Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

0
197
Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19
Condividi

PAGINE

Rubrica di critica recensioni e anticipazioni

imago — Not to be Reproduced (1937) - René Magritte.

by Augusto Cavadi

In questa imprevista quarantena forzata, ognuno di noi si è inventato un modo per non sprecare il tempo disponibile a casa.Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

Qualcuno ha letto i libri accumulati negli anni e lasciati intonsi, qualche altro ne ha scritti di nuovi. Tra questi neo-scrittori non son mancati i romanzieri che hanno tratto spunto proprio della pandemia in corso. E’ il caso di Giambattista Sciré, noto in Italia per le sue coraggiose battaglie contro la corruzione (soprattutto nel sistema universitario), che ha pubblicato Il virus della paura (Santelli, Cosenza 2020). Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

Protagonista un esperto di archivi che lavora presso lo studio legale di un avvocato di Roma e viene colpito dal covid-19, sperimentando la repentina interruzione delle sue relazioni affettive e del ritmo ordinario della sua vita.

In sinergia con Lorenzo, un giornalista d’inchiesta che “ha il fiuto per le cose e per le notizie”, Paolo si trova – quasi casualmente – a scoprire un intrigo internazionale all’origine della pandemia planetaria: il succedersi delle vicende narrate rivelerà – a lui e dunque anche al lettore – come  tale intrigo intersecasse la sua quotidianità.

Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19
Giambatista Scirè

La narrazione è fitta di riferimenti, oltre che alle battaglie contro la “mala università” che l’autore combatte effettivamente nella vita reale, alle ipotesi più disparate sull’origine del virus che sono circolate in questi mesi nei social internazionali: la creazione in laboratorio, la diffusione per errore o più probabilmente per una strategia mirata a indebolire la potenza economica cinese e/o la democrazia in Italia e nell’intera Unione europea…Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

Arrivato alla fine dell’ultima pagina, ogni lettore trarrà le sue deduzioni. Il complottista si compiacerà di vedere nobilitate a livello di letteratura quelle tesi che, sinora non verificate, mantengono comunque un’aura di plausibilità e che hanno il vantaggio non trascurabile di proiettare in oscuri poteri politico-economici la responsabilità dei mali del mondo.Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

Chi, al contrario, legge la pandemia come effetto prevedibile di una mentalità – condivisa da sistemi ideologici liberisti e comunisti – antropocentrica, predatoria, sfruttatrice degli altri animali, si rallegrerà nel vedere le teorie complottiste ricollocate nell’ambito più consono: lo spazio, onirico, della fantasia letteraria e dell’invenzione poetica.Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

Per ogni genere di lettore, comunque, la gradevole fruizione di questo racconto potrà costituire un’occasione di  riflessione retrospettiva su ciò che tutte e tutti abbiamo vissuto. Per uscirne non dico migliorati – le cronache di questi giorni ci smentirebbero – ma, almeno, non troppo peggiorati.Giallo internazionale sui retroscena del Covid-19

Facebook Comments
Condividi