HomeRisvoltiPrigozhin e Putin: sangue chiama sangue

Prigozhin e Putin: sangue chiama sangue

Ci sono una cupa disperazione e l’incubo di una fine violenta al culmine dell’avvitamento dell’ennesima plateale vendetta compiuta da Vladimir Putin nei confronti del suo massacratore di popoli preferito Eugeny Prigozhin, che aveva osato inscenare una rivolta.

Prigozhin e Putin: sangue chiama sangue
Putin e Prigozhin

Già da anni considerato fra i più crudeli personaggi storici, con l’esecuzione del fondatore del gruppo mercenario Wagner, Putin é balzato nel gruppo che guida la mostruosa classifica degli orrori, assieme a  Hitler, Stalin, il Generale giapponese Tōjō, l’haitiano Duvalier, Saddam Hussein, Osama bin Laden, Gheddafi e forse anche Nerone.

Sconvolgenti i riscontri che rivelano la mano di Putin dietro l’ultima, o penultima, vendetta: l’aereo del capo mercenario é stato abbattuto o fatto precipitare  nei pressi di Kuzhenkino a circa 200 miglia a nord-ovest di Mosca nello stesso giorno e alla stessa ora dell’anniversario bimestrale della marcia sula capitale russa della Wagner, che si fermò appunto a 200 miglia dal Cremlino.Prigozhin e Putin: sangue chiama sangue

Secondo i tracciamenti radar del volo, l’aereo non ha mostrato segni di problemi fino a quando non è caduto precipitosamente negli ultimi 30 secondi. Il modello di jet executive brasiliano Embraer Legacy 600 precipitato ha registrato solo un incidente in oltre 20 anni di servizio e non è stato dovuto a un guasto meccanico.

Il Cremlino finora non ha commentato quello che viene etichettato come un incidente aereo e lo stesso Putin non ne ha fatto menzione durante un discorso a Mosca in occasione dell’80° anniversario della vittoria nella battaglia di Kursk durante la seconda guerra mondiale, ma da Washington a Londra a Bruxelles ci si attende che la propaganda di regime possa perfino attribuirlo al solito Occidente per fare ricadere la colpa sul Presidente russo.

Per i vertici ucraini si è trattato di un evidente  “segnale di Putin alle élite russe in vista delle elezioni del 2024. Come dire: Attenzione! La slealtà equivale alla morte”.

Prigozhin e Putin: sangue chiama sangue
L’aereo in fiamme e l’ultima foto in Africa di Prigozhin

Sul The Guardian la deputata britannica Alicia Kearns, Presidente della commissione per gli affari esteri, ha dichiarato: “La velocità con cui il governo russo ha confermato che Yevgeny Prigozhin era su un aereo precipitato dovrebbe dirci tutto ciò che dobbiamo sapere. I rapporti della difesa aerea russa che ha abbattuto l’aereo suggeriscono che Putin stia inviando un messaggio molto forte”.

Sempre sul The Guardian, Pavel Luzin, un esperto del think tank statunitense Center for European Policy Analysis, ha affermato che, indipendentemente dal fatto che “questo evento dimostra che l’élite russa non é unita, che le contraddizioni all’interno del Cremlino stanno crescendo, che il coordinamento tra diversi rami della leadership russa sono davvero pessimi. Alla fine, se Vladimir Putin è così potente, perché non ha arrestato Prigozhin?”.

Prigozhin e Putin

Mentre Sviatlana Tsikhanouskaya, la leader in esilio dell’opposizione della Bielorussia non dimentica le colpe di Prigozhin: “Era un assassino e dovrebbe essere ricordato come tale”, ha detto.

A San Pietroburgo, il palazzo della sede del gruppo Wagner  ha illuminato tutte le sue finestre in modo tale da formare una croce gigante in segno di  lutto. Ma il futuro della brigata mercenaria, che fino a giugno ha svolto un ruolo di primo piano nella guerra in Ucraina ed in Africa, rimane poco chiaro. E non appare verosimile che i componenti possano tentare a loro volta di vendicarsi contro i nuovi possibili finanziatori e datori di lavoro.

Ed ora, ci si chiede, cosa succederà a Mosca e sul fronte ucraino? Si prevede che i  contraccolpi non tarderanno. Come diceva Eschilo, “I malvagi che hanno successo sono insopportabili.”

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS