Putin è un assassino: parola del Presidente Usa Biden

0
1433
Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden
Condividi

Putin è un’assassino e pagherà anche le interferenze nelle elezioni presidenziali americane del 2020 e per quelle del 2016″.

Il mondo ha trattenuto il fiato quando i media hanno diffuso queste parole del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Accuse gravissime e pesanti quasi come una dichiarazione di guerra rivolte al Presidente di lungo corso tutt’altro che democratico di una superpotenza nucleare come la Russia, Vladimir Putin.

Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden
Vladimir Putin

“Ma davvero lei pensa che Putin sia un killer? “Sì, ha tentato di assassinare il leader dell’opposizione Aleskey Navalny ” ha risposto sicuro il Presidente Usa Biden ad una domanda specifica nell’intervista a Good Morning America, trasmessa dalla rete televisiva Abc.

Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden
Navalny arrestato al rientro a Mosca dopo il fallito tentativo di avvelenarlo e il lungo ricovero in Germania

Parole e accuse inequivocabili quelle di Joe Biden che ha commentato il rapporto di intelligence appena declassificato secondo il quale Putin avrebbe diretto la campagna di disinformazione russa tesa a colpire l’allora candidato democratico. Ed alla domanda su quali saranno le conseguenze, il Presidente americano ha risposto: “lo vedrete a breve”.Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden

Nell’intervista Biden ha fatto riferimento al colloquio telefonico avuto con il Presidente russo dopo il suo insediamento: “abbiamo avuto un lungo colloquio, lo conosco relativamente bene – ha detto il capo della Casa Bianca, che ha avuto rapporti con Putin quando era vice Presidente di Barack Obama – e la nostra conversazione è iniziata così: ‘Io ti conosco e tu mi conosci, se stabilisco che questo è successo, allora preparati”.Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden

La conferma delle nuove interferenze elettorali di Mosca è arrivata con il rapporto pubblicato nei giorni scorsi dall’Office of Director of National Intelligence, in cui si afferma che sia la Russia che l’Iran hanno cercato di interferire, anche se non ci sono prove che abbiano cercato di cambiare i risultati elettorali. Anche la Cina aveva valutato un’operazione di disinformazione, ma poi avrebbe rinunciato.Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden

Il rapporto è un atto d’accusa direttamente rivolto a Putin: “Abbiamo stabilito – si legge nel documento – che il presidente russo ha autorizzato diversi apparati spionistici di Mosca a condurre un’operazione di influenza tesa a minare la candidatura del Presidente Biden e il partito democratico, sostenendo l’ex Presidente Trump, minando la fiducia pubblica nel processo elettorale ed esacerbando le divisioni negli Stati Uniti”.

Il capo della Casa Bianca non ha specificato le possibili punizioni, ma ha aggiunto che « che Washington può nello stesso tempo camminare e masticare un chewing gum »intendendo che pur adottando misure nei confronti di Mosca, manterrà “spazio per lavorare insieme dove ci sono aree di reciproco interesse”, come il rinnovo dell’accordo Start sul nucleare.

Preoccupa ora la duplice reazione del Cremlino, che si prevede ufficiale e sotterranea. Affidata cioè oltre che alle proteste pubbliche alle ritorsioni e alle vendette occulte dello spionaggio.

Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden
Putin e i vertici militari e dell’intelligence della Russia

La Russia ha intanto temporaneamente richiamato il suo ambasciatore negli Stati Uniti,  mentre per il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, le accuse degli Stati Uniti sulla presunta interferenza nelle elezioni presidenziali del 2020, “sono prive di fondamento, di prove, sono sbagliate, ben lontane dall’essere sostanziali e sono usate come scusa per introdurre la questione di nuove sanzioni contro il nostro Paese”. Queste accuse inoltre “danneggiano le relazioni bilaterali già sofferenti e scoraggiano gli sforzi politici per uscire da questa impasse”, ha aggiunto il portavoce del Cremlino.

“Putin è il nostro Presidente e gli attacchi contro di lui sono un attacco alla Russia, attacchi contro il nostro Paese” ha dichiarato all’unisono il Presidente della Duma di Stato, Vyacheslav Volodin.

Resta il fatto che neanche nei confronti di Stalin mentre era in carica sono state mai mosse accuse così gravi, anche se la storia e le ammissioni degli stessi ex  leader sovietici hanno confermato che al più famoso dei predecessori di Putin al Cremlino sono addebitabili diverse migliaia di omicidi politici e la deportazione in Siberia di milioni di persone.

Putin è un assassino parola del presidente Usa Biden

Facebook Comments
Condividi