HomeMotoriGp Montecarlo senza sorpassi Ricciardo domina Vettel insegue

Gp Montecarlo senza sorpassi Ricciardo domina Vettel insegue

  Mitico e impossibile circuito di Montecarlo 

 

by Vincenzo Bajardi

 

Nel Gran Premio di Montecarlo, sesto appuntamento del Mondiale, trionfa Ricciardo, sul quale secondo alcuni rumors avrebbe gli occhi addosso per la prossima stagione la Ferrari. L’italo-australiano della Red Bull è stato strepitoso. Vince la sua settima vittoria in carriera, la seconda quest’anno dopo l’acuto in Cina. Ha pure sfatato la regola che su questo circuito non vince chi ha conquistato la pole position. Ricciardo ha preceduto Vettel, che rubacchia tre punti ad Hamilton, terzo. Il ferrrista ha limitato così i danni. Grandissima performance quella di Ricciardo che ha confermato di disporre di una monoposto molto bilanciata perchè ha guidato da un capo all’altro su una pista dove sono impossibili i sorpassi. Quarto Raikkonen, quindi Bottas (Mercedes), Ocon (Force India), Gasly (Toro Rosso), Hulkenberg (Renault), Verstappen (Red Bull), Sainz (Renault), Ericsson (Alfa Romeo Sauber), Perez (Force India), Magnussen (Haas). Ritirati Alonso, Hartley e Leclerc (Alfa Romeo Sauber).

Nella classifica piloti Hamilton guida con 110 punti, Vettel segue a 96 e Ricciardo a 72. Nella classifica costruttori Mercedes a quota 178 su Ferrari 156 e Red Bull a 107. Sfilata di personaggi famosi lungo il circuito cittadino, da Totti a Bella Hadid.

Vettel a fine corsa ha detto: !sono felice per il mio risultato, c’è ancora qualcosa da migliorare ma non credo che avrei minacciato Ricciardo oggi, tanto di cappello a Daniel. Ha avuto una macchina veloce, con più carico rispetto a tutti gli altri. La mia vettura ha grande potenziale, abbiamo migliorato. Ho provato alla fine, ma è comunque un buon risultato per la squadra del Cavallino”.

Soffermiamoci sui tratti più salienti del GP affollato in ogni ordine di posti, anche sul…mare a bordo di imbarcazioni di lusso.

Ventinovesimo giro: Ricciardo, autore di un capolavoro sabato dove conquistava la pole position al giro record di 1’10″8, tempo da far venire i brividi sul difficilissimo circuito monegasco, lanciava l’allarme ai box, denunciando una perdita di potenza del motore della Red Bull.

Gli rispondevano di concentrarsi nella guida. Avevano ragione: nel 33° giro Ricciardo aveva risolto i problemi procedendo con un secondo e mezzo di vantaggio nei confronti di Vettel. Un Ricciardo super che a metà gara manteneva con disinvoltura la testa della corsa confortato dal suo ingegnere che motivava il suo pupillo pur con qualche problema meccanico sulla monoposto.

Dai box di Mercedes, Ferrari e Red Bull cercavano di capire se i loro piloti riusciranno a terminare la gara con le ultrasoft. Ricciardo al 44° giro, guidava su Vettel che deve difendersi da Hamilton, tutti e tre racchiusi in tre secondi in fila indiana. Intanto le super soft mostravano segni di degrado sia sulla vettura di Vettel che su quella di Hamilton che ha comunicato ai box di voler cambiare le gomme.

Cinque giri dopo sempre un terzetto in testa alla corsa con Ricciardo, Vettel ed Hamilton racchiusi in 3″. Pit stop per Hulkenberg (Renault) che poi si opponeva al secondo attacco di Verstappen mentre al 53° si registrava il primo ritiro, quello di Alonso per noie al motore della sua McLaren-Renault. Intanto i primi cinque piloti erano racchiusi in meno di 6″.

Al  60° Ricciardo portava il proprio vantaggio sopra il secondo impedendo a Vettel l’impiego dell’ala mobile. A 15 giri dal traguardo Vettel pensava a come effettuare un sorpasso ma su questo tracciato è una chimera.

65° giro: sette decimi separano Vettel da Ricciardo mentre hanno perso contatto Hamilton, Raikkonen e Bottas. Verstappen, non dimentichiamo che si è avviato in ultima posizione perchè nelle ultime libere era andato a sbattere alla curva della Piscina senza poter fare le qualifiche.

Al 72° Leclerc (Sauber Alfa Ferrari) tamponava Hartley (Toro Rosso) a causa di un guasto dei freni e finiva dritto in uscita dal tunnel con la virtual safety car in azione.

In avvio Ricciardo aveva mantenuto la posizione su Vettel ed Hamilton: invariate le posizioni tra i primi dieci piloti. A metà gara Ricciardo sempre leader mentre guadagnava qualcosa Raikkonen nei confronti di Bottas (Mercedes), quest’ultimo indossava un casco celebrativo della storica livrea del connazionale Mika Hakkinen che aveva vinto sul circuito di Montecarlo 20 anni addietro e che in quella stagione vinse il titolo mondiale. Al 56° Vettel si portava a meno di un secondo da Ricciardo e provava a mettere sotto pressione il battistrada. Da segnalare che grazie ad uno sponsor sono ritornate di scena le ragazze a bordo pista. Adesso il prossimo appuntamento sarà in Canada a Montreal il 10 giugno. Per la cronaca oggi si disputa anche la 500 Miglia di Indianapolis.

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS