Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca

0
1939
Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca
Condividi

Pubblichiamo una sintesi del reportage del Washington Post sui piani e le contromisure che gli apparati della Sicurezza nazionale della Casa Bianca hanno predisposto in caso di invasione russa dell’Ucraina

Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca

Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di MoscaMentre crescono i timori di una potenziale aggressione russa contro l’Ucraina, un “Tiger Team” guidato dalla Casa Bianca sta pianificando come gli Stati Uniti risponderebbero a una serie di scenari sconcertanti, da una limitata dimostrazione di forza a una invasione su vasta scala con molte vittime.

Il team della Casa Bianca ha ipotizzato due scenari, di cui uno con i funzionari del gabinetto, che delineano una serie di rapide risposte potenziali, a partire dal primo giorno e estendendosi attraverso le prime due settimane di una eventuale invasione russa.Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca

Lo sforzo, hanno detto alti funzionari dell’amministrazione, non solo li ha aiutati ad anticipare possibili complicazioni, ma li ha anche spinti a intraprendere azioni in anticipo, come smascherare la disinformazione russa prima che venga attuata per smussare il suo potere di propaganda.

“La nostra speranza è ancora che ci sia un percorso diplomatico per evitare tutto questo, quindi non dobbiamo mai usare la pianificazione”, ha affermato Jonathan Finer, vice consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Biden. “Ma si tratta solo di assicurarci di essere pronti per partire se e quando dovremo esserlo”.

Il “Tiger Team” – un termine che si riferisce a un gruppo eterogeneo di esperti che stanno affrontando un problema specifico e che suggerisce prontezza a balzare all’improvviso – è stato creato dopo che i funzionari del Consiglio di sicurezza nazionale lo scorso ottobre hanno rilevato segnali preoccupanti di un massiccio accumulo di truppe russe sul confine ucraino.

Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca
Jonathan Finer

I funzionari dell’NSC (il Consiglio per la Sicurezza Nazionale) ammettono prontamente che potrebbero non essere in grado di anticipare con precisione le mosse del Presidente russo Vladimir Putin e dei suoi capi militari. Ma la solida pianificazione va comunque predisposta, hanno detto.

“La realtà è che ciò che i russi potrebbero finire per fare non corrisponderà al 100% a nessuno di questi scenari”, ha detto Finer. “Ma l’obiettivo è che siano un facsimile abbastanza vicino di ciò che finiscono per fare in modo che i piani siano utili in termini di riduzione del tempo necessario per rispondere in modo efficace. Questo è davvero l’intero obiettivo”.

Il potenziale assalto russo all’Ucraina è la più grande crisi di politica estera che l’amministrazione deve affrontare dal suo disordinato ritiro dall’Afghanistan lo scorso anno, quando il rapido crollo del governo di Kabul ha colto alla sprovvista i funzionari statunitensi.

La posta in gioco è particolarmente alta ora. A seguito dello spigoloso ritiro dell’Afghanistan, l’amministrazione deve affrontare ulteriori pressioni per evitare un risultato altrettanto dannoso di un’invasione russa, che potrebbe gettare bruscamente l’Ucraina in settimane di caos e spargimenti di sangue imprevedibili.

Un certo numero di funzionari dell’amministrazione sono veterani dell’invasione russa e dell’annessione della Crimea del 2014 e della sua spinta per alimentare una rivolta separatista nell’Ucraina orientale. La squadra di Biden ha potuto trarre insegnamento da quell’esperienza e da quando ha visto Putin consolidare il suo potere da allora.

Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca
Vladimir Putin e il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky

Questa volta, “è straordinario quanto l’avvertimento Washington sia stato in grado di dare”, ha affermato Andrea Kendall-Taylor, un ex analista della CIA per la Russia che ora è senior fellow presso il Center for a New American Security. “Sono molto più preparati questa volta.”

Nel 2014, l’investimento statunitense nella raccolta di informazioni sulla Russia era diminuito dopo la fine della Guerra Fredda e così pure l’attenzione dell’America sull’antiterrorismo. Quando la Russia ha invaso la Crimea, Kendall-Taylor ha detto, “siamo stati colti alla sprovvista e impreparati”.

L’amministrazione sta ora lavorando su una doppia spinta per la diplomazia e la deterrenza, comprese le guerre dell’informazione che si svolgono in pubblico. E dietro le quinte c’è la pianificazione e la strategia privata del Tiger Team – che non sono state segnalate in precedenza – per garantire che non solo la Casa Bianca, ma tutte le agenzie che dovrebbero rispondere a uno scoppio di ostilità siano preparate e pronte a partire.

Il Tiger Team è nato ufficialmente a novembre, quando il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha chiesto ad Alex Bick, il direttore della pianificazione strategica dell’NSC, di guidare uno sforzo di pianificazione tra più agenzie.

Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca
Jake Sullivan

Bick ha coinvolto i dipartimenti della difesa, dello stato, dell’energia, del tesoro e della sicurezza interna, insieme all’agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale, per esaminare una possibile crisi umanitaria.

Anche la comunità dell’intelligence è coinvolta, eludendo le varie linee d’azione che i russi potrebbero perseguire e i rischi e i vantaggi di ciascuna, hanno detto i funzionari. Si va da un assalto limitato che cattura solo una parte dell’Ucraina a un’invasione su vasta scala che cerca di sostituire il governo del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e occupare gran parte o tutto il paese.

“Non devi sapere cosa faranno”, ha detto un funzionario dell’NSC, che ha parlato coperto dall’ anonimato per discutere il processo interno dell’amministrazione. “Scegli una serie di scenari plausibili e pianifichi contro di loro, partendo dal presupposto che qualcuno di loro possa accadere”.

La pianificazione va ben oltre gli scenari del campo di battaglia ed esamina come affrontare le problematiche dei rifugiati ucraini che potrebbero affluire in Polonia e Romania, come proteggere l’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev, esattamente che tipo di sanzioni imporre a Mosca e come reagire contro un sofisticato attacco informatico.

Il playbook della pianificazione, che sintetizza quasi tre dozzine di documenti e valutazioni di intelligence commissionate dal team a varie agenzie, è stato distribuito ai vari funzionari, inclusi i leader militari e civili del Pentagono.Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca

Vengono considerate anche le conseguenze di “secondo ordine”, come la rappresaglia russa per eventuali penalità. I funzionari hanno messo in atto misure, ad esempio, per garantire che l’Europa occidentale abbia forniture di gas naturale nel caso in cui la Russia cercasse di interrompere i flussi energetici, mentre il Dipartimento di Stato e l’USAID (L’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale) si sono coordinati con i partner sulle misure per alleviare l’impatto umanitario di un importante invasione.

“In generale, pianifichi lo scenario peggiore e poi riduci”, ha detto il funzionario dell’NSC. “Meglio farlo in questo modo piuttosto che pianificare uno scenario intermedio e farsi prendere alla sprovvista”.

Mentre il caotico ritiro dall’Afghanistan ha danneggiato i rapporti degli Stati Uniti con gli alleati occidentali, le mosse bellicose della Russia li hanno probabilmente riavvicinati, di fronte a una minaccia comune. I funzionari dell’amministrazione affermano che questa volta hanno fatto di tutto per fornire informazioni ad altri paesi.

“Abbiamo condiviso un sacco di informazioni per assicurarci che tutti fossero sulla stessa pagina su ciò che vedevamo arrivare”, ha detto Finer.

Bick e il suo team hanno anche esaminato gli eventi del cosiddetto “cigno nero” – altamente improbabili, ma di grave impatto se accadessero – che potrebbero complicare la capacità di risposta dell’amministrazione. I funzionari non condividerebbero esempi ma, in generale, tali eventi potrebbero includere un nuovo ceppo altamente trasmissibile del coronavirus o una grave crisi energetica che si verifica indipendentemente dalla situazione in Ucraina.

Hanno esaminato “due dozzine di diversi” eventi “nello spettro della probabilità e dell’impatto”, ha detto il funzionario dell’NSC. “È un’alta probabilità, un alto impatto su cui si concentra la maggior parte dell’attenzione. Ma tutto ciò che ha un impatto elevato e la probabilità è bassa richiede comunque attenzione”.

Questa pianificazione è stata avviata anche se altre agenzie portano avanti i propri preparativi. Il Dipartimento del Tesoro ha elaborato potenziali pacchetti di sanzioni e il Pentagono ha pianificato ulteriori schieramenti di truppe nello stesso momento in cui la Casa Bianca stava finalizzando il suo playbook.

Tra le principali preoccupazioni del Tiger Team c’è uno sforzo russo per promuovere la falsa narrativa secondo cui è l’Ucraina, aiutata dall’Occidente, che si sta preparando a lanciare un’offensiva nell’Ucraina orientale e che la Russia è la vittima.

Nelle ultime settimane, il governo degli Stati Uniti ha declassificato l’intelligence su tali sforzi, incluso un potenziale complotto “falsa bandiera” in cui Mosca organizzerebbe un’esplosione che uccide i russi di etnia russa in Ucraina o nella stessa Russia, per poi incolpare Kiev come possibile pretesto per un’invasioneEcco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca

I funzionari statunitensi ritengono che tale disinformazione sia una parte fondamentale della strategia russa. Un alto funzionario dell’amministrazione, che ha parlato in condizione di anonimato, per discutere la questione ha affermato di “aver informato la strategia dell’amministrazione di esporre quasi in tempo reale la pianificazione delle operazioni di informazione di Mosca, come la recente divulgazione del video false flag. ” Gli Stati Uniti hanno accusato il Cremlino di aver pianificato la creazione di un video di un attacco fabbricato.

Quando la Russia ha invaso la Crimea nel 2014, gli Stati Uniti e l’Europa non avevano pacchetti di sanzioni pronti per l’uso. Con l’eccezione delle sanzioni per i diritti umani, gli Stati Uniti non avevano mai nemmeno contemplato sanzioni contro la Russia, ha affermato Daniel Fried, che all’epoca era il coordinatore del Dipartimento di Stato per la politica delle sanzioni.

“Non avevamo le stesse risorse in Europa o la memoria muscolare per affrontare l’aggressione russa”, ha detto il funzionario dell’NSC. “Abbiamo fatto molta strada da allora.”Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca

L’amministrazione ha ora predisposto potenziali sanzioni contro le banche russe e una serie di controlli sulle esportazioni, che prevede di imporre se Mosca si trasferisse in Ucraina. In una telefonata sabato, Biden ha avvertito Putin di “costi rapidi e severi” in tale eventualità.

Già a dicembre il Tiger Team ha tenuto due esercitazioni virtuali per testare vari scenari e risposte. Il primo ha riunito vicesegretari e il secondo ha coinvolto funzionari di gabinetto. Biden è stato informato sui risultati, hanno detto i funzionari.

“Una cosa è considerare ciascuno di questi problemi – energia, sanzioni, posizione militare – in isolamento. Un’altra è metterli tutti insieme ed eseguire un piano su tutti loro”, ha detto il funzionario dell’NSC. “Quello che ho visto nel corso di questo esercizio di pianificazione è stato, anche ai livelli più alti, che le lampadine si accendono sul modo in cui i pezzi si incastrano”.

Ecco come l’Ucraina diventerà il Vietnam di Mosca
Confronto Biden Putin alla presenza dei vertici dell’intelligence e della sicurezza nazionale della Casa Bianca
Facebook Comments
Condividi