HomeRassegna StampaPer produrre energia la Cina non si pone scrupoli

Per produrre energia la Cina non si pone scrupoli

Pubblichiamo una sintesi del reportage del New York Times sul colossale sforzo della Cina per produrre con qualunque sistema, inquinante o meno, l’energia necessaria per sostenere i livelli produttivi del paesePer produrre energia Cina non si pone scrupoli

Per produrre energia Cina non si pone scrupoli
Cina, Jiangxi lago Poyang

È un lago o una batteria? Un nuovo tipo di energia idroelettrica si sta diffondendo rapidamente in Cina.

Per un secolo, l’energia idroelettrica è stata sinonimo di gigantesche dighe: prodezze ingegneristiche che forniscono energia rinnovabile ma spostano le comunità e distruggono gli ecosistemi.

Una nuova ricerca pubblicata martedì da Global Energy Monitor rivela una trasformazione in corso nei progetti idroelettrici, utilizzando le stesse qualità gravitazionali dell’acqua, ma in genere senza costruire grandi dighe tradizionali come l’Hoover nell’ovest americano o le Tre Gole in Cina. Invece, una tecnologia chiamata pumped storage si sta rapidamente espandendo.

Questi sistemi coinvolgono due serbatoi: uno in cima a una collina e un altro in basso. Quando l’elettricità generata dalle vicine centrali elettriche supera la domanda, viene utilizzata per pompare l’acqua in salita, riempiendo essenzialmente il serbatoio superiore come una batteria. Successivamente, quando la domanda di elettricità aumenta, l’acqua viene rilasciata nel serbatoio inferiore attraverso una turbina, generando energia.

Lo stoccaggio pompato non è un’idea nuova. Ma sta subendo una rinascita nei paesi in cui anche l’energia eolica e solare sono in crescita, contribuendo ad aggirare le preoccupazioni per i cali legati alle condizioni meteorologiche nella produzione di energia rinnovabile.Per produrre energia Cina non si pone scrupoli

Nel 2021, la Cina ha rilasciato un piano ambizioso per implementare lo stoccaggio con pompaggio a livello nazionale nel tentativo di ridurre la dipendenza dai combustibili fossili.

Lo slancio della Cina le ha permesso di superare la capacità europea di stoccaggio con pompaggio.

Sistemi analoghi sono in costruzione anche negli Stati Uniti, dove la legislazione ha stimolato progetti di energia rinnovabile.

Lo stesso vale per l’Australia, che sta iniziando a svezzarsi dal carbone.

I progetti di dighe convenzionali non sono morti. La Cina continua a costruirle, soprattutto nelle montagne delle province di Sichuan e Yunnan.

E le dighe convenzionali sono ancora ampiamente pianificate nei paesi in via di sviluppo come un modo economico per produrre molta elettricità.

I progetti di dighe di bacini idrici possono avere elementi di stoccaggio ad acqua fluente o con pompaggio.

“I nostri dati mostrano che lo stoccaggio con pompaggio è destinato a crescere molto più velocemente delle dighe convenzionali”, ha affermato Joe Bernardi, che gestisce il tracker idroelettrico di Global Energy Monitor. “Questa tendenza è più pronunciata in Cina, che rappresenta oltre l’80% dei progetti pianificati in tutto il mondo”.

Alcuni dei sistemi più grandi producono energia sufficiente per alimentare due milioni di case americane medie per un’ora.Per produrre energia Cina non si pone scrupoli

Quando l’elettricità costa poco, l’acqua viene pompata in una laguna superiore che funge da batteria. Quando la domanda è più alta, l’acqua scorre a valle, generando energia attraverso gigantesche turbine.

Negli ultimi anni, la Cina ha rappresentato circa la metà della crescita globale delle energie rinnovabili. Secondo i documenti ufficiali, Pechino realizzerà ogni anno più capacità eolica e solare da qui al 2030 di quanta ne abbia attualmente la Germania in totale.

Poiché le energie rinnovabili contribuiscono sempre di più alla rete cinese, il paese sta cercando modi per garantire che le fluttuazioni della produzione eolica e solare non lascino la rete in asso. Parte di questa assicurazione deriva dalla continua crescita dei combustibili fossili, in particolare del carbone, di cui la Cina dispone in abbondanza.

La strategia di pompaggio della Cina non equivarrà direttamente a una riduzione del consumo di carbone. La Cina ha smesso di finanziare progetti di carbone all’estero, ma in patria l’anno scorso ha approvato la costruzione di più centrali a carbone che mai. Ed è già di gran lunga il più grande utilizzatore mondiale di carbone, un combustibile particolarmente sporco.Per produrre energia Cina non si pone scrupoli

Ma anche se la Cina raddoppia sul carbone, sta riducendo la percentuale complessiva di energia che ne deriva. La Cina è ora leader mondiale nella capacità di energia eolica, solare e idroelettrica.

“Per la Cina, lo stoccaggio con pompaggio è il cavallo vincente per fornire un backup flessibile per l’eolico e il solare. È più economico delle altre opzioni e può immagazzinare più energia”, ha affermato Liu Hongqiao, una consulente energetica indipendente specializzata in energie rinnovabili in Cina.Per produrre energia Cina non si pone scrupoli

L’immagazzinamento con pompaggio è stato anche fondamentale per sostenere il business case per l’energia rinnovabile in Cina, ha affermato la signora Liu, perché la rete nazionale non è pronta ad assorbire il 100% dell’energia eolica e solare in cantiere. Una parte dovrà essere immagazzinata, se non deve essere sprecata, ha precisato.

“Il carbone in Cina sarà ancora preponderante”, ha affermato Cosimo Ries, analista presso la società di ricerca Trivium China. “Ma nei prossimi decenni diventerà gradualmente una fonte di energia flessibile e minore rispetto all’idroelettrica pompata”.

I dati del Global Energy Monitor mostrano che un altro tipo di tecnologia idroelettrica sta diventando prevalente, in particolare in luoghi montuosi come il Nepal. Le cosiddette strutture ad acqua fluente si trovano, come suggerisce il nome, sui fiumi, ma non creano giganteschi bacini idrici dietro di essi.

Senza il serbatoio, la produzione di energia dipende dai flussi d’acqua stagionali, ma è meno dannosa per l’ambiente e meno soggetta a guasti catastrofici in zone tettonicamente attive come l’Himalaya. Centinaia di impianti ad acqua fluente sono stati costruiti o sono in cantiere in tutto il mondo, anche se tendono a produrre quantità minori di energia.Per produrre energia Cina non si pone scrupoli

La perturbazione ambientale non è l’unica ragione per cui le dighe convenzionali stanno diventando meno diffuse. Sono anche non del tutto convenienti perché i loro bacini hanno ampie superfici soggette all’ l’evaporazione. E se installate su fiumi che attraversano i confini internazionali, le dighe possono spesso portare a dispute idriche. Molti fiumi hanno semplicemente già troppe dighe.

I serbatoi idroelettrici possono anche rilasciare una quantità considerevole di metano, un potente gas serra, dai microbi che prosperano in questi ambienti e mentre la vegetazione si decompone nelle aree allagate. Secondo la dottoressa Bridget Deemer, ecologista dell’US Geological Survey, i serbatoi potrebbero essere la fonte del 3-7% delle emissioni di metano causate dall’uomo.Per produrre energia Cina non si pone scrupoli

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS