Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

0
237
Putin lancia il vaccino bluff o scoop
Condividi

 

Pubblichiamo il reportage del Washington Post sugli scenari scientifici della corsa alla sperimentazione del vaccino anticovid-19Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

Un vaccino contro il coronavirus non cambierà subito il mondo. Le crescenti speranze per una svolta immunitaria possono anzi innescare la resistenza alle semplici strategie di riduzione del contagio.

Nell’immaginazione pubblica, l’arrivo di un vaccino contro il coronavirus ha il risvolto della favola hollywoodiana a lieto fine che azzera la cupa e angosciante incertezza della vita quotidiana in una pandemia.Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

Gli esperti temono che le speranze per un vaccino possano salire troppo in alto. La rappresentazione fiduciosa dei politici e delle aziende secondo cui un vaccino è imminente può dare alle persone convinzioni non realistiche su quanto presto il mondo possa tornare alla normalità – e persino suscitare resistenza a semplici strategie che possono ridurre la trasmissione e salvare vite a breve termine.

La scorsa settimana due vaccini contro il coronavirus sono entrati nelle fasi finali dei test sull’uomo, un record di velocità scientifica che ha spinto i principali funzionari della sanità dell’Amministrazione a pronunciare parole come ” storico ” e ” stupefacente “.Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

A luglio i dirigenti farmaceutici hanno previsto al Congresso che i vaccini potrebbero essere disponibili fra ottobre e la fine dell’anno.

Man mano che la notizia dell’imminenza del vaccino  avanza, crescono anche le aspettative: arriverà il vaccino, la pandemia finirà e tutti potranno buttare via le maschere. Ma gli scenari migliori non si sono concretizzati in tutta la pandemia e gli esperti – che credono con tutto il cuore nel potere dei vaccini – prevedono un lungo cammino da percorrere.

“Mi sembra improbabile che un vaccino sia un interruttore o un pulsante di ripristino in cui torneremo ai tempi pre-pandemici”, ha affermato Yonatan Grad, assistente della cattedra di malattie infettive e immunologia presso la Harvard TH Chan School di sanità pubblica.Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

Oppure, come afferma la virologa della Columbia University Angela Rasmussen, “Non è che atterreremo a Oz”.

La dichiarazione che un vaccino si è dimostrato sicuro ed efficace sarà un inizio, non una fine. La distribuzione del vaccino a persone negli Stati Uniti e in tutto il mondo metterà alla prova e metterà a dura prova le reti di distribuzione, la catena di approvvigionamento, la fiducia pubblica e la cooperazione globale. Ci vorranno mesi o, più probabilmente, anni per raggiungere abbastanza persone per rendere il mondo sicuro.

Per coloro che ricevono un vaccino non appena le dosi sono disponibili, la protezione non sarà immediata: ci vogliono settimane perché il sistema immunitario richiami truppe complete di anticorpi anti-malattia. E molte tecnologie vaccinali richiederanno una seconda somministrazione, settimane dopo la prima per aumentare le difese immunitarie.

L’immunità può essere di breve durata o parziale, e richiedere ripetuti richiami che mettono a dura prova l’offerta di vaccini o richiedono alle persone di mantenere le distanze sociali e indossare maschere anche dopo aver ricevuto le loro vaccinazioni.Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

E se un vaccino funziona meno bene per alcuni gruppi di persone, se una fascia della popolazione è riluttante a prendere un vaccino o se non c’è abbastanza per andare in giro, alcune persone si ammaleranno anche dopo che gli scienziati dichiarano la vittoria su un vaccino – che potrebbe favorire una falsa impressione che non funzioni.

Solo un vaccino collaudato cambierà profondamente la relazione che il mondo ha con il nuovo coronavirus e in questo caso secondo la maggior parte di esperti la pandemia finirà.

Nella concezione popolare, un vaccino è considerato un proiettile d’argento. Ma la verità – specialmente con i primi vaccini – è probabilmente molto più sfumata. Gli esperti di sanità pubblica temono che ciò possa portare alla delusione ed erodere la già delicata fiducia essenziale per far sì che gli sforzi per sconfiggere il virus abbiano successo.

L’impulso a sviluppare vaccini è spesso caratterizzato come una gara, con un paese o un’azienda in testa. La metafora della gara suggerisce che ciò che conta è chi arriva per primo al traguardo. Ma il primo ad attraversare la linea non è necessariamente il migliore – e quasi certamente non è la fine della gara, che potrebbe andare avanti per anni.

“Lo scenario realistico sarà probabilmente più simile a quello che abbiamo visto con l’ HIV / AIDS “, afferma Michael S. Kinch, esperto di sviluppo di farmaci e ricerca presso la Washington University di St. Louis.

“Con l’HIV, abbiamo avuto una prima generazione di farmaci che col senno di poi possiamo definire piuttosto mediocri. Temo – e alla gente non piace sentirlo, ma lo sto predicando costantemente – dobbiamo prepararci all’idea di non avere un vaccino molto buono. Suppongo che la prima generazione di vaccini possa essere mediocre. “Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

l 12 aprile 1955, un vaccino contro la poliomielite fu dimostrato efficace e sicuro. Il suo inventore, Jonas Salk , divenne un eroe nazionale. Suonarono le campane della chiesa e la gente corse per le strade per abbracciarsi, scrisse Howard Markel, storico medico dell’Università del Michigan.

Ma ci sono stati dei dossi lungo la strada, anche quando scienziati e autorità di sanità pubblica hanno cercato di contrastare una malattia che rappresentava la più grande minaccia per i bambini.

L ‘” incidente con Cutter ” divenne un momento famigerato in medicina, quando nella somministrazione, uno degli elementi del vaccino non riuscì a inattivare completamente il virus infettando circa 40.000 bambini, paralizzando 51 e uccidendone cinque.

Quelle infezioni hanno seminato la propria epidemia , paralizzando altre 113 persone e uccidendo altre cinque persone.

“La cosa incredibile è che è stato solo un blip. Per i genitori medici e scienziati erano così affidabili che le vaccinazioni proseguirono “, ha detto Markel.

La vaccinazione Salk è stata un momento di trasformazione, ma non è stata anche la fine della poliomielite. Nel corso di due anni, i casi negli Stati Uniti sono diminuiti dell’80% , ma i focolai sono continuati per diversi anni , anche quando il vaccino è stato lanciato. Sei anni dopo, fu introdotto un vaccino orale contro la poliomielite che poteva essere somministrato come zolletta di zucchero che si dissolveva nelle lingue dei bambini. La polio è stata eliminata negli Stati Uniti nel 1979.

Ma il vaccino contro la poliomielite è arrivato in un momento distinto della storia americana, ha detto Markel, quando le persone avevano grande fiducia che scienziati, medicine e istituzioni governative potessero cambiare la propria vita in meglio. Per il coronavirus, una battuta d’arresto relativamente piccola – una cattiva comunicazione sui vaccini, un spiacevole effetto collaterale, un candidato tanto sperato che fallisce in ampi studi clinici o un vaccino che è solo parzialmente protettivo – potrebbe avere effetti fuori misura, specialmente con attivisti che stanno già lavorando per seminare diffidenza.

Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus
Anthony Fauci

Anthony S. Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Malattie infettive, ha testimoniato venerdì prima del Congresso di essere “cautamente ottimista” che uno studio clinico di Fase 3 di 30.000 persone, appena iniziato, produrrà un vaccino efficace. Ma si è parlato poco di come pensare ai fallimenti, anche se quelli sono una parte inevitabile della scienza.

“Cosa succede se qualcuno di loro fallisce un processo di Fase 3 – le persone si arrenderanno? Sarà come entrare nell’inferno di Dante?” Dice la virologa Columbia Rasmussen. “Sono davvero preoccupata che le persone abbiano fatto affidamento su questa speranza che un vaccino sistemerà tutto e che i vaccini non siano perfetti, proprio come qualsiasi tipo di terapia. Falliscono.”

Tutti i vaccini approvati devono essere dimostrati sicuri ed efficaci, ma ciò non significa che abbiano lo stesso effetto. Il vaccino contro il morbillo è uno dei migliori – efficace al 98% nella prevenzione delle malattie. Ma il vaccino antinfluenzale è efficace nella maggior parte degli anni dal 40 al 60 percento. E alcuni vaccini funzionano meno bene in gruppi di persone: le persone anziane, ad esempio, hanno risposte immunitarie meno robuste e hanno bisogno di un vaccino antinfluenzale ad alte dosi speciale o di uno con un ingrediente aggiuntivo chiamato adiuvante.

I responsabili sanitari statunitensi richiederanno che un vaccino contro il coronavirus sia efficace al 50% , e se una somministrazione  cancella a malapena un focolaio l’educazione pubblica sarà ressenziale per aiutare a comunicare quante persone hanno bisogno di vaccinarsi per stabilire l’immunità di gregge – una soglia entro la quale la maggior parte della popolazione è immune, il virus è veramente domato e la diffusione arrestata.

“Se ricevi un vaccino che soddisfa solo le linee guida, è probabile che non sarai in grado di ottenere l’immunità di gregge”, ha dichiarato Walter Orenstein, direttore associato dell’Emory Vaccine Center. “Si riduce sostanzialmente la trasmissione. Si riduce il rischio di essere esposti, ma non elimina il virus. Ma un vaccino efficace al 50 percento è molto meglio del vaccino efficace allo zero percento. Lo prenderei. “

Anche la parola “efficace” sarà analizzata dagli esperti e potrebbe essere necessario spiegarla attentamente. L’obiettivo è che un vaccino prevenga del tutto le infezioni. Ma questa non è l’unica definizione di un vaccino di successo, che potrebbe anche includere somministrazioni che riducono la gravità dei sintomi che le persone sperimentano. Idealmente, un vaccino farebbe entrambi. Ma ciò che accade nella vita reale influenzerà le decisioni su chi dovrebbe ottenere prima il vaccino.

“Parliamo di far funzionare qualcosa e la salute pubblica dipende molto dal pubblico”, ha dichiarato Natalie E. Dean, biostatista dell’Università della Florida. “Puoi far funzionare qualcosa perfettamente in laboratorio, ma è tutta un’altra cosa per farlo funzionare nella comunità. “Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

Un vaccino che riduce principalmente la gravità della malattia potrebbe essere diretto alle persone anziane e ad altri a maggior rischio per i risultati peggiori. Uno che previene bene le infezioni, ma forse non funziona così tanto nelle persone anziane, potrebbe essere indirizzato alla popolazione più giovane per cercare di proteggere le persone anziane.

L’efficacia del vaccino influenza anche quante persone hanno bisogno per ottenerlo per raggiungere l’immunità della mandria.

Paul A. Offit, direttore del Vaccine Education Center presso l’ospedale pediatrico di Filadelfia, ha attraversato uno scenario retroattivo con un risultato ottimistico: affermare che un vaccino è efficace al 75% per impedire alle persone di eliminare il virus e passarlo sopra. Vaccinare anche alcune persone rallenterà la diffusione, con i maggiori effetti che emergono se le prime dosi sono indirizzate alle persone giuste. Ma ha stimato che sarebbe necessario vaccinare i due terzi della popolazione per raggiungere l’immunità di gregge.

“Il vaccino sarà un lancio, non un rombo di tuono”, ha detto Andrew Noymer, un epidemiologo dell’Università della California a Irvine.Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

La comunicazione pubblica dovrà essere sfumata,  ed è essenziale che i leader diano  esempi responsabili. Il Presidente Trump, in grado di trarre vantaggio elettorale dai test quotidiani con tempi di consegna rapidi per un ipotetico vaccino, non ha modellato fino a poco tempo fa le precauzioni essenziali che gli esperti di sanità pubblica hanno che la nazione doveva osservare, aiutando con ciò a seminare confusione sulle maschere.

Le star dello sport e le celebrità sembrano avere un accesso più facile ai test rispetto alle masse durante la pandemia. Se tali disuguaglianze si verificano con i vaccini, possono dare alle persone una falsa fiducia in ciò che è sicuro.

La ricerca di un vaccino ha convinto molti scienziati che il successo è possibile. Ma se la promessa di un vaccino penzola come una carta al vento, è possibile che il mondo non faccia abbastanza per costruire tutti gli altri strumenti – trattamenti, test, ricerca dei contatti – necessari per tornare alla comleta normalità.

“C’è un focus molto miope su questa piccola parte della risposta alle epidemie, che è la ricerca e lo sviluppo”, ha detto Dean, dell’Università della Florida.

Speranze e illusioni sul vaccino anti coronavirus

Facebook Comments
Condividi