HomeRisvoltiTregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev

Tregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev

Ucraina e Medio Oriente, il pendolo del pericolo più grave del doppio incubo dell’Occidente sta raggiungendo una sincronia in bilico sulle tragedie e i massacri dei popoli: ucraini, israeliani e palestinesi. Una sincronia che, si spera, sia caratterizzata nelle prossime ore da un momento di tregua per Gaza.

Sul fronte del Donbass, pur di avanzare di qualche chilometro e offrire a Putin l’alibi di un successo militare da ostentare alla parata del 9 maggio a Mosca per l’anniversario della vittoria nella seconda guerra mondiale, l’armata russa non ha esitato a utilizzare armi chimiche. Tregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev

Lo provano i rilevamenti atmosferici analizzati dagli Stati Uniti e che attestano la presenza degli agenti soffocanti della cloropicrina e di gas CS e CN, che provocano lacrimazione e bruciore, difficoltà a tenere gli occhi aperti e difficoltà respiratorie.

“L’uso di tali sostanze chimiche proibite dalle convenzioni internazionali e dalle Nazioni Unite non é un incidente isolato, ma ha il preciso scopo di snidare le truppe ucraine dalle posizioni fortificate” altrimenti inespugnabili ha denunciato il Dipartimento di Stato americano.

La minaccia di una ben più imponente avanzata russa ha mobilitato, oltre agli Stati Uniti che proseguono il gigantesco ponte aereo per il trasferimento di armamenti a Kiev, anche la Francia e la Gran Bretagna.

Macron: la Francia impedirà che Putin uccida anche l’Europa
Emmanuel Macron

Il Presidente francese Macron ha ribadito che é pronto ad inviare truppe in Ucraina, mentre il Ministro degli esteri inglese Cameron ha affermato che i missili a lunga gittata e i caccia bombardieri di ultima generazione britannici, forniti alle forze di Zelensky, possono essere utilizzati per colpire le truppe e le basi militari di Mosca sul territorio russo.

Una doppia sfida per Putin da parte di due potenze nucleari, in grado di rispondere ad eventuali minacce atomiche, che costringe il Cremlino ad un conflitto esclusivamente convenzionale. Uno scontro sempre più cruento fra gli arsenali sostanzialmente post sovietici,  e i sofisticati armamenti anglo francesi, statunitensi e della Nato.

Tregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev
Zelensky e Cameron

La visita a Kiev dell’ex Premier britannico e titolare del Foreign Office  ha aggiunto, riservatamente, un ulteriore considerevole apporto di intelligence e di assistenza strategica diretta da parte di Londra.

Nella martoriata striscia di Gaza continua il braccio di ferro sulla tregua fra Hamas e il Premier israeliano Netanyahu. Un braccio di ferro sulla pelle dei palestinesi, utilizzati come scudi umani dal gruppo terroristico.

Strumentalizzata da una subdola propaganda antisemita, alla quale non sono estranei gli interventi social e cibernetici russi e cinesi, la  tragedia del popolo palestinese sta tracimando in una protesta studentesca mondiale. Tregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev

Una protesta che paradossalmente aggrava l’odissea dei palestinesi perché prolunga il rifiuto di Hamas di liberare gli ostaggi israeliani sopravvissuti e accettare il cessate il fuoco. Con il concreto rischio di provocare un bagno di sangue ed accelerare l’entrata delle truppe israeliane a Rafah considerato l’ultimo rifugio a Gaza dei terroristi islamici.

“L’unico ostacolo che si frappone tra la popolazione di Gaza e il raggiungimento di un accordo per il cessate il fuoco é Hamas, i cui leader vivono ovviamente fuori dalla striscia” ha denunciato il Segretario di Stato americano Antony Blinken che da mesi sta tessendo pazientemente le trattative con Israele nell’ambito della mediazione con Hamas di Egitto e Qatar.

Tregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev
Antony Blinken

Un’affermazione netta quella di Blinken che sottolinea il momento delicato e cruciale: da una parte il gruppo terroristico che continua a tergiversare e dall’altra Netanyahu che intende invadere Rafah, a prescindere dagli esiti dei negoziati. Un attacco che secondo il Segretario di Stato Usa “ causerebbe danni oltre l’accettabile”.

Anche se nelle prossime ore si dovesse raggiungere un compromesso per la tregua e la liberazione degli ostaggi, resta comunque la collisione fra i vari estremismi irredimibili. Una collisione conflittuale che da millenni é la maledizione del Medio Oriente e che, come evidenzia la protesta studentesca, minaccia ora di avvelenare il mondo.Tregua senza pace e guerra senza fine: l’odissea di Gaza e Kiev

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3478 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3478 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
36 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
15 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
14 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
13 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
3 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS