HomeRisvoltiMosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva

Mosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva

Niet di morte e di sangue. Terrore e distruzione per quasi tutte le principali città ucraine, colpite da continui ossessivi bombardamenti ordinati da Mosca.

Il Cremlino risponde con l’ennesima strage della popolazione civile ai pur rassegnati colloqui fra Kiev e Pechino per tentare di annodare i fili lontanissimi di negoziati e trattative.

Mosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva
Xi Jinping e Zelensky

Sulla linea del fronte del Donbass le parole più gettonate nelle ultime ore sono: jet and surprise. Il successo del blitz della controffensiva ucraina dipende dalla sorpresa e dalla disponibilità di moderni caccia bombardieri.

Se la concentrazione delle forze rischia di essere rilevata dai russi, il deficit di copertura aerea potrebbe compromettere gli attacchi. A Kiev i piani per aggirare queste problematiche prevedono diverse soluzioni. Per lo sfondamento iniziale delle linee russe si starebbero pianificando diverse mini-offensive, soltanto una della quali rappresenterà tuttavia il colpo di maglio decisivo.

Servirà ben altro o saranno sufficienti i trucchi e le astuzie per confondere Mosca e ingannare i generali russi sulla direttrice principale del grosso delle circa 12/18 brigate ucraine che condurranno la controffensiva ?Mosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva

Addestrate da personale occidentale, le brigate d’assalto dispongono ciascuna di un centinaio di moderni carri armati Leopard 2 tedeschi e Challenger britannici, altrettanti mezzi corazzati e pezzi d’artiglieria.

Vista l’impossibilità di disporre degli F-16 di fabbricazione americana considerati fino all’entrata in servizio dei più moderni F-35 il non plus ultra dei jet da combattimento, l’interrogativo sulla copertura aerea potrebbe trovare una risposta nel caccia svedese Gripen, costruito dalla Saab. Progettato specificamente per difendere lo spazio aereo svedese dai jet russi, il Gripen é per molti versi il più adatto alle esigenze dell’Ucraina.

Mosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva
Caccia bombardiere Gripen

The Economist scrive che non soltanto atterra su piste corte e all’occorrenza sulle strade, ma può essere rifornito e riarmato in dieci minuti con l’apporto di un solo tecnico e di cinque addetti. La controindicazione é che di Gripen ce ne sono pochissimi. La Svezia ne ha venduti pochi esemplari a circa 66 paesi e ne dispone di un centinaio per la propria difesa. Una difesa ritenuta prioritaria, visto che l’ingresso nella Nato della Svezia é bloccato da Turchia e Ungheria. Stoccolma potrebbe fornire solo uno squadrone di circa 14 Gripen, non di più. Si spera dunque di sbloccare almeno l’invio degli F-16 polacchi ed estoni e dei Gripen della Repubblica Ceca.Mosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva

Per assicurare la difesa aerea della controffensiva saranno comunque rafforzati i sistemi missilistici e le batterie di Patriot Usa e Sam-P italo francesi. Le difese aeree mobili per tenere a bada gli aerei di Mosca saranno essenziali nel caso l’impatto dell’attacco ucraino dovesse riuscire a sorprendere e a sfondare le difese russe e fosse necessario inviare rapidamente altre forze attraverso il varco.

L’artiglieria di precisione di Kiev avrà il compito di eliminare i campi trincerati e le difese predisposte dai russi, ma ciò richiede una sincronizzazione fra l’ artiglieria e i comandi di brigata in modo che le truppe non avanzino né troppo presto, mentre le difese sono intatte, né troppo tardi, quando le retroguardie russe avranno rinforzato le posizioni.

Fino adesso le forze ucraine hanno condotto operazioni sequenziali, fuoco d’artiglieria – avanzata, e non le azioni coordinate che sono state al centro delle linee strategiche dell’addestramento occidentale.

La controffensiva dovrebbe scattare appena le condizioni metereologiche faranno solidificare il terreno fangoso. Non è escluso che parte degli attacchi diversivi, se non della vera e propria controffensiva, scatti proprio il 9 maggio per rovinare al Cremlino il giorno della parata militare a Mosca, alla presenza del Presidente Vladimir Putin, con la quale viene celebrato l’anniversario della vittoria sovietica nella seconda guerra mondiale.

Gripen-E-two-ship-Gripen-E_EK_1660
Prove della parata del 9 maggio a Mosca

Le difese russe sono state predisposte per attirare e accerchiare le brigate ucraine in grandi sacche. Analogamente i piani di Kiev prevedono di intrappolare i reparti  russi negli oblast di Kherson e Zaporizhia.

Secondo il Washington Post, Putin sarebbe convinto che il tempo giochi a suo favore tanto che, nonostante il fallimento dell’invasione e del preventivato nuovo attacco nell’anniversario dell’avvio della guerra, ha sacrificato cinicamente decine di migliaia di reclute mobilitate in un’inutile offensiva intorno alla città di Bakhmut, che rischia ora di essere accerchiata.

La valutazione dell’intelligence americana, pubblicata dal Washington Post, afferma che anche se l’Ucraina dovesse infliggere “perdite insostenibili alle forze russe”, la Russia preferirebbe condurre una nuova mobilitazione piuttosto che avviare negoziati.

Mentre  secondo il think tank Usa National Security Analysis, l’Ucraina può sostenere una controffensiva per tutta la primavera-estate, ma con un costo esorbitante di armamenti, munizioni e vite umane.

Nonostante l’arroccamento del regime, come testimonia l’ordine paradossale diramato direttamente da Putin di creare musei dedicati all’offensiva russa in Ucraina, in un senso o nell’altro a Mosca i prossimi mesi potrebbero essere densi di cambiamenti.

Chissà se nell’ambito dei siloviki, la burocrazia moscovita, qualcuno conosce o ricorda le parole di Martin Luther King: “può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla.”Mosca bombarda le città Kiev accentua la controffensiva

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3450 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3450 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
30 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
12 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
8 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS