Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

0
240
Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea
Condividi

Pubblichiamo la sintesi delle analisi di Times Guardian e Daily Mail sulle cause della rovinosa sconfitta di Jeremy Corbyn e del Labour Party nelle recenti elezioni politiche inglesiRiflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

 

Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europeaNelle prossime settimane, i commentatori verseranno torrenti di inchiostro scrutando i risultati. Ma se vuoi una spiegazione molto semplice delle elezioni, è questa. Nel profondo, siamo una nazione conservatrice patriottica e di piccole dimensioni. Siamo cauti, scontrosi e sospettosi del cambiamento, ma siamo anche onesti, pragmatici e tolleranti alle differenze.

Odiamo essere patrocinati, nanificati e aver detto cosa fare. Disprezziamo l’ideologia, non ci piace essere corrotti e odiamo essere presi in giro. Disprezziamo i bigotti e i bulli, anche quando si travestono da martiri di mentalità elevata. E anche se ci piace lamentarci, nessuno dovrebbe dubitare che amiamo il nostro paese.

Jeremy Corbyn non l’ha mai capito. Boris Johnson l’ha fatto. E questo, soprattutto, è il motivo per cui ha vinto.Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

 

Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

Caos e abbattimento all’interno del quartier generale del partito Laburista per il peggior risultato elettorale in quasi 90 anni provocato da una campagna caotica e disfunzionale.

Accuse e recriminazioni hanno iniziato a emergere nella notte del fallimento della leadership con il dito della colpa puntato su Jeremy Corbyn e sui suoi due collaboratori più stretti:  Karie Murphy e Seumas Milne. Mentre il partito crollava al livello più basso dal 1935,  per i  commentatori  il fallimento é da addebitarsi ad  “un’area grigia tra incompetenza e cospirazione”.Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

 

Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

Il Labur Party sta affrontando il travaglio di una sconfitta storica. Gli addetti ai lavori la imputano alla mancanza di attenzione strategica, confusione di leadership e affermano che Corbyn si era quasi arreso nell’ultima settimana.

Un ex parlamentare esasperato si è lamentato del fatto che nell’ultima settimana della campagna Corbyn ha quasi rinunciato alla lotta, e i suoi consiglieri stavano cominciando a cercare un successore di sinistra per mantenere viva la fiamma.

A pochi minuti dal catastrofico primo sondaggio della clamorosa sconfitta, sono iniziate le recriminazioni, con molti candidati laburisti sconfitti che hanno puntato il dito sull’impopolarità di Corbyn, in particolare tra gli elettori della classe operaia.

L’ex ministro del gabinetto Alan Johnson si è lamentato del fatto che Corbyn “non poteva guidare la classe operaia con un sacco di carta”.

Nel frattempo, gli alleati di Corbyn hanno rapidamente dato la colpa alla posizione sulla Brexit del partito, sottolineando il fatto che le perdite del Labour sono state maggiori nei posti dove il tema è stato meno affrontato.

Il presidente del partito, Ian Lavery, ha dichiarato: “Ignora la democrazia e, ad essere sinceri, le conseguenze torneranno e ti morderanno sul retro”.Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

Nelle prossime settimane, su queste polemiche si combatterà la battaglia per il futuro del partito laburista. Le candidature per la leadership e la vice direzione stanno per essere ufficializzate, dopo che Corbyn ha dichiarato che si dimetterà , anche se molto probabilmente all’inizio del nuovo anno.

È probabile che sia una delle diverse figure senior a fare un’offerta per assumere la leadership del partito e il compito di ricostruire la sua reputazione nelle comunità della classe operaia. Altri contendenti probabili includono Rebecca Long-Bailey, Angela Rayner, Jess Phillips e Lisa Nandy.

I commentatori politici addebitano la sconfitta del Labur allo scontro tra ego, messaggi confusi e una irritante mancanza di chiarezza sia sulla pianificazione quotidiana, sia su dove si trovi il campo di battaglia del partito.

Molti alleati di Corbyn in posizioni chiave si sono lamentati amaramente quando i funzionari del partito, incluso il capo dell a campagna elettorale Patrick Heneghan, avevano impedito loro di condurre una campagna offensiva. Alcuni credevano che un approccio più aggressivo, spingendosi in avanti nei seggi detenuti da Tory, avrebbe potuto far loro vincere le elezioni.Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

Il manifesto snello del 2017 – e il suo slogan “Per molti, non pochi” – è stato abbandonato a favore di un documento più pesante e di diversi opuscoli sussidiari sulla nazionalizzazione, il potenziamento degli investimenti e una serie di altre politiche.

Invece della temibile disciplina dei messaggi dei Tories, che vedeva il loro slogan “fare Brexit” martellato a casa in ogni occasione, il Labour sembrava passare da una questione all’altra. Il nuovo slogan – “È tempo di un vero cambiamento” – è apparso anche più nebuloso rispetto precedente.

“Un giorno parliamo dei diritti dei lavoratori; il giorno dopo parliamo di pensioni; il giorno dopo stiamo parlando della banda larga gratuita. È pick and mix “, ha detto un insider.

Come per sottolineare il cambio della guardia, Andrew Fisher, che è stato al fianco di Corbyn sin dai suoi primi giorni come leader, venerdì sera ha inviato un’email ai colleghi per dire che era il suo ultimo giorno in ufficio, dicendo loro: “ Qualunque siano gli esiti, dovresti essere molto orgoglioso del tuo lavoro e del tuo contributo.”

Lo staff del lavoro ha scherzato all’inizio della campagna elettorale generale che per loro significava “Downing Street o il sussidio “. Venerdì pomeriggio era chiaro che per alcuni era probabile che fosse quest’ultimo.Riflessi della sindrome di Corbyn sulla sinistra europea

Facebook Comments
Condividi