti, il Governo è già proiettato a scongiurare per l’autunno i rischi della sovrapposizione fra gli eventuali contraccolpi economici e occupazionali e quelli ancora più insidiosi di una recrudescenza della pandemia. Un panorama autunnale sul quale, dopo il ritiro di Usa e Nato dall’Afghanistan, gravano anche le ombre cinesi della crescente egemonia strategica ed economica di Pechino su tutta l’Asia.

Nel mare sempre agitato della politica nazionale che lambisce Palazzo Chigi, appare intanto sempre più in difficoltà, senza vele e senza rotta, il vascello dei 5 Stelle, un tempo nave ammiraglia della flotta dei partiti.

Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno
La Ministra della Giustizia Marta Cartabia e il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Per il concomitante corto circuito del Movimento, l’uno-due di Draghi e Cartabia sulla giustizia, ha aperto diverse falle sotto la linea di galleggiamento e la nave grillina sembra sul punto di naufragare.

Un naufragio difficile da scampare perché a bordo è in corso da settimane uno duello fra l’armatore garante Beppe Grillo e il comandante in pectore Giuseppe Conte, che avrebbe tentato di ammutinarsi con parte dell’equipaggio.

Ma anche se l’approvazione all’unanimità con i voti dei Ministri 5 Stelle della riforma della giustizia ha rappresentato una secca sconfitta per gli ammutinati, Conte ha spostato la sfida tutta interna con Grillo sulla tolda parlamentare del transatlantico di Montecitorio e di Palazzo Madama.

Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno
l’ex Premier Giuseppe Conte e Beppe Grillo

In pratica, a meno di un improbabile compromesso in extremis, l’ultimo atto della scissione ufficiale dei 5 Stelle avverrebbe in diretta, a rete unificate, durante il voto del Parlamento sulla riforma Cartabia.

Una scissione che il compatto schieramento a favore del Governo dei ministri grillini, lascia prevedere in tono minore rispetto alle premesse di appena un mese addietro, quando Conte si è lanciato in un pubblico j’accuse contro Grillo, per la mancata approvazione dello Statuto, lasciando intravedere il controllo quasi totale del Movimento. “La sottigliezza non abbandona mai, specialmente quando si ha torto” sosteneva non a caso Goethe.

Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno
Roberto Fico Luigi Di Maio

Il recupero di Grillo e le scelte di campo del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, del Presidente della Camera Roberto Fico e dei Ministri Patuanelli, D’Incà e Dadone hanno capovolto la situazione che ora vedrebbe ai margini Conte. Diametralmente opposte invece le critiche mosse a Draghi dalla Lega e da parte di Forza Italia per la designazione di Carlo Fuortes e di Marinella Soldi rispettivamente come Amministratore delegato e Presidente della Rai. Due nomine di livello, attese da mesi e che la contrapposizione fra le forze politiche rimandava di settimana in settimana. Le critiche contrapposte, dei 5 Stelle vicini a Conte per la giustizia e di Lega e Forza Italia per la Rai, conferiscono tuttavia al Governo un ulteriore ruolo di autonomia e indipendenza.

Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno
Marinella Soldi Carlo Fuortes

Ruolo in realtà originario e coerente, assunto da Draghi fin dalla formazione dell’esecutivo, e poi confermato di volta in volta al momento della fiducia, del varo del recovery plan, dei successi della campagna di vaccinazione, delle trattative con l’Europa e dei rilanci corrisposti al più alto livello, in particolare dal Presidente americano Joe Biden, delle alleanze con Stati Uniti e Alleanza Atlantica.Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno

“Solo coloro che hanno il coraggio di affrontare i grandi insuccessi possono ottenere grandi successi” sottolineava Robert Kennedy. Con la non trascurabile differenza che invece di grandi insuccessi Mario Draghi ha dovuto rimediare alla oggettiva catastrofe ereditata dai governi precedenti.

“Non dire di conoscere a fondo un’altra persona finché non hai diviso con lei un’eredità” afferma in proposito il filosofo e teologo svizzero Johann Kaspar Lavater…Draghi ieri oggi e domani proiettato già all'autunno

Facebook Comments
Condividi