HomeRisvoltiElezioni: preoccupazioni analisi e proposte dei sindacati

Elezioni: preoccupazioni analisi e proposte dei sindacati

Sindacati ed elezioniElezioni preoccupazioni analisi e proposte dei sindacati

Moltissime promesse, pochissime proposte concrete. Il mondo del lavoro segue con apprensione la campagna elettorale. Oltre alle pensioni e allo stillicidio dei licenziamenti, allarmano gli altissimi livelli della disoccupazione giovanile, che negli ultimi 10 anni ha raggiunto tassi superiori al 45%. Dati da disastro generazionale annunciato. “ Il sindacato è pronto a fare la sua parte, anzi di più ” – afferma il Segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo“ .  Assieme a Cgil e Cisl, “ la Uil è pronta a rivendicare – anticipa Barbagallo – “ una grande riforma per un fisco più leggero e per salari e pensioni più pesanti. Questo sarà sicuramente un terreno su cui misureremo l’efficacia delle scelte del prossimo Esecutivo e, per quel che ci riguarda direttamente, la capacità di tenuta e di rilancio del rapporto unitario tra le tre Confederazioni”Elezioni preoccupazioni analisi e proposte dei sindacati carmelo barbagallo

  • Quanto incideranno effettivamente promesse e programmi delle forze politiche sul dopo voto?

“Ormai, a ridosso delle elezioni politiche, siamo abituati ad ascoltare promesse mirabolanti. Se ci spiegassero, poi, da dove pensano di attingere le risorse necessarie per realizzare alcuni di quei faraonici progetti, saremmo pronti a sostenerli. Solo a titolo di esempio, penso alla legge Fornero: c’è chi vorrebbe abolirla del tutto, ma servirebbero 80 miliardi. Se li trovassero, saremmo con loro. Più realisticamente, noi abbiamo iniziato un processo di sostanziale modifica di quel provvedimento e, nella trattativa con il Governo, abbiamo già fatto qualche passo avanti: vorremmo proseguire su questa linea di riforma di quella legge. “

  • Livelli di occupazione nei vari settori: quali “tengono” maggiormente e quali invece attraversano crisi più pesanti?

“La crisi è stata sostanzialmente trasversale, anche se alcuni settori, ad esempio l’edilizia, sono stati particolarmente colpiti. In linea generale, le aziende che lavorano per l’estero sono riuscite a mantenere livelli produttivi e occupazionali accettabili, mentre quelle che lavorano prevalentemente per il mercato interno sono state le più falcidiate. Ciò accade perché la domanda interna, a causa di salari e pensioni troppo bassi, è ancora asfittica. Questo è il primo fronte su cui bisogna agire. Inoltre, c’è la necessità di maggiori investimenti pubblici e privati in infrastrutture materiali e immateriali. Ecco, dunque, quali sono le due strade da seguire per generare lavoro stabile che, come è noto, non si crea per decreto. “

  • Incidenza della tecnologia selvaggia?

“Stiamo già subendo le conseguenze del processo di transizione verso la cosiddetta impresa 4.0. Molti lavori e relativi modelli organizzativi si stanno radicalmente trasformando e, spesso, stanno sparendo. Nella migliore delle ipotesi, si fa per dire, stiamo assistendo a una drastica riduzione dei diritti, delle tutele e dei salari. Bisogna intervenire per gestire questi processi ed evitare un depauperamento collettivo.”elezioni-preoccupazioni-analisi-e-proposte-dei-sindacati

  • Dopo le elezioni e la formazione, si spera, di un nuovo governo che prospettive economiche vi attendete?

“Noi speriamo che questi timidi segnali di ripresa si consolidino e che il nostro Paese possa davvero intraprendere la strada della crescita. Temo che non sarà facile risalire verso l’alto dagli ultimi posti della classifica europea nella quale ancora ci troviamo. Certo, qualche miglioramento c’è stato, è innegabile ed è giusto ricordarlo, ma non è ancora sufficiente: siamo lontani dall’aver superato strutturalmente le conseguenze negative della crisi. Intanto, già in queste settimane prima del voto, siamo impegnati per chiudere definitivamente e in modo positivo la partita dei contratti, a cominciare da quelli pubblici, e anche del modello contrattuale. Con il prossimo Governo, poi, vorremmo dare continuità al percorso avviato, in questi ultimi tempi, su occupazione, pensioni, giovani e Mezzogiorno.”

elezioni-preoccupazioni-analisi-e-proposte-dei-sindacati-barbagallo-furlan-camusso
Carmelo Barbagallo Annamaria Furlan Susanna Camusso
Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS