HomeRisvoltiL'Europa di Draghi Macron e Scholz si mobilita a difesa dell'Ucraina

L’Europa di Draghi Macron e Scholz si mobilita a difesa dell’Ucraina

Speculari ma con ricadute diverse, i riflessi a Mosca, Washington, Pechino e Bruxelles della visita a Kiev di Draghi, Macron e Scholz, più che una svolta tracciano una netta linea di demarcazione intrinseca ed estrinseca dell’Europa rispetto a Cremlino, Casa Bianca, Cina e alla stessa Bruxelles.

L'Europa di Draghi Macron e Scholz si mobilita a difesa dell'Ucraina
Mario Draghi Emmanuel Macron e Olaf Scholz

Dal nuovo baricentro intrinseco dell’Europa, non più a due, Francia e Germania, ma a tre con l’assunzione paritaria della leadership europea riconosciuta a pieno titolo all’Italia, dalla capitale dell’Ucraina invasa e quotidianamente massacrata dalla Russia di Putin, il Premier Mario Draghi, il Presidente francese Emmanuel Macron e il Cancelliere tedesco Olaf Scholz  sottolineano la trasfigurazione estrinseca di un’Unione garante e baluardo della democrazia europea, tanto rispetto allo spietato imperialismo di Mosca, quanto nei riguardi delle subdole tendenze pervasive del dragone cinese e degli eccessi egemonici degli Stati Uniti.

Una visita cruciale, non soltanto emblematica ma specificatamente pragmatica perché la stessa sconvolta mancanza di parole avvertita dai leader europei per descrivere l’inimmaginabile tragedia umana e la terribile distruzione che hanno constatato ad Irpin, si è trasformata – soprattutto da parte di Macron che ha affermato “serve che l’Ucraina possa resistere e vincere” – nella ferma determinazione di potenziare ulteriormente il flusso di rifornimenti di armamenti e di assistenza militare a Kiev. Un abbraccio di sostegno effettivo insomma e non di cinica partecipazione al funerale del popolo ucraino quello che l’Europa di Draghi, Macron e Scholz tributa al cospetto del mondo e in particolare del Cremlino con la visita dei tre leader al presidente Volodymyr Zelensky.L'Europa di Draghi Macron e Scholz si mobilita a difesa dell'Ucraina

Ne emerge un sostegno senza ambiguità, perché consapevole e aderente allo sdegno per la disumana realtà della situazione nella quale versa l’Ucraina. Una consapevolezza che ha azzerato le riserve mentali del Presidente francese e del Cancelliere tedesco, che alla vigilia sembravano inclini a indicare a Kiev la strada di mortificanti trattative con i russi.

“E’ il momento dell’Europa, che deve raccogliere le sfide con coraggio, lo stesso coraggio dimostrato dal presidente Zelensky, con determinazione e unita’ “, ha detto Draghi, secondo il quale siamo a un momento di svolta nella nostra storia: “il popolo ucraino difende i valori di democrazia e libertà del progetto europeo” e, proprio per questo motivo, “non possiamo indugiare e ritardare il processo di adesione dell’Ucraina all’Europa” ma lavorare per “creare una comunità di pace e di diritti. Vogliamo che si fermino le atrocità e vogliamo la pace. Ma l’Ucraina deve continuare a difendersi se vogliamo la pace, e sarà l’Ucraina a scegliere la pace che vuole. Qualsiasi soluzione diplomatica non può prescindere dalla volontà di Kiev, da quello che ritiene accettabile per il suo popolo. Soltanto così – ha concluso il Premier – possiamo costruire una pace che sia giusta e duratura”.L'Europa di Draghi Macron e Scholz si mobilita a difesa dell'Ucraina

Chissà se a Mosca hanno davvero presente cosa significhi che l’Europa, gli Stati Uniti e l’Inghilterra continuino a rifornire all’infinito e sempre con armamenti di volta in volta più sofisticati e efficaci l’Ucraina? Pechino l’ha capito, il Cremlino finge di no.

Dal Giappone, alla Germania, all’Italia nell’ultima guerra mondiale, ma anche dall’Argentina dei militari alla Libia di Gheddafi, le tragedie più immani sono quelle delle dittature che trascinano alla rovina i loro paesi e compromettono il futuro del proprio popolo.L'Europa di Draghi Macron e Scholz si mobilita a difesa dell'Ucraina

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS