HomeRassegna StampaLa finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

Pubblichiamo l’articolo del settimanale inglese The Economist che denuncia la tragica commedia dell’elezione di Putin da parte di un regime che uccide chiunque si opponga.La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

Alla fine di questa settimana milioni di russi parteciperanno alla rielezione del presidente Vladimir Putin, il dittatore più longevo del paese dai tempi di Stalin.

In un Paese dove i politici dell’opposizione sono morti, in prigione o in esilio, dove dire la verità é un reato penale e dove un autocrate paranoico é felice di uccidere centinaia di migliaia di suoi concittadini e dei suoi vicini per affermare e mantenere il suo potere, le elezioni sembrano del tutto inutili: una strana farsa o un bizzarro anacronismo.La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

L’esercizio di voto di tre giorni che inizierà il 15 marzo non è un’elezione nel modo in cui la intende la maggior parte delle persone nel mondo occidentale. Se la Russia fosse stata una democrazia, Putin avrebbe lasciato il potere nel 2008, quando scadeva il suo secondo e costituzionalmente ultimo mandato. Ma dove la guerra sopprime la pace, l’ignoranza é forza e la libertà é schiavitù, l’essenza di queste elezioni é l’assenza di scelta.

Senza alternative praticabili o un adeguato controllo (l’unica organizzazione indipendente di monitoraggio elettorale della Russia, Golos, é stata accusata di essere un “agente straniero” e il suo co-fondatore é in prigione), Putin é certo di ottenere il risultato che desidera. Ma lungi dall’essere inevitabile, nonostante il risultato renda superfluo il rituale del voto per Putin, esso é di cruciale importanza per il suo regime.

I leader sovietici che organizzarono anche false “elezioni”, a volte con un solo candidato in ballottaggio, potevano ancora fare affidamento sull’eredità della rivoluzione bolscevica e sulla vittoria nella seconda guerra mondiale.La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

La tirannia di Putin é allo stesso tempo più personale e meno ideologica. La sua legittimità deriva dall’uso della violenza e dall’apparenza attentamente mantenuta di sostegno popolare. Per rafforzarlo vengono invocati gli spettri dei nemici esterni – l’Occidente e l’Ucraina – e di quelli interni (agenti stranieri).

In sostanza, afferma Greg Yudin, filosofo politico russo e ricercatore presso l’Università di Princeton, l’elezione presidenziale di Putin é una forma di acclamazione, un’espressione rituale pubblica di approvazione nei confronti dei funzionari imperiali che risale ai tempi dell’antica Roma. Perché, va ricordato, Mosca una volta si considerava la “terza Roma”. Il suo ruolo ovviamente non è quello di cambiare chi é al potere, ma di dare un’iniezione di legittimità a un dittatore che invecchia. “Le decisioni sono già prese dal leader; il ruolo della gente è dire ‘sì’, acclamare”, dice Yudin.

Da quando Putin é salito al potere nel 2000, il suo regime ha coltivato la passività, allontanando le persone dalla politica attiva e invitandole solo allo scopo di tali acclamazioni pubbliche. Proprio un rituale del genere é rappresentato in “Boris Godunov”, la grande tragedia di Alexander Pushkin.La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

Godunov, un cortigiano della fine del XVI secolo eletto zar da un’assemblea di militari e clero, viene accolto dal popolo riunito davanti al Cremlino. Mostrano debitamente la loro approvazione, mentre discutono in privato delle voci secondo cui Godunov aveva ucciso il legittimo erede al trono.

Una persona che ha compreso l’essenza di questa acclamazione rituale, e che ha cercato di spezzarla e di rivendicare le elezioni come vere espressioni politiche, è stato Alexey Navalny, il leader dell’opposizione russa ucciso.

Sebbene sapesse che il potere in Russia non poteva essere cambiato attraverso le urne, vedeva le elezioni come un modo per registrare il dissenso. Il suo appello nel 2011 a votare per qualsiasi altro partito piuttosto che per Russia Unita di Putin ha mobilitato sia gli elettori che gli osservatori, costringendo il Cremlino a manipolare il voto parlamentare di quell’anno in modo così palese da scatenare le più grandi proteste nella storia post-sovietica della Russia.

La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione
Alexej Navalny

Sebbene incarcerato in una delle colonie penali più dure dell’Artico, accusato di estremismo, con l’organizzazione di Navalny fuorilegge e alcuni dei suoi alleati in prigione, ha continuato a sfidare Putin e a mobilitare la gente. Invece di dire ai suoi seguaci di ignorare la farsa elettorale di Putin, li ha esortati a trasformare le elezioni in un evento in cui le persone possano manifestare la propria volontà, anche se non hanno un proprio candidato. Due settimane prima della sua morte, aveva invitato milioni di persone a presentarsi a mezzogiorno del 17 marzo – l’ultimo giorno dei tre giorni di votazioni – per votare per chiunque tranne Putin, per rovinare le loro schede elettorali o semplicemente per riunirsi e parlare.

“Se decidono di uccidermi, significa che siamo incredibilmente forti”, ha detto Navalny poco prima di tornare in Russia nel 2021 e essere arrestato. Ma anche nel duro isolamento continuò, nelle apparizioni in tribunale e nelle lettere, a sostenere le persone che credevano che la sua versione della Russia come moderna nazione europea fosse ancora possibile.

Uccidendo Navalny un mese prima della sua “elezione”, Putin voleva dimostrare che non c’erano alternative a se stesso e alla sua vecchia versione imperialista della Russia. Incapace di contestarli alle urne, Navalny continua a farlo dalla tomba. Il suo funerale il 1° marzo divenne un visibile atto di sfida.lLa finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

Nonostante le minacce e le intimidazioni, decine di migliaia di persone a Mosca e in tutto il Paese si sono riunite per piangere e rendergli omaggio. Secondo i dati sui trasporti pubblici di Mosca, tra il 1° marzo – giorno del funerale – e il 3 marzo 27.000 persone in più del solito hanno utilizzato la stazione della metropolitana più vicina al cimitero. Molti altri sono arrivati ​​a piedi o in macchina. Hanno fatto la fila per ore, tenendo in mano candele e fotografie di Navalny, cantando salmi e inneggiando “Navalny”, “No alla guerra” e, con notevole coraggio, “Putin è un assassino”.

Coprirono la sua tomba con un mucchio di fiori. Giovani e vecchi, benestanti e poveri, non hanno nascosto il volto alle telecamere di sorveglianza e ai poliziotti mascherati. La colonna sonora di “Terminator 2”, uno dei film preferiti di Navalny, e “My Way” di Frank Sinatra, suonati al suo funerale, sono ormai diventati motivi di resistenza.La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

Coloro che hanno partecipato ai funerali sono rimasti colpiti dal clima non solo di dolore personale ma anche di solidarietà.

Le persone hanno condiviso cibo e tè e si sono abbracciate, ben consapevoli che questa potrebbe essere l’ultima volta che avrebbero potuto protestare in così gran numero. E non solo a Mosca. Nelle ultime due settimane sono sorti “memoriali floreali” spontanei e santuari a Navalny in più di 230 città russe, dove le persone hanno deposto fiori e acceso candele sui monumenti alle vittime della passata repressione politica, nei cortili e sugli ingressi degli edifici. “La tradizione funebre si è fusa con la protesta politica”, ha scritto Alexandra Arkhipova, un’antropologa sociale.

Yulia Navalnaya, la vedova che é intervenuta per portare avanti l’eredità del marito, ha invitato i suoi sostenitori a mantenere questa protesta e a “usare il giorno delle elezioni per dimostrare che noi ci siamo e siamo tanti, siamo persone vere e vive e siamo contro Putin”.

La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione
Yulia Navalnaya

Il fatto di presentarsi a mezzogiorno del 17 marzo non porterà ad un cambio di potere in Russia. Ma in un Paese dove i simboli e i gesti hanno più peso delle dichiarazioni, la protesta funebre di Navalny ha già gettato un’ombra sull’acclamazione di Putin. Come dice il santo sciocco in “Boris Godunov” quando viene invitato a pregare per Godunov dalle chiese del Cremlino, “Nessuna preghiera per lo zar Erode… La Madonna non lo permetterà”.La finta elezione di Putin una farsa tra omicidi e repressione

Facebook Comments
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
6 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS