Fenomenologia delle pozzanghere a tutto sfondo

0
540
Fenomenologia delle pozzanghere a tutto sfondo
Condividi

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

Fenomenologia delle pozzanghere a tutto sfondoPozzanghere da Oscar. Le immagini trasformano gli attimi in eternità e l’attualità in storia, ma spesso sono i riflessi sull’acqua a svelarne misteri e magie. Non è un caso infatti che gli scatti realizzati attraverso gli specchi d’acqua dalle pozzanghere figurino fra le fotografie più belle e significative mai realizzate.

Metafora immaginifica di un mondo a soqquadro, la puddle photo, la foto-pozzanghera, sintetizza sovente l’aurea e il contesto di una frazione di realtà, che nel panorama complessivo l’occhio non riesce a cogliere.

Ispiratrici di maestri della fotografia, pittori e poeti, le anonime ed effimere pozze d’acqua rappresentano l’imprevedibilità esistenziale e celano un grande valore nascosto. Percepibile soltanto da coloro che sono dotati di sensibilità, “esprit de géométrie ed esprit de finesse” la definiva il filosofo Blaise Pascal, il fondatore del razionalismo. Affinano cioè la capacità di discernere la giusta angolazione per scatti, colori o versi originali e inediti, scaturiti da un cocktail imprescrutabile  e momentaneo di condizioni atmosferiche, luce e ispirazione.

Fenomenologia delle pozzanghere a tutto sfondo
(Foto Frederick II)

“Le pozzanghere sono miniere di immagini e di idee” annuisce Giuseppe Gigliorosso, fotografo di fama e regista emergente e che soprattutto all’inizio della carriera, come tele cineoperatore alla Rai, ha indugiato spesso con l’obiettivo sui riverberi delle pozze d’acqua piovana.

Fenomenologia delle pozzanghere a tutto sfondo
Pippo Gigliorosso

Istinto artistico o spirito d’osservazione, cosa spinge a filmare e fotografare le immagini riflesse dalle pozzanghere?

La scelta del punto di vista. Tutto lo spazio intorno a chi fa una ripresa o una foto è utilizzabile. L’inquadratura esiste già. Basta cercarla.

Cosa ti piace cogliere maggiormente con questo tipo di immagini riflesse?

L’immagine riflessa, come dicevo, va cercata. Indubbiamente Ha bisogno di una maggiore “riflessione”, non tutti la vedono. Cosa mi piace? Mi piace cogliere una porzione dello spazio all’interno dello stesso spazio. È anche un gioco.

Canoni tecnici particolari oltre alla classe dell’artista ?

La tecnica è sempre al servizio della creatività. I virtuosismi fini a se stessi non producono alcuna emozione. È  anche vero che una bella idea mal rappresentata non dica nulla. Bisogna trovare il giusto equilibrio. 

L’immagine riflessa offre una prospettiva migliore o soltanto inedita e talvolta illusoria della realtà?

“Entrare” in un’immagine riflessa dà la possibilità  di immaginare un mondo che va oltre i contorni della semplice pozzanghera.  Mi viene in mente il bellissimo cortometraggio nel quale un bambino vede riflesso in una pozzanghera un aereo in volo. E la volta successiva lo catturò buttando una coperta nella pozzanghera. Che fantasia ragazzi!

Fenomenologia delle pozzanghere a tutto sfondo
Photo by Marc-Olivier Jodoin on Unsplash

Facebook Comments
Condividi