HomeCyber IntelligenceRegime d'intelligence totale: l'enigma Cina

Regime d’intelligence totale: l’enigma Cina

L’impenetrabile cyber dittatura cinesegence-totale-lenigma-cina-Enigma Cina. Non si sa da dove iniziare e quando si finirà di parlarne. Dal mistero delle origini antropologiche, che recenti scoperte fanno risalire allo sfuggente preistorico homo di Denisova, all’impenetrabilità  del regime comunista che dal  1 ottobre del 1949 esercita un potere assoluto sul miliardo e quasi quattrocento milioni di cinesi.

Un regime comunista mutante, ultimo erede degli orrori delle dittature comuniste del  XX° secolo. Mutazione caratterizzata dalla illimitata accentuazione del controllo del partito su tutto e su tutti. Dai cinesi in patria ai cinesi all’estero.Sottovalutata dall’intelligence occidentale dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la Cina ha avuto il tempo di crescere fino a raggiungere una sostanziale parità strategica e finanziaria,  trasformandosi in una ermetica potenza nucleare, economica e militare in grado di violare e decrittare  i sistemi di cyber sicurezza più sofisticati, col vantaggio di non subire analoghi attacchi cibernetici.

La muraglia cinese quasi invalicabile per l’intelligence occidentale è rappresentata dai pittogrammi complessi e dagli ideogrammi polisillabici della lingua cinese. Una lingua unica al mondo che non ha nulla da spartire col giapponese o il coreano, che potrebbero sembrare uguali, e che dunque presenta il problema della reperibilità di computer originali e delle tastiere in cinese.regime-dintelligence-totale-lenigma-cinaCome se non bastasse il Governo di Pechino sta per fare approvare una nuova legge sulla sicurezza che trasforma l’ex Celeste Impero in un Paese totalmente ed esclusivamente nelle mani dell’intelligence militare e politica, che coincide col Partito Comunista Cinese. Una dittatura nella dittatura mai cosi longeva nella storia.

La proposta di legge – secondo quanto pubblicato dal South China Morning Post – fa cadere ogni ipocrita apparenza giuridica e formalità processuale ed allarga fortemente i poteri dell’intelligence cinese, consentendo ai servizi di sicurezza di condurre azioni dentro e fuori dai confini nazionali e di indagare individui, cinesi o stranieri, o anche istituzioni che si ritenga mettano a rischio la sicurezza nazionale.regime-dintelligence-totale-lenigma-cinaSecondo il testo pubblicato dal Congresso nazionale del Popolo, lo scopo dichiarato della nuova normativa è quello di amplificare il lavoro dell’intelligence, con un occhio particolare alla cyber sicurezza. Le spie cinesi potranno intercettare, mettere in atto la sorveglianza elettronica e filmare clandestinamente gli obiettivi. Inoltre, potranno entrare nelle aree ristrette, ispezionare veicoli, creare relazioni cooperative con individui e organizzazioni.

Secondo il Global Times, testata del Partito comunista cinese,  la nuova legge “non solo migliorerà l’esercizio della legalità, ma farà capire ai cittadini come sostenere il lavoro della sicurezza nazionale e dal momento che la Cina è oggi più aperta al mondo, i cittadini cinesi devono sempre tenere in mente la sicurezza nazionale quando comunicano degli stranieri”. elligence-totale-lenigma-cina

Una totale ufficializzazione di come in Cina ha da sempre operato l’ Mss, il Ministero per la Sicurezza dello Stato, ma soprattutto una definitiva legittimazione dell’imposizione dell’obbligatorietà all’attività di spionaggio per le comunità cinesi all’estero.

Obbligatorietà di intelligence alla quale i cinesi all’estero si sono adeguati. Fin dal cosiddetto ponte fiorito, il fiume di brevetti e progetti tecnologici trafugati e di rimesse popolari internazionali che intorno al 1990, dopo il disastro economico della rivoluzione culturale e senza alcun apporto finanziario statale di Pechino, consentirono di avviare le cosiddette quattro modernizzazioni.regime-dintelligence-totale-lenigma-cina-centro-confucioMentre attualmente, oltre  al tradizionale ponte fiorito ormai di routine, allo spionaggio  diretto e ai sistemi di acquisizione e penetrazione economica, viene alternato il  soft power culturale delle centinaia di centri Confucio che operano in tutto il mondo. In Italia se ne contano al momento 13, da Torino a Venezia, da Milano a Roma, da Bologna a Napoli e ad Enna.

Enigma cinese dunque irrisolvibile? Dipende. Secondo Jorge Luis Borges “L’unico enigma é il tempo. Quell’infinita trama di ieri, oggi e domani, del sempre e del mai.”

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3498 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3498 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS