HomeMafia SecretsLa molteplice attualità del martirio di don Pino Puglisi

La molteplice attualità del martirio di don Pino Puglisi

by Augusto Cavadi

La vicenda storica di don Pino Puglisi é stata raccontata ormai molte volte, anche al cinema. Ovviamente con risultati non sempre ottimali: il pur bravo Luca Zingaretti, ad esempio, nel film Alla luce del sole di Roberto Faenza, ha una propensione al cipiglio che non ricordo di aver mai notato sul volto del parroco palermitano.

Può riuscire interessante mettere a fuoco, invece, alcuni significati di questa vicenda.

Il primo, di carattere sociologico, presenta una portata generale: la co-responsabilità dei “buoni” nell’assassinio di una vittima.

La molteplice attualità del martirio di don Pino Puglisi
Beato Padre Pino Puglisi

Se la stragrande maggioranza dei medici firma certificati falsi per scongiurare la detenzione di un boss, quando un medico si rifiuta va punito.

Se la stragrande maggioranza degli imprenditori paga il pizzo, quando un imprenditore si rifiuta va punito.

E così via per tante altre categorie professionali. Il clero cattolico non fa eccezione: se la stragrande maggioranza dei preti non trova nulla da obiettare al dominio territoriale dei mafiosi (e dei loro referenti politici), quando un prete rifiuta la collusione (o almeno il silenzio complice) va punito.

Se non si riflette su queste dinamiche non si può capire davvero l’allarme di Martin Luther King sull’indifferenza degli indifferenti, a suo parere più pericolosa della violenza dei violenti.

Né si può capire perché ogni retorica esaltatrice di un martirio (religioso o civile) é del tutto fuori luogo: le vicende di  Josef Mayr-Nusser  e di Franz Jägerstätter sono un eloquente atto di accusa verso i loro contemporanei  che accettarono supinamente l’arruolamento nell’esercito nazista.La molteplice attualità del martirio di don Pino Puglisi

Almeno un secondo significato – questa volta di carattere teologico – può rinvenirsi nella storia di don Puglisi.

Sino a mezzo secolo fa esistevano gli atei militanti e gli anticlericali arrabbiati: oggi il cristianesimo, in Occidente, é talmente irrilevante da non essere neppure bersaglio polemico.

Quale cristianesimo? Mi pare di poter rispondere: il cristianesimo come dottrina (da credere) e come liturgia (da celebrare).

Nei confronti di questo cristianesimo come ortodossia dogmatica nessuno ha obiezioni: né i mafiosi, né i fascisti, né i leghisti.

Ma quando il cristianesimo si profila nel suo volto originario di vangelo della liberazione, della giustizia e della solidarietà – in una parola: come ortoprassi – smette di essere digeribile. Diventa divisivo.

Se don Puglisi fosse stato un “funzionario” del sacro, chiuso nell’ambito strettamente parrocchiale, i mafiosi non l’avrebbero certo ucciso.

Ciò che lo ha reso insopportabile é stato il suo voler intrecciare strettamente l’evangelizzazione con la promozione umana; il suo mettersi a fianco dei cittadini che non volevano più la colonizzazione mafiosa del territorio; il suo ribellarsi all’affarismo e al clientelismo dei politici legati a doppio filo con le cosche.

Il suo martirio può indicare a tutta la cristianità un sentiero per sopravvivere al lento naufragio del cristianesimo dei catechismi e delle viae crucis: testimoniare che il discorso delle “beatitudini” (incentrato sul primato della sobrietà, della condivisione dei beni, della mitezza, della lotta alle ingiustizie…) non è il sogno di un visionario, quanto un programma rivoluzionario più radicale e lungimirante di tanti altri programmi consimili.

Un progetto, comunque, che non pretende di essere esclusivo né ancor meno escludente, ma solo un apporto al faticoso processo evolutivo dell’intera popolazione del pianeta. Proprio quando l’orizzonte si fa più scuro e minaccioso può soccorrerci la convinzione del piccolo prete siciliano: “Se ognuno di noi fa qualcosa, insieme possiamo fare molto”.

Facebook Comments
Augusto Cavadi
Augusto Cavadi
Giornalista pubblicista, Filosofo. Fondatore della Scuola di formazione etico-politica Giovanni Falcone di Palermo
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS