HomeRisvoltiIl diluvio a Mosca post Ucraina ? l'anatomia dell’intelligence inglese

Il diluvio a Mosca post Ucraina ? l’anatomia dell’intelligence inglese

Dagli Stati Uniti all’Inghilterra, sui principali quotidiani si moltiplicano le analisi e le rivelazioni dell’intelligence inglese sui molti retroscena della marcia su Mosca il 24 giugno dei mercenari della Wagner, sulla stabilità del potere di Putin, le prospettive della guerra in Ucraina ed il ruolo della Cina.

Il diluvio a Mosca post ucraina ? l'anatomia dell’intelligence inglese
Richard Moore

New York Times e The Guardian  riportano varie dichiarazioni del capo dell’MI6, l’agenzia di spionaggio per l’estero del Regno Unito, Sir Richard Moore, secondo il quale Putin probabilmente é sotto pressione ed ha agito “per salvarsi la pelle”.

Difficile spiegare – ha evidenziato il Direttore dell’intelligence britannica – come “Prigozhin  possa avere ha iniziato quel giorno come un traditore a colazione, sia stato perdonato a cena, e poi, pochi giorni dopo, è stato invitato per il tè”.

Il diluvio a Mosca post ucraina ? l'anatomia dell’intelligence inglese
Le maschere di Prigozhin e di Putin

Cosi come è inspiegabile che nessuno sia stato accusato della morte dei 13 piloti degli elicotteri e degli aerei russi abbattuti dagli uomini della Wagner durante la marcia su Mosca.

Per Moore l’equilibrio di potere tra Russia e Cina si é spostato a favore di Pechino e questo ha danneggiato il prestigio di Putin in Russia. All’inizio dell’invasione dell’Ucraina la Cina è stata complice della Russia, tranne poi manifestare segni di insoddisfazione da parte di Xi Jinping.

Il capo dell’MI6 non è stato l’unico esponente establishment inglese a intervenire in merito alla  situazione a Mosca. James Cleverly, il Ministro degli Esteri britannico, parlando all’Aspen Security Forum, ha infatti sottolineato che “ non importa come Putin giustifichi gli avvenimenti: un tentativo di colpo di stato non é mai una buona idea”.

Il diluvio a Mosca post ucraina ? l'anatomia dell’intelligence inglese
James Cleverly

Per Cleverly ci sono  numerosi “indicatori che le cose non vadano bene. La Russia alla fine si é ritirata dall’Afghanistan perché la pressione interna dell’opinione pubblica é diventata insormontabile. E stiamo vedendo da varie prove che sta accadendo una cosa simile”.

Il Ministro degli esteri britannico ha affermato che la ribellione della Wagner ha dimostrato “la menzogna alla base della logica strategica di Putin ed ha smascherato la falsità delle affermazioni del Cremlino “.

Cleverly  ha rimarcato che “ciò che Prigozhin ha detto ad alta voce é ciò che tutti sapevamo: questa è stata un’invasione del tutto ingiustificata”. Il diluvio a Mosca post ucraina ? l'anatomia dell’intelligence inglese

Per il settimanale The Economist quel che succederà a Mosca nelle prossime settimane dipenderà dalle battaglie in corso in Ucraina.

Igor “Strelkov” Girkin, un ex ufficiale dell’intelligence moscovita sostiene che l’armata russa sia ad a un tiro di schioppo” dalla disintegrazione incontrollata”.

Invece di ripiegare sulle posizioni difensive stabilite dal generale Surovikin, rimosso da Putin perché ritenuto un complice di Prigozhin, i comandanti russi si sono difesi dalla controffensiva dell’Ucraina opponendo le fortificazioni preparate e subendo forti perdite.

Questo – scrive The Economist – rallenta l’avanzata, ma se gli ucraini riescono a sfondare potrebbero provocare  un effetto domino.“ È come colpire un muro di mattoni con una mazza. Se si sbriciola, potrebbe non esserci molto dietro.”

Previsioni ? nessuna. Solitamente, tuttavia, dopo i tuoni e i fulmini piove sempre.Il diluvio a Mosca post ucraina ? l'anatomia dell’intelligence inglese

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS