Marocco ad alta tensione Maghreb in bilico

0
629
Marocco ad alta tensione Maghreb senza pace
Condividi

Marocco attraversato dalle proteste popolari  

Marocco ad alta tensione Maghreb senza pace

Rischio Maghreb in crescita.Il Mediterraneo accentua la precarietà della situazione fra lo stretto di Gibilterra e il Canale di Sicilia.

Oltre al vulcano libico stanno esplodendo in tutto il Marocco le tensioni che da mesi covavano sotto la sabbia.

L’effetto domino favorirebbe la proliferazione del fondamentalismo islamico lungo tutta la fascia sahariana dall’Atlantico  al Mar Rosso, dove proprio nelle ultime ore nella località balneare di  Hurghada, sono state uccise a coltellate due turiste e ferite altre 4 donne europee.

Il governo marocchino di Saad-Eddine El Othmani ha fatto scattare l’emergenza e attivato i servizi di sicurezza per controllare e  sedare le proteste, le manifestazioni e gli scontri con le forze dell’ordine  che si susseguono in varie parti del paese e soprattutto nella regione del Rif, a nord del Marocco.Marocco ad alta tensione Maghreb senza pace

Cortei e manifestazioni spontanee sollecitano in particolare riforme economiche e giustizia sociale. Rabat ha lanciato un  programma di riforme e  immediati aiuti economici.

Oltre alle infiltrazioni del terrorismo jiadista, si temono anche strumentalizzazioni da parte dei narcotrafficanti, interessati a destabilizzare varie regioni per avere campo libero.marocco-ad-alta-tensione-maghreb-senza-pace

Il Rif é infatti la regione dove si coltiva la  maggior parte della cannabis esportata illegalmente in Europa. Dietro questi interessi ci sarebbe l’ex parlamentare marocchino Said Chaou, arrestato nei Paesi Bassi, dove viveva da tempo, per essere estradato in patria perché accusato di traffico di droga e di aver finanziato il movimento di protesta nella regione di al Hoceima, dove si trovano le più estese piantagioni di cannabis.Marocco ad alta tensione Maghreb senza pace

Facebook Comments
Condividi