HomeRisvoltiIl secolo di Kissinger da Mao a Xi da Kennedy a Putin

Il secolo di Kissinger da Mao a Xi da Kennedy a Putin

Cento anni da stratega, protagonista dei più delicati retroscena della politica estera americana.

Consigliere per la sicurezza nazionale e Segretario di Stato fra il 1969  ed il 1977 durante le presidenze Nixon e Ford, Premio Nobel per la Pace nel 1973, Henry Kissinger ha dimostrato durante tutta la sua storica e tutt’ora attiva partecipazione all’elaborazione della politica estera degli Stati Uniti,  che il  potere – come sosteneva  Martin Luther King – “é la capacità di raggiungere degli scopi e di effettuare dei cambiamenti”.

Henry Kissinger un secolo da protagonista
Henry Kissinger

Eppure, nonostante i molti successi diplomatici, per le altrettanto numerose ombre che hanno disseminato la sua esperienza, come il golpe cileno, la precipitosa fuga da Saigon, l’incontro teso e a tratti minaccioso col leader italiano Aldo Moro, negli ambienti di Washington era ricorrente la battuta  “Kissinger sarebbe un ottimo Presidente, ma per fortuna non é candidabile”.

Henry Kissinger un secolo da protagonista
Aldo Moro e Kissinger

Lungo le rive del Potomac per anni si sono infatti rincorsi veleni e insinuazioni sulle molte similitudini fra l’allora professore di Harvard e il personaggio dell’eccentrico stratega nucleare del Dottor Stranamore del film di Kubrick.

Per una singolare coincidenza nella tesi di dottorato di Kissinger ad Harvard, centinaia di pagine erano focalizzate sulle posizioni dei filosofi Spengler e Toynbee riguardanti il declino della civiltà occidentale e altrettante pagine erano riservate a Immanuel Kant ed alla filosofia della ragione e dell’etica, in relazione all’equilibrio tra cosa governa il mondo e chi la libertà dell’uomo.

Certo é che, rispetto ai sofisticati ambienti politici yankee di allora, impalpabilmente classisti e razzisti, Heny Kissinger si era fatto da solo partendo come emigrato dall’Europa.

Nato in Germania, a  Fürth, il 27 maggio 1923, con la sua famiglia bavarese ebrea nel 1938 fu costretto a fuggire dalla Germania nazista ed a trovare alloggio nei bassifondi newyorkesi del Bronx. Acquisì la cittadinanza americana solo nel 1943, arruolandosi nell’esercito come traduttore, aggregato all’intelligence militare.

Laureatosi con una tesi su “ Pace, legittimità ed equilibrio: uno studio sulla politica di Castlereagh e Metternich”, venne scoperto dal magnate Nelson Rockefeller che nel 1955 gli affidò la Direzione dell’ufficio studi della già famosa Fondazione Rockefeller e lo introdusse fra i collaboratori dell’Amministrazione Eisenhower e successivamente fra i consulenti per la politica estera del Presidente Kennedy.

Il secolo di Kissinger da Mao a Xi da Kennedy a Putin
Henry Kissinger e John Fitzgerald Kennedy

Dopo l’assassinio di Kennedy collaborò con Lyndon Johnson, avvertendolo del disastro imminente del Vietnam. Una previsione talmente azzeccata che quando il repubblicano Richard Nixon fu eletto Presidente gli offrì la carica di Assistente per la Sicurezza nazionale.

E’ l’inizio della leggenda kissingeriana della realpolitik, della teoria della “guerra limitata”, del linkage, la connnessione, del negoziato permanente per mantenere un equilibrio mondiale, del controllo degli armamenti e del «non può esserci pace senza equilibrio di forze».

Henry Kissinger un secolo da protagonista
L’incontro a Pechino fra Mao Nixon Zhou Enlai e Kissinger

La pietra miliare resta la visita del 1972 a Pechino al cospetto del mitico Mao Tse-tung e dell’intera nomenclatura  cinese, da Zhou Enlai a Deng Xiaoping.

Un blitz epocale col quale Kissinger e Nixon spaccarono l’unità internazionale comunista, isolando la Russia sovietica di Leonid Brežnev, già avviata sul viale del tramonto e all’epilogo di Michail Gorbačëv.

L’apertura alla Cina rilanciò l’economia americana e facilitò, non senza un alto prezzo strategico, la fine dell’emorragia statunitense in Vietnam, ma paradossalmente a causa dello scandalo del Watergate e delle dimissioni di Nixon, il vertice con Mao segna al tempo stesso il maggior successo ed insieme il tramonto del Segretario di Stato prodige Henry Kissinger. Che viene emarginato non soltanto dall’amministrazione democratica di Carter, ma soprattutto da quelle di Reagan e George Bush, esponenti dell’ala conservatrice ed anti realista del partito repubblicano.

Henry Kissinger un secolo da protagonista
Ronald Reagan e Kissinger

Sempre iperattivo Kissinger rimane tuttavia nei decenni successivi, e lo é tutt’ora, un lucido protagonista sullo scenario americano globale, quint’ essenza di gruppi politici come la Trilateral, Bildeberg e del Center for Strategic and International Studies della Georgetown University, la cui teoria principale é l’equilibrio anche imposto con l’economia. Un protagonista diretto o indiretto nelle vesti di consulente, conferenziere, commentatore televisivo e scrittore, tanto da fondare una propria società di consulenza, la Kissinger Associates.

Molte e di grande rilevanza le impronte storiche che il più longevo stratega internazionale ha lasciato e continua a lasciare nell’ambito della geopolitica globale.

Le sue più recenti tesi riguardano l’esigenza di una svolta negoziale fra Stati Uniti e Cina e la capacità di Pechino di “convincere” Putin, o chi per lui a Mosca, a porre fine all’invasione dell’Ucraina. Diventata insieme il Vietnam e il nuovo Afghanistan della Russia.

“Ma davvero ha cent’anni” ? si esclama sentendolo commentare con grande perspicacia e padronanza la situazione internazionale. E dietro lo sguardo sempre vivido di Henry Kissinger si può probabilmente scorgere uno dei suoi ricorrenti retropensieri: lasciare un buon ricordo di sé é come sottrarre la propria vita al dominio del tempo.

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3470 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3470 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS