HomeRisvoltiLa metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

Col mondo libero per un mondo libero. Oltre alla sfida vincente contro la Russia neo sovietica di Putin e la Cina liberticida ed economicamente famelica, il vero grande risultato del G7 made in Italy é quello di avere creato l’alternativa operativa rispetto alla totale paralisi dell’organizzazione delle Nazioni Unite, che a quasi 80 anni dall’istituzione é praticamente un morto che cammina.

Un risultato non conclamato, ma più concreto e lungimirante di tanti proclami.La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

Il G7 a trazione Giorgia Meloni ha trasformato il vertice dei leader dei paesi liberi più industrializzati, allargato alla storica partecipazione del Papa, nonché delle nazioni e degli organismi cardini degli equilibri economici e strategici internazionali come l’India, il Brasile, il Fondo Monetario internazionale, la Banca Mondiale, la Banca Africana di Sviluppo, l’Ucraina, il Kenya, l’Algeria, la Tunisia, la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti, in una assise che rappresenta l’esempio di come un mondo senza pace, libero mercato, libertà e diritti civili sia come un corpo senza emozioni. La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

Assieme alla Premier, protagonista assoluta del presente e del futuro del G7 formato Onu, l’altro grande interprete del vertice planetario é Papa Francesco che mette a segno un’exploit internazionale epocale, riuscito a pochissimi suoi predecessori: Urbano II che nel 1095 avviò le Crociate, Leone III che nella notte di Natale dell’800 incoronò in San Pietro Carlo Magno imperatore del Sacro Romano Impero, Giovanni XXIII il pontefice del Concilio che sussurrò la pace all’orecchio del russo Nikita Krusciov e dell’americano John Kennedy e Giovanni Paolo II il Papa polacco che sconfisse il comunismo.

Giunto al culmine di un travagliato pontificato che mette la Chiesa universale di fronte alle problematiche dell’evoluzione tecnologica e scientifica, della coesistenza pacifica e delle spinte primordiali alla guerra,  Bergoglio assume di fatto il ruolo di assistente spirituale dell’umanità e dei maggiori governanti  del Pianeta. Un ruolo fino a ieri inimmaginabile per il Vaticano.

La partecipazione del Papa rafforza sul piano internazionale il valore del documento finale del G7 che concede 50 miliardi di aiuti e sostegno economico  e politico all’Ucraina, mette in guardia Russia e Cina dal proseguire l’aggressione, militare per quanto riguarda Mosca, ed economica per Pechino nei confronti dell’Europa, riconosce il diritto all’autodifesa di Israele, ma mette in guardia il premier Netanyahu dal proseguire un’offensiva su larga scala a  Rafah che avrebbe ulteriori conseguenze disastrose sui civili e chiede espressamente all’Iran di cessare la sua azione bellica destabilizzatrice in Medio Oriente.

Assieme ai temi della pace e della coesistenza pacifica, al G7 Papa Francesco ha perorato in particolare l’esigenza che l’uomo non venga trasformato in “cibo per gli algoritmi” ed ha sollecitato  «modelli di regolamentazione etica per arginare i risvolti dannosi e discriminatori, socialmente ingiusti, dei sistemi di intelligenza artificiale» e per  contrastarne l’utilizzo distorto. Una posizione all’avanguardia condivisa da tutto il vertice.La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

Così come unanime é stato l’appoggio agli accordi per garantire la sicurezza dell’Ucraina.

Al G7 sono rimbalzate le analisi delle intelligence anglo americana, della Nato  ed europee sull’esaurimento dell’ultima offensiva scatenata a maggio dall’armata russa sul fronte di Karkiv.

Nonostante il sacrificio di continue ondate di soldati lanciati all’assalto delle posizioni ucraine, l’apporto degli armamenti occidentali forniti nelle ultime settimane a Kiev ha scongiurato lo sfondamento russo.

La fallita invasione, é l’ipotesi più accreditata a Borgo Egnazia, sta diventando sempre più una trappola inestricabile dalla quale Putin cerca di uscire alzando i toni del confronto nucleare.

Pur con tutte le dovute cautele, per gli analisti di strategie militari di Washington e Londra, si tratta tuttavia di un bluff perché nonostante le punte avanzate dei sommergibili atomici di ultima generazione e del programma satellitare in fase di realizzazione, in realtà il potenziale militare di Mosca é assolutamente insufficiente, e quel che é peggio inefficiente, come dimostra il disastro dell’attacco all’Ucraina.

Soprattutto a livello convenzionale l’apparato bellico russo é nettamente sovrastato intanto dalle forze Nato, per non parlare delle forze armate degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, sia per quanto riguarda missili e aviazione, comprese le nuove unità per l’impiego dei droni, sia per quanto riguarda la marina, che schiera avveniristiche unità navali e droni stealth di superfice e subacquei, sia per quanto riguarda l’esercito che comincia ad avvalersi dei primi reparti di soldati e mezzi corazzati  robot.La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

Un potenziale convenzionale che Mosca ha in gran parte perduto negli oltre due anni di guerra in Ucraina, durante i quali lo Shape della Nato, il quartier generale dell’alleanza atlantica, ha avuto modo di studiare e calcolare punti deboli e caratteristiche peculiari per neutralizzare l’armata russa, comprese le forze strategiche nucleari di Mosca.

In attesa che Putin batta un colpo e,  senza ricorrere al consueto gioco sporco dell’intelligence moscovita, trovi il modo di avviare concreti negoziati di pace, il G7 ha iniziato a restringere sul serio l’agibilità non soltanto economica e finanziaria quanto diplomatica e internazionale della Russia.La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

I pesanti dazi europei sulle auto elettriche cinesi sono un chiaro avvertimento a Pechino affinché non supporti ulteriormente lo sforzo bellico di Mosca e spinga Putin a negoziare quanto meno una tregua.

Secondo quanto trapela da Pechino, tutte le parole del G7 made in Italy non hanno lasciato un’impressione tanto profonda quanto la sola iniziativa dei dazi di Bruxelles.La metamorfosi del G7 benedetto dal Papa e alternativo all’Onu

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS