HomeRisvoltiL'iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa

L’iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa

In Vaticano si é aperto il fronte Lgtb, il più rovente e insidioso fra i tanti antagonismi critici che si contrappongono a Papa Francesco. Le parole di Bergoglio contro l’accesso di gay nei seminari stanno suscitando una valanga di reazioni all’interno della stessa Chiesa.L'iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa

Un’onda lunga che le scuse e le precisazioni del Pontefice non riescono a contenere.  “Nella Chiesa c’è spazio per tutti, per tutti! Nessuno è inutile, nessuno è superfluo, c’è spazio per tutti. Così come siamo…” precisa la Sala Stampa Vaticana che sottolinea come “il Papa non ha mai inteso offendere o esprimersi in termini omofobi, e rivolge le sue scuse a coloro che si sono sentiti offesi per l’uso di un termine, riferito da altri”.

Al pubblico biasimo espresso dal teologo Vito Mancuso e alle forti contestazioni manifestate riservatamente da molti Vescovi, si aggiunge anche la lettera aperta scritta dal parroco pugliese  don Dino D’Aloia, direttore dell’ufficio di pastorale con le persone Lgtb ( acronimo inglese di  Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender ) della diocesi foggiana di San Severo.

L'iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa
don Dino D’Aloia

“Caro Papa Francesco – gli scrive il parroco da anni impegnato in un percorso pastorale di inclusività della comunità Lgbtq – tu sai quanto ti vogliamo e ti voglio bene. Tu sai quanto amiamo e amo la tua predilezione per i piccoli e gli indifesi. Permettimi però di dirti che proprio per questo certe volte non comprendo il tuo fare un passo avanti e uno indietro. Faccio riferimento alla frase molto infelice sulla “frociaggine” di tanti preti, frase che il Vaticano non ha smentito (e questo vuol dire che ha confermato) e ancor di più al rifiuto di accogliere in seminario chi ha “tendenze omosessuali molto radicate”. Cosa significa questo? “. “L’ orientamento omosessuale – continua il sacerdote – non é una scelta ma una condizione che si scopre di avere, a volte con grande sofferenza. È ovvio che nel sacerdozio celibatario attualmente sostenuto dalla Chiesa così come per gli eterosessuali anche per gli omosessuali non c’è posto per rapporti fisici intimi ma non capisco perché un omosessuale dovrebbe essere escluso dal seminario e dal sacerdozio solo perché senza sua scelta si ritrova a vivere la sua condizione affettiva. Questa direttiva – prosegue – é fortemente lesiva dell’aspirazione vocazionale che Dio mette nel cuore di alcuni omosessuali. Che poi in questo modo non si fa altro che invitare al nascondimento, alla finzione e all’ipocrisia. Non c’è altra strada per chi sa di essere gay e desidera la santità nel sacerdozio. Io stesso – conclude – conosco preti che vivono questa condizione non scelta e sono di grande esempio per me”. L'iceberg LGTB che rischia di affondare la ChiesaIn realtà, le situazioni evidenziate dal Pontefice nel faccia a faccia a porte chiuse con i Vescovi italiani creano sempre più spesso disagi e forti imbarazzi nelle Diocesi, soprattutto quando, come é frequentemente accaduto, sfociano in scandali, inchieste ed imputazioni giudiziarie per abusi e pedofilia. Una situazione che Francesco considera incompatibile con la dignità sacerdotale e che l’ha spinto a tentare di imporre una svolta coraggiosa e rivoluzionaria.

“Una svolta temeraria e commovente, ma anche rischiosa” la definisce un anziano Monsignore che con lo sguardo rivolto al Cupolone cita l’ affermazione dell’attrice Liz Taylor: “Senza gli omosessuali Hollywood non esisterebbe.” E a chi obietta che il cinema non é il Vaticano replica lapidario in francese :“C’est pareille”.

L'iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa
Frédéric Martel

Un riferimento non casuale allo scrittore francese Frederic Martel, autore di Sodoma (Feltrinelli, 2019) che denuncia l’esistenza di una lobby gay in Vaticano. Un inner-circle capace di agire sottotraccia favorendo carriere e bloccandone altre.

Secondo il libro inchiesta di Martell 8 preti su 10 sarebbero gay. Un numero certamente esagerato che però non esclude la diffusione dell’omosessualità ecclesiale. L'iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa

Ad avvalorare questa tesi vi sono le dichiarazioni dell’ex nunzio negli Stati Uniti, l’Arcivescovo Carlo Viganò che a più riprese ha puntato il dito contro il Vaticano per non aver voluto fare niente per rimuovere né la lobby gay né l’ex cardinale americano McCarrick, accusato di avere abusato numerosi seminaristi e che solo dopo l’elezione al Soglio di Pietro di Papa Francesco é stato punito e ridotto personalmente dal Pontefice allo stato laicale.

Ma come dimostrano gli archivi delle cronache nere e giudiziarie, il caso McCarrick é soltanto la punta dell’icerberg dell’assedio e del gay power in Vaticano e in generale nella Chiesa, che si snoderebbe attraverso  gli episcopati, le diocesi, i seminari , i conventi e le parrocchie.

Un icerberg subdolo al quale Papa Francesco intende impedire di affondare la Chiesa.L'iceberg LGTB che rischia di affondare la Chiesa

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3491 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS