HomeRassegna StampaPresidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

Pubblichiamo una sintesi dell’analisi del Washington Post sui flussi elettorali e generazionali prevedibili per le elezioni presidenziali americane del 2024Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

È facile immaginare che le elezioni presidenziali del 2024 diventino la terza gara consecutiva in cui il veterano democratico Joe Biden si scontra con Donald Trump.

Ancora una volta, il democratico vince il voto popolare, ma gli stati oscillanti sono più rigidi. Potrebbe andare in entrambi i modi.

Ma questa volta le cose sono molto diverse, ed ecco perché: i candidati potrebbero non cambiare, ma l’elettorato sì.Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

Ogni anno, circa 4 milioni di americani compiono 18 anni e ottengono il diritto di voto. Negli otto anni tra le elezioni del 2016 e del 2024, sono 32 milioni i nuovi aventi diritto al voto.

Inoltre, ogni anno muoiono 2 milioni e mezzo di americani più anziani . Quindi negli stessi otto anni, si tratta di ben 20 milioni di elettori anziani in meno.

Il che significa che tra l’elezione di Trump nel 2016 e le elezioni del 2024, il numero di elettori della Generazione Z , i nati tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del 2010, sarà aumentato di 52 milioni netti rispetto agli anziani. Il che rappresenta circa il 20 percento dell’elettorato totale ammissibile per il 2020 di 258 milioni di americani.Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

E a differenza delle generazioni precedenti, la Gen Z vota. Confrontando le quattro elezioni federali dal 2015 (quando i primi membri della Gen Z hanno compiuto 18 anni) con le nove precedenti (dal 1998 al 2014), l’affluenza media dei giovani elettori (definiti qui come elettori sotto i 30 anni) negli anni Trump e post-Trump é stata del 25% superiore a quello delle generazioni più anziane alla stessa età prima di Trump: l’8% in più negli anni presidenziali e un enorme 46% in più a metà mandato.

Allo stesso modo, sebbene non così drastico, abbiamo visto un aumento del 7% nella registrazione degli elettori tra gli elettori under 30 da quando la Gen Z è entrata nell’elettorato. Nelle elezioni di medio termine, gli under 30 hanno registrato un aumento medio del 20% della loro quota di elettorato, da quando Trump e la Generazione Z sono entrati in gioco.

Eppure Trump non è il fattore decisivo per questi elettori. Quando i sondaggisti chiedono perché , gli elettori della Gen Z affermano che la loro motivazione non é un partito o un candidato. È, invece, una forte passione su una o più questioni: un approccio molto più orientato alla politica rispetto al comportamento di voto più partigiano dei loro anziani.

Quell’approccio orientato alla politica, combinato con le questioni a cui tengono di più, negli ultimi anni ha portato i giovani a votare più frequentemente per i democratici e le politiche progressiste rispetto alle generazioni precedenti quando avevano la stessa età – come hanno fatto le recenti elezioni in Kansas, Michigan e Wisconsin mostrato.

Nel referendum sull’aborto dello scorso anno in Kansas, ad esempio, le donne sotto i 30 anni si sono presentate al voto con una percentuale del 41% e hanno contribuito a far vincere i favorevoli all’aborto. Un simile referendum sull’aborto nel Michigan ha portato l’affluenza alle urne dei giovani a metà mandato al 49% e il 69% degli elettori di età inferiore ai 30 anni ha votato per inserire la protezione del diritto all’aborto nella costituzione dello stato rispetto a solo il 52% degli elettori di età pari o superiore a 30 anni. Gli elettori del Michigan hanno eletto la maggioranza democratica in entrambe le camere statali per la prima volta da anni e hanno rieletto il loro governatore, procuratore generale e segretario di stato democratico.

Sebbene storicamente gli elettori americani abbiano avuto la tendenza a diventare in qualche modo più conservatori man mano che invecchiano, nessuno dovrebbe aspettarsi che questi schemi di voto cambino drasticamente. Circa il 48% degli elettori della Generazione Z si identifica come una persona di colore, mentre i boomer che stanno sostituendo nell’elettorato sono per il 72% bianchi.

Gli elettori della Generazione Z sono sulla buona strada per diventare il gruppo più istruito della nostra storia e la maggior parte dei laureati ora sono donne. Poiché la partecipazione al voto é correlata positivamente con l’istruzione, ci si può aspettare che le donne parlino con voce più forte nelle prossime elezioni.

Gli elettori della generazione Z sono molto più propensi a citare la fluidità di genere come un valore e elencano il razzismo tra le loro maggiori preoccupazioni. Inoltre, sono la generazione meno religiosa della nostra storia. Non c’è da stupirsi se in alcune parti del GOP si discute alzando l’ età per votare a 25 anni, e tra alcuni democratici abbassandola a 16 !Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

Ci sono lezioni – e avvertimenti – per entrambe le parti. Per i repubblicani, il messaggio é ovvio: ascolta le voci di questo gruppo di elettori che presto diventerà dominante mentre formuli le tue politiche su clima, aborto, armi, assistenza sanitaria, inclusione e tutto il resto.

A differenza di alcuni elettori più anziani, ascoltano ciò che dici e come lo dici. Cambia il tuo linguaggio e il tuo stile dall’identità maschile assoluta di “Never Back Down” e “Where Woke Goes to Die” a parole di comunità, amministrazione, condivisione e collaborazione.

Questo é il nuovo patriottismo e i giovani elettori credono che questo approccio risolverà i problemi in modo più efficace rispetto a quanto visto negli ultimi due decenni.

Ci sono messaggi duri anche per i Democratici. Incontra i giovani elettori dove sono: sui social media, non sui telegiornali. Rendi i tuoi messaggi brevi, divertenti e in qualche modo sarcastici ma allo stesso tempo autentici e seri. Il tuo obiettivo dovrebbe essere prima i problemi, poi i problemi, i candidati terzi e l’identità del partito mai.

Un’ultima parola di avvertimento: entrambe le parti dovrebbero preoccuparsi dei giovani elettori che abbracciano candidati di terze parti. Le elezioni passate mostrano che gli elettori della Gen Z cercano candidati più a lungo e rispondono favorevolmente a volti nuovi e candidati orientati al problema. A loro piace combinare il loro attivismo con il loro voto e non si sentono vincolati dalla lealtà di partito. E non riescono a ricordare Ross Perot, Ralph Nader e nemmeno Jill Stein.

Sospettiamo che entrambe le campagne conoscano la maggior parte o tutto ciò che abbiamo scritto qui. L’abitudine potrebbe impedire loro di agire di conseguenza, ma hanno questi numeri. In una delle grandi ironie della vita, il gruppo che non lo sa sono i giovani elettori. Si considerano ignorati, impotenti ed emarginati a favore di grandi soldi e boomer urlanti. Ma nel corso del prossimo anno, lo scopriranno.

La Gen Z si stancherà di aspettare che Washington si unisca per risolvere i problemi, afferrerà il microfono nazionale e deciderà la corsa presidenziale del 2024.Presidenziali Usa: fra Biden e Trump deciderà la generazione Z

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3468 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
34 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
13 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
11 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
2 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS