Intelligence Usa: grossi guai all’orizzonte per Trump

647
Intelligence Usa grossi guai all’orizzonte per Trump
Condividi

Washington Post e la Cnn riportano in evidenza che un funzionario dell’intelligence americana ha presentato una segnalazione formale per denunciare una «promessa» che il Presidente Donald Trump avrebbe fatto ad un «leader straniero».Intelligence Usa grossi guai all’orizzonte per Trump

La vicenda è avvolta ancora nel mistero e non trapelano molti altri dettagli se non che la denuncia è stata presentata lo scorso 12 agosto. Nelle cinque settimane precedenti, segnala il Post, Trump aveva parlato o interagito con cinque leader stranieri: il russo Vladimir Putin, il nordcoreano Kim Jong Un, il premier del Pakistan, quello dei Paesi Bassi e l’emiro del Qatar. Non è chiaro se la comunicazione che ha ispirato la denuncia sia avvenuta con uno di loro. La segnalazione presentata dal funzionario, scrive la stampa Usa, ha portato ad una contrapposizione tra il Congresso e il direttore dell’intelligence nazionale Joseph Maguire, che ha rifiutato di inoltrare la denuncia al Comitato di intelligence della Camera. Maguire ha accettato di testimoniare la prossima settimana in una sessione davanti al comitato, dopo essersi rifiutato di consegnare la denuncia del ‘whistleblower’, che era stata ritenuta «credibile e urgente» dall’ispettore generale dell’intelligence. Ecco la sintesi dell’articolo del Washingrton PostIntelligence Usa grossi guai all’orizzonte per Trump

La denuncia che ha scatenato una dura resa dei conti tra la comunità dell’intelligence americana e il Congresso riguarda le comunicazioni del presidente Trump con un leader straniero, secondo due ex funzionari statunitensi che hanno familiarità con la questione.

L’interazione di Trump con il leader straniero includeva una “promessa” che era considerata così preoccupante da indurre un funzionario della comunità dei servizi segreti degli Stati Uniti a presentare un reclamo formale all’ispettore generale per la comunità dei servizi segreti, hanno detto gli ex funzionari, parlando del condizione di anonimato perché non erano autorizzati a discutere pubblicamente la questione.

Non è stato immediatamente chiaro con chi il leader straniero Trump stesse parlando o cosa si impegnasse a consegnare, ma il suo coinvolgimento diretto nella questione non è stato rivelato. Un ex funzionario ha detto che la comunicazione era una telefonata.

La vicenda solleva nuove domande sulla gestione delle informazioni sensibili da parte del Presidente e può ulteriormente rendere critici i suoi rapporti con le agenzie di intelligence statunitensi.Intelligence Usa grossi guai all’orizzonte per Trump

La Casa Bianca ha rifiutato di commentare. L’ufficio del Direttore dell’intelligence nazionale e un avvocato che rappresenta l’autore della denuncia hanno rifiutato di commentare.

L’ispettore generale della comunità dell’intelligence Michael Atkinson ha stabilito che la denuncia era abbastanza credibile e preoccupante da essere considerata una questione di “urgente preoccupazione”, una soglia legale che richiede la notifica dei comitati di sorveglianza del Congresso.

Ma il direttore ad interim dell’intelligence nazionale Joseph Maguire si è rifiutato di condividere i dettagli sulla presunta trasgressione di Trump con il Congresso, sollevando una disputa legale e politica che è diventata pubblica e determina polemiche sul fatto che il capo dello spionaggio starebbe proteggendo in modo improprio il Presidente.

Si prevede che la disputa si intensificherà  quando Atkinsonsi presenterà davanti al Comitato di intelligence della Camera in una sessione riservata chiusa al pubblico. L’audizione è l’ultima mossa del presidente della commissione Adam B. Schiff. Per costringere i funzionari dell’intelligence degli Stati Uniti a rivelare al Congresso i dettagli completi della denuncia. Maguire ha accettato di testimoniare davanti al panel la prossima settimana.

L’ispettore generale “ha stabilito che questa denuncia è credibile e urgente”, ha affermato Schiff  ed ha aggiunto che ” il comitato attribuisce la massima importanza alla protezione degli informatori e delle loro denunce al Congresso”.

Il reclamo è stato presentato all’ufficio di Atkinson il 12 agosto, data in cui Trump si trovava nel suo campo da golf nel New Jersey. I registri della Casa Bianca indicano che Trump aveva avuto conversazioni o interazioni con almeno cinque leader stranieri nelle precedenti cinque settimane.Intelligence Usa grossi guai all’orizzonte per Trump

Tra questi c’era una telefonata con il presidente russo Vladimir Putin che la Casa Bianca ha avviato il 31 luglio. Trump ha anche ricevuto almeno due lettere dal leader nordcoreano Kim Jong Un durante l’estate, descrivendole come messaggi “belli”. A giugno, Trump ha dichiarato pubblicamente di essere contrario a certe operazioni di spionaggio della CIA contro la Corea del Nord. Riferendosi a un rapporto del Wall Street Journal che l’agenzia aveva reclutato il fratellastro di Kim, Trump ha commentato: “Gli avrei detto che non sarebbe successo sotto i miei auspici”.

Il presidente Trump ha difeso il suo rapporto l’11 giugno con Kim Jong Un, dicendo che il leader nordcoreano ha “mantenuto la parola”. (F

Trump ha incontrato altri leader stranieri alla Casa Bianca a luglio, tra cui il primo ministro del Pakistan, il primo ministro dei Paesi Bassi e l’emiro del Qatar.

La gestione di informazioni classificate da parte di Trump è stata fonte di preoccupazione per i funzionari dell’intelligence statunitense sin dall’inizio della sua presidenza. Nel maggio 2017, Trump ha rivelato informazioni classificate sulle operazioni di spionaggio in Siria agli alti funzionari russi nell’Ufficio Ovale, rivelazioni che hanno spinto uno scontro tra i funzionari della Casa Bianca a contenere il danno potenziale.

Dichiarazioni e lettere scambiate tra gli uffici del Direttore Nazionale dell’Intelligence e il Comitato di intelligence nei giorni scorsi hanno indicato la Casa Bianca senza coinvolgere direttamente il presidente.

Schiff ha detto che gli è stato detto che la denuncia riguardava “la condotta da parte di una persona al di fuori della comunità dell’intelligence”. Jason Klitenic, il consigliere generale del DNI, ha osservato in una lettera inviata martedì ai leader del Congresso che l’attività alla base della denuncia “comporta comunicazioni riservate e potenzialmente privilegiate. ”

La disputa ha messo Maguire, inserito nel lavoro DNI in veste di agente con le dimissioni di Daniel Coats il mese scorso, al centro di un conflitto politicamente pericoloso con implicazioni costituzionali.

Schiff ha richiesto la piena divulgazione della denuncia degli informatori. Maguire ha difeso il suo rifiuto affermando che l’oggetto della denuncia è al di fuori della sua giurisdizione.

I difensori di Maguire hanno contestato che stia sovvertendo i requisiti legali per proteggere Trump, dicendo che è intrappolato in una situazione legale legittima e che ha espresso il suo dispiacere ai funzionari del Dipartimento di Giustizia e della Casa Bianca.

Dopo aver presentato la denuncia il 12 agosto, Atkinson lo ha presentato a Maguire due settimane dopo. Per legge, Maguire è tenuto a trasmettere tali denunce al Congresso entro sette giorni. Ma in questo caso, si è astenuto dal farlo dopo essersi rivolto a una guida legale ai funzionari del Dipartimento di Giustizia.Intelligence Usa grossi guai all’orizzonte per Trump

Facebook Comments
Condividi