HomeRisvoltiPezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba

Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba

A Teheran il regime islamico veste Pezeshkian. Il riformismo del nuovo Presidente dell’Iran viene considerato una foglia di fico della spietata teocrazia degli Ayatollah da tutti i commentatori.

Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba
Massoud Pezeshkian

Una trappola per topi, denunciano anzi gli analisti di strategie geo politiche, per i quali il 69 enne cardiochirurgo ed ex ministro della sanità Massoud Pezeshkian, sarà utilizzato per fare uscire allo scoperto e sopprimere, uno ad uno, i gruppi di intellettuali e gli oppositori che da anni tentano disperatamente di coordinare e guidare il fiume spontaneo e incontrollato delle rivolte giovanili e popolari che insanguinano periodicamente le strade e le carceri della Capitale e delle principali città iraniane. Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba

Una mossa astuta quella dei vertici del regime islamico che perpetuano la cupa e medievale visione religiosa imposta al paese 45 anni fa dall’autoproclamata guida suprema Ruhollah Khomeyni.

Dopo la morte in un misterioso incidente aereo dell’ultraconservatore Ebrahim Raisi, che da magistrato aveva fatto impiccare diverse migliaia di oppositori e da Presidente aveva innescato una sorta di competizione fra gli ayatollah su chi fosse più intransigente ed estremista, la scelta di far vincere al ballottaggio il moderato e sedicente riformista Pezeshkian crea una cortina fumogena all’interno e all’esterno dell’Iran. Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba

In ambito internazionale perché nonostante lo scetticismo, Europa, Israele e Stati Uniti verificheranno le eventuali differenze della politica estera iraniana, e nel frattempo allenteranno le tensioni che soprattutto con Gerusalemme stavano superando il livello di guardia.

In ambito interno perché la presidenza Pezeshkian é in ogni caso ostaggio e strumento della attuale guida suprema del paese, l’Ayatollah Ali Khamenei al quale spetta di decidere quale poteri affidargli e che elegge direttamente o indirettamente i 12 componenti del Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione con diritto di veto sulle leggi proposte dal Presidente.

Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba
Ali Khamenei

In Iran tutto il potere, dalle istituzioni agli apparati militari, é incentrato sul ruolo quasi divino e in ogni caso temporale della Guida Suprema.

L’obiettivo é soprattutto quello di guadagnare tempo per completare e mettere a punto la fabbricazione della temuta atomica iraniana, considerata un incubo da evitare a tutti i costi da Washington e Israele.

Pur dissentendo dal precedente governo sull’imposizione dell’hijab, senza mai arrivare a chiedere però l’abrogazione dell’obbligo del velo per le donne, ed esprimendo critiche ai conservatori sull’economia, Massoud Pezeshkian é rimasto sempre uno zelante e fedele seguace di Khamenei, ma che per i suoi tiepidissimi tentativi di equidistanza fra le fazioni del regime é stato sostenuto dall’ex Presidente Khatami e dall’ex ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif, veri protagonisti degli aneliti del riformismo iraniano.

Le vane speranze o i miraggi sul ruolo del neo Presidente iraniano sono già alla verifica dell’ incandescente situazione al confine libanese fra le milizie Hezbollah, strettamente collegate a Teheran, e l’esercito israeliano pronto all’invasione per interrompere i continui attacchi contro le città dello stato ebraico. Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba

Le raffiche delle prime congratulazioni giunte a Pezeshkian da Putin, Xi Jinping, dal leader nord coreano e dagli Houthi yemeniti, felicitazioni interessate alle forniture di greggio, di missili e droni, evidenziano che oltre all’immanente onnipresenza del bellicoso fondamentalismo islamico, incubatore e propulsore del terrorismo internazionale, gli ingombranti alleati dell’Iran si attendono la prosecuzione dello stato di guerra non dichiarata con Israele e Stati Uniti e l’accentazione delle tensioni in tutto il Medio Oriente.

A meno di rischiare un’effimera presidenza o, peggio, un tragico incidente,  Massoud Pezeshkian sarà costretto a trasformare l’attuale sorriso in un ghigno e a ritrarre la mano dell’impossibile amicizia annunciata.

Per quanti anni ancora nessuno a Teheran Saluterà di nuovo il sole, come recitano i versi struggenti sulla libertà delle donne iraniane della scomparsa poetessa Forough Farrokhzad ?Pezeshkian il nuovo Presidente di un Iran senza alba

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3517 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
40 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS