La Consulta boccia il referendum della Lega

0
523
La Consulta boccia il referendum della Lega
Condividi

La Consulta ha rispedito al mittente con una sola parola di tredici lettere il referendum della Lega: inammissibile.

Questo il giudizio della Corte Costituzionale sul referendum elettorale proposto da otto Regioni – Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Abruzzo, Basilicata e Sardegna, tutte a guida centrodestra – che avrebbe avuto l’effetto di annullare la parte proporzionale della legge elettorale, trasformandolo di fatto in un sistema maggioritario “puro”.

La Consulta boccia il referendum della Lega
La Corte Costituzionale presieduta da Marta Cartabia

La Corte Costituzionale, spiega che “la richiesta è stata dichiarata inammissibile, per l’assorbente ragione della eccessiva manipolatività del quesito referendario, nella parte che riguarda la delega al Governo, ovvero proprio nella parte che, secondo le intenzioni dei promotori, avrebbe consentito la autoapplicatività della normativa di risulta”. Le motivazioni della sentenza saranno depositate il 10 febbraio.

Il quesito referendario, sostenuto dalla Lega, intendeva trasformare in un maggioritario puro l’attuale sistema con l’abrogazione delle norme sulla distribuzione proporzionale dei seggi.

La Consulta boccia il referendum della Lega
Giovanni Guzzetta

“Il legislatore ha mangiato la foglia, e così nella prossima legge in discussione in parlamento i collegi uninominali neppure ci saranno” afferma in una intervista ad Italia Oggi Giovanni Guzzetta, che ieri davanti alla Corte Costituzionale ha difeso le ragioni degli otto Consigli regionali.

Tuttavia la sentenza che secondo la Lega sarebbe stata storica per introdurre in Italia un sistema elettorale identico a quello inglese, in cui ogni collegio darebbe un eletto e ogni eletto sarebbe quello che ha ottenuto la maggioranza dei voti, non solo non c’è stata, ma anzi si è trasformata in una storica bocciatura e in un puntello della legislatura.

La Consulta boccia il referendum della Lega
(Foto Ansa)
Facebook Comments
Condividi