HomePagineL’inedita realtà delle poesie per bambini

L’inedita realtà delle poesie per bambini

PAGINE

Rubrica di critica recensioni anticipazioni

I cardini del pensiero Socrate Buddha Confucio Gesù

by Antonino Cangemi

Era davvero un esercizio inutile imparare da piccoli le poesie a memoria? O serviva a qualcosa che adesso diverse generazioni hanno irrimediabilmente perduto in una scuola vittima della furia demolitrice del Sessantotto, una stagione importantissima per tante conquiste e nuove consapevolezze, ma acritica e precipitosa nel buttare giù dalla torre quel che di necessario e indispensabile vi é nel nozionismo?

Una risposta la danno Nicola Crocetti e Vivian Lamarque, curatori del  volume Bei cipressetti, cipressetti miei. Poesie per bambini vecchi e nuovi edito da Crocetti.

Due nomi di tutto rispetto, Crocetti e la Lamarque: il primo è un’irriducibile editore indipendente di poesie, ideatore tra l’altro della rivista Poesia; la seconda, vincitrice della prima edizione dedicata alla poesia del Premio Strega, è una delle voci più autentiche nel panorama italiano.

Nel libro, il cui titolo richiama i versi di Davanti San Guido di Giosue Carducci – chi dai sessant’anni in su non li ha studiati a scuola? – sono raccolte centinaia di poesie per bambini, dalle più classiche alle più moderne, da Giovanni Pascoli a Gianni Rodari.

Tutte poesie melodiose, con varietà di rime e regolarità metrica che le generazioni meno giovani sono state “costrette” a imparare a memoria, spesso non comprendendone in pieno il significato e qualche volta finendo con l’odiarle.

Eppure, tra le tante cose che si studiavano tra i banchi, mandare a mente le poesie non era il superfluo retaggio di una tradizione anacronistica priva di valore. Tutt’altro. Innanzitutto si trattava di un esercizio di memoria: quella memoria che va coltivata e potenziata soprattutto nell’età più tenera e che oggi, nell’era di Google, rischia di essere mortificata per mancanza di sollecitazioni.L’inedità realtà delle poesie per bambini

Poi – e non è poco – grazie a quell’apprendimento forzato si acquisiva un patrimonio inestimabile di parole e suoni, timbri e ritmi, e chi per sensibilità era predisposto alla poesia diventava custode, inconsapevolmente, dei suoi segreti arricchendo la propria interiorità.

Chi di noi non ha provato ammirazione e invidia per un pianista che senza spartito esegue un valzer o un notturno di Chopin? Grazie allo studio, costui ha una ricchezza in più rispetto agli altri. Lo stesso vale, mutatis mutandis, per chi recita a memoria i versi della Divina Commedia o di altro capolavoro della letteratura.

E allora perché da un certo momento in poi la scuola ha messo al bando le poesie da imparare a memoria? Per limitatezza di vedute e scarsa sensibilità verso la poesia, vi risponderebbero i curatori di Bei cipressetti, cipressetti miei. Poesie per bambini vecchi e nuovi, un libro che è un inno ai versi, di cui Crocetti e la Lamarque mettono in risalto la funzione didattica nell’educare al bello.

E un altro messaggio si coglie nell’iniziativa di Crocetti e della Lamarque – non certo una mera operazione nostalgia -: ribadire che l’essenza della poesia risiede nella musicalità, con tonalità e accenti diversi nel tempo naturalmente.

Qualcosa che le nuove generazioni stentano a comprendere (quanti tra di esse i poeti algebrici e stonati) forse proprio perché non hanno mai imparato Pascoli e D’annunzio a memoria.L’inedita realtà delle poesie per bambini

Facebook Comments
Antonino Cangemi
Antonino Cangemi
Saggista e critico letterario
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3435 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3435 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
2 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS