HomeRisvoltiLo spettro del terrorismo islamico dietro la strage di Munster

Lo spettro del terrorismo islamico dietro la strage di Munster

              Incubo terrorismo a Munster Lo spettro del terrorismo islamico dietro la strage di MunsterC’è l’incubo del terrorismo dietro il furgone lanciato sulla folla nel centro della città tedesca di Münster, nella Renania-Vestfalia.  L’autista killer, si è suicidato sparandosi un colpo di pistola alla testa prima di essere catturato dalla polizia. Gli investigatori starebbero danno la caccia ad un complice dell’attentatore  suicida.Lo spettro del terrorismo islamico dietro la strage di Munster

Alto, ma ancora imprecisato il numero delle vittime e dei feriti. Anche se non vi sono ancora conferme ufficiali, le modalità riconducono ai numerosi attentati del terrorismo islamico in varie città europee.

Dai camion che falciano la folla a Nizza e a Berlino, al terrorismo fai da te di Parigi, Istanbul, Londra e da ultimo in Danimarca, il mostro del fondamentalismo continuerebbe dunque ad affondare la scimitarra nel cuore di burro di un’Europa indifesa, inerte, e soprattutto ancora non del tutto consapevole delle potenzialità distruttive di un terrorismo fanatico e praticamente inesauribile.

Lo spettro del terrorismo islamico dietro la strage di Munster
Immagini di repertorio dell’attentato di Nizza

Una sequenza di attacchi che da Charlie Hebdo, al Bataclan, a Bruxelles, alla Turchia, colpiscono in forme sempre diverse e inedite. .

Subito dopo la strage di  Munster in tutta Europa e in particolare in Italia è scattato l’ allarme rosso e sono state ulteriormente intensificate le misure di prevenzione e di controllo, in particolare per la maratona di Roma.

Capacità di prevenzione e di controllo essenziali e che rappresentano  la   prima   e   fondamentale   difesa  contro  l’onda lunga del  terrorismo.Lo spettro del terrorismo islamico dietro la strage di Munster

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3435 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3435 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS